Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Le migliori tecniche per imparare a rilassarsi

Di Francesca, pubblicato il 18/04/2018 Blog > Sport > Yoga > Prendere Lezioni di Yoga: Come Iniziare a Meditare?

Non lasciare che il comportamento altrui distrugga la tua pace interiore – Dalai Lama

La meditazione è spesso vista come un atto religioso o riservata a un circolo chiuso di praticanti dello yoga, spesso percepiti come delle persone stravanti.

Tuttavia, è una pratica aperta a tutti e può aiutare molte persone nel loro sviluppo personale, ma anche nella loro ricerca della felicità e nella loro gestione dello stress quotidiano.

Ma come si può imparare a meditare quando non si sa nulla a riguardo?

Ecco alcuni suggerimenti per coloro che desiderano iniziare a praticare la meditazione Zen.

Che cos’è la meditazione?

I monaci non sono gli unici a meditare, puoi farlo anche tu! La pratica della meditazione non è una prerogativa dei monaci buddisti!

La prima e più semplice definizione di meditazione è quella di “riflessione che approfondisce un soggetto, matura un progetto”.

In effetti, la meditazione è lontana dalla saggezza convenzionale e non è una prerogativa del buddismo e dei monaci che vivono solitari in monastero, lontani dalla civiltà. La meditazione non è legata a nessuna credenza, religione o spiritualità buddista. È uno strumento usato dai buddisti ma può essere usato da chiunque senza un grande cambiamento di stile di vita.

Anche se esistono molte tecniche di meditazione, è soprattutto un modo per ricollegarsi con il tuo inconscio e per prendere piena consapevolezza di te stesso.

Meditare significa diventare testimoni dei propri pensieri, emozioni e sensazioni fisiche, per imparare ad accettarli meglio e a integrarli nel proprio essere.

La meditazione è un’esperienza che richiede pratica.

Non imparerai a meditare leggendo dei libri. Come uno sport, è importante conoscere la teoria, ma è attraverso la pratica dello yoga e della meditazione che verranno fatti progressi.

Perché praticare la meditazione?

Per iniziare a meditare, prova la posizione del loto! La posizione del loto è la più adatta per iniziare!

La meditazione ha molti benefici per il corpo e la mente. Il vantaggio è che può essere praticata da tutti, non c’è bisogno di un’addestramento particolare per imparare a meditare.

La meditazione riduce il consumo di ossigeno, portando a un miglioramento sul piano sportivo.

La meditazione è particolarmente raccomandata per le persone che soffrono di ansia, per imparare a rilassarsi e a ridurre la sensazione di stress. Meditare aiuta quindi ad evitare la depressione o a cadere nel fatidico burnout.

Infine, la meditazione aiuta a prevenire l’insonnia negli individui stressati.

Anche la concentrazione aumenta attraverso la meditazione. Gli esercizi di respirazione aumentano gradualmente la capacità di rimanere concentrati.

Più pratichi la meditazione e più riduci il tuo dolore fisico, stimolando il tuo sistema immunitario in modo naturale: mal di testa, cicatrici, rischi cardiovascolari, dolori cronici, lotta contro le epidemie invernali…

Meditare facilita anche la perdita di peso attraverso la gestione controllata dello stress. Lasciarsi andare e pensare in modo positivo può aumentare l’autostima e aiutare a riprendere gradualmente la fiducia in se stessi.

Scopri i migliori documentari online su yoga e meditazione!

Come iniziare a meditare?

Ora che hai dimenticato i tuoi pregiudizi e ti sei convinto dai benefici della meditazione, passiamo alla pratica!

Come meditare concretamente?

La prima sessione di meditazione può essere complicata da eseguire. In effetti, la meditazione non si impara dall’oggi al domani. Bisogna farla, specialmente se è difficile rallentare nella propria vita quotidiana.

La pazienza è la madre di tutte le virtù, si dice. Applica questo concetto alla meditazione e non sentirti sconfitto se non riesci a “non pensare” le prime volte.

Esistono diversi metodi di meditazione profonda e con la pratica è possibile meditare ovunque, in qualsiasi momento della giornata, anche senza chiudere gli occhi!

Il luogo di meditazione è importantissimo! Il luogo in cui si medita ha tutta la sua importanza!

Ma quando iniziamo, è meglio seguire alcune semplici regole per facilitare l’apprendimento:

  • Trovare il momento giusto: provare a meditare in momenti diversi della giornata può aiutarti a trovare il momento perfetto per te. Questo può essere la mattina per iniziare la giornata o la sera per allentare la tensione, o anche la pausa pranzo per ricaricare le batterie senza il pisolino pomeridiano,
  • Scegliere un luogo tranquillo: con la pratica, possiamo ignorare il rumore e l’ambiente ma, all’inizio, è meglio optare per un posto con nessun rumore e disturbo visivo in cui tu possa sederti comodamente sul tuo tappetino. Il silenzio è la regola. Un ambiente familiare, come ad esempio quello di casa tua, può aiutare a rilassarti. Per aiutarti, puoi accendere una candela, dell’incenso o servirti di comodi cuscini. Uno sfondo musicale senza parole e tranquillizzante può anche aiutare alcune persone a ritrovare la calma.
  • Prenditi del tempo per meditare: e rispettalo! L’ideale è iniziare con 10 minuti di meditazione quotidiana. Se lotti, tieni questi 10 minuti e se sei bravo, fallo pure. L’obiettivo è la coerenza.
  • Adottare una posizione comoda: sdraiati in posizione savasana o adotta la posizione del loto, l’importante è mantenere la colonna vertebrale dritta. Con gli occhi chiusi o fissi su un punto di fronte a te, rimani fermo e rilassati.
  • Concentrati sul tuo respiro: respirare profondamente e diventare consapevole del tuo respiro è il primo passo verso la meditazione. Questa è la prima delle tecniche di rilassamento e la più facile da eseguire. Il respiro ti permette di rilassarti e di rilasciare la tensione.
  • Purificare il tuo stato d’animo: in un primo momento, sarà sicuramente difficile non pensare alle tue paure, ai tuoi desideri, alla tua to-do list…non importa, la tua mente ha bisogno di un periodo di tempo per riuscire a lasciar andare i pensieri senza alcun giudizio da parte tua e di raggiungere un livello di semplice contemplazione.
  • Non controllare i tuoi pensieri: lasciati andare! Ad ogni sessione, noterai i tuoi progressi e imparerai a domare i tuoi sentimenti senza cercare di controllarli costantemente.

Fare un passo indietro dopo ogni meditazione permette di renderti conto dei miglioramenti da raggiungere per focalizzarti esclusivamente su te stesso. Ma cerca di essere un po’ indulgente verso te stesso. Anche in questo caso, è normale non riuscirci la prima volta.

Dai un’occhiata agli effetti immediati di questo primo approccio: sei più sereno, più Zen? Hai raggiunto un livello di pace sufficiente? Sei riuscito a pensare a nient’altro che alla tua meditazione?

Praticare ogni giorno ti permetterà di conoscerti meglio e di vivere meglio con te stesso, adottando un atteggiamento più positivo e attento (come quando vuoi iniziare a seguire lezioni di yoga).

Come praticare la meditazione di consapevolezza?

Primo punto da ricordare se vuoi iniziare con la meditazione di consapevolezza: non si tratta di una performance.

L’obiettivo principale in un primo momento è quello di imparare a rilassarsi e in secondo luogo quello di analizzare il modo di meditare per sapere quali argomenti “ci occupano la mente” nella vita quotidiana e imparare a conoscersi meglio (come nella pratica dello yoga).

Si può iniziare a meditare in tenera età! Non esiste un’età giusta per imparare a meditare!

La benevolenza del praticante

Sii gentile con te stesso. Non esiste una meditazione buona o una cattiva. Si tratta di stare meglio e di essere consapevoli delle nostre emozioni.

All’inizio, soffermarsi sul proprio respiro può aiutare una persona a meditare. Ma questo non dovrebbe essere lo scopo della meditazione. Se ti rendi conto che usi la respirazione come oggetto della tua attenzione, è perché stai cercando di evitare certi argomenti che potrebbero apparire durante le tue meditazioni.

Se la tua mente sta vagando molto, è perché è molto occupata. Se, d’altra parte, un soggetto ritorna costantemente, è perché merita forse più attenzione in una situazione di piena consapevolezza.

Anche dopo anni di pratica, la mente continua a vagare da un soggetto all’altro. Dipende dai momenti della vita. L’importante è coltivare questo stato meditativo attraverso la pratica quotidiana.

I praticanti abituali giungeranno gradualmente a scegliere il loro oggetto di meditazione per fare dell’introspezione.

Sentire ogni parte del corpo

La meditazione mira anche a scansionare il corpo per verificare che tutto sia a posto e indugiare sulle sensazioni fisiche di ogni singola parte.

La cosa migliore è partire dall’alto e arrivare in basso, per non dimenticare nulla: viso, gola, petto, braccia, pancia, gambe, piedi…

Si tratta semplicemente di un’osservazione. Non provare a cambiare le tue sensazioni del momento o ad analizzarle. Basta rendersene conto. Un risultato globale dovrebbe emergere come risultato di questo passaggio in rassegna.

Attenzione verso l’ambiente

Si dice spesso che ci si debba concentrare esclusivamente su se stessi durante la meditazione. Ma la consapevolezza, non è anche una consapevolezza del tuo ambiente? Dai uno sguardo più da vicino a ciò che ti circonda e lascia che i tuoi sensi vedano ciò che sta accadendo in ogni momento della tua meditazione, qui e ora.

Cosa ascoltano le tue orecchie? Quali odori ti circondano? Che cosa sentono la tua pelle e le diverse parti del tuo corpo?

Osservare è sufficiente. Non forzarti di sentire qualcosa se sei in un ambiente silenzioso. Lascia che i suoni, gli odori e le sensazioni vengano a te e che tu li veda.

L’aiuto di un amico

Se desideri praticare la meditazione, puoi farlo anche con l’aiuto di un’altra persona. Anche se la pratica stessa è piuttosto individuale, iniziare a meditare con un’altra persona può aiutarti a motivarti, a scoprire altre tecniche e ad approfondire il tuo desiderio di continuare.

Yoga e corsa insieme? Scopri come!

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...
avatar