"La musica è per l'anima quello che la ginnastica è per il corpo" Platone

La batteria è uno degli strumenti più amati e usati in tutto il mondo. A differenza di altri tipi di percussione, per suonarla è importante avere un accessorio adatto a ogni batterista: le bacchette.

Queste sono come il prolungamento delle mani e delle braccia del batterista, per questo devono essere selezionate con cura.

A volte, decidere quali bacchette comprare può essere ancora più difficile che scegliere la batteria giusta, visto che ce ne sono di tutte le dimensioni, forme e materiale.

Cerchiamo di capire quali sono le bacchette più adatte al proprio stile di musica preferito.

Lezioni batteria: come scegliere punta, collo e fusto di una bacchetta?

Le bacchette per batteria sono di diverso materiale.
A ogni bacchetta la sua peculiarità!

Per colpire la grancassa è fondamentale avere il pedale. Per i piatti, la cassa chiara, il charleston e i tom bisogna invece usare le bacchette.

Le bacchette di una batteria sono costituite da 3 elementi principali: la punta, il collo, il manico

L'oliva o punta della bacchetta per batteria

La punta di una bacchetta, chiamata anche oliva, è la parte con cui si colpisce la pelle del fusto. Può avere diverse forme e, a seconda dell'angolatura con cui si colpisce il rullante, del materiale e della forma, può imprime al suono un timbro diverso.

Le olive possono essere fatte di nylon o di legno. Quelle di nylon sono molto resistenti e non rischiano di scheggiarsi a differenza delle olive in legno. Di contro, però, sono semplicemente incollate al resto della bacchetta e tendono a scollarsi con le vibrazioni. Inoltre, il suono prodotto dalle olive in nylon risulta meno naturale rispetto a quello delle olive in legno.

Per quanto riguarda la forma, l'oliva di una bacchetta può essere:

  • Triangolare. Produce un suono consistente, ricco e grave grazie alla superficie abbastanza ampia di cui gode.
  • Ovale. In questo caso il suono è caldo e cambia a seconda degli angoli di attacco della bacchetta. Questo tipo di oliva permette al batterista professionista di riprodurre tutte le sfumature sonore.
  • Rotonda, per un suono preciso, secco e uniforme. Quest'oliva è particolarmente indicata per la musica classica.
  • Cilindrica, per un suono pieno e un'ampia polivalenza

Ti stai chiedendo qual è il prezzo di una batteria?

Il collo o spalla di una bacchetta per batteria

La parte a V situata tra la punta e il corpo della batteria, può essere definita il collo della bacchetta. Anche se non incide sul suono prodotto dalla bacchetta, è molto importante per il suo equilibrio e per le vibrazioni.

Per capire quanto è importante il collo, basti pensare a una bacchetta con una punta piuttosto pesante. Con questo tipo di bacchetta è più difficile suonare le ghost notes o note fantasma all'interno di uno shuffle o swing.

Il collo che sostiene la punta aiuta a mantenere la bacchetta in equilibrio.

Il fusto della bacchetta per batteria

La parte centrale della bacchetta viene chiamata fusto e può avere un diametro e una lunghezza diversi, influenzando così il punto di equilibrio della bacchetta.

Il diametro e la lunghezza devono essere scelti in base alle caratteristiche fisiche del batterista. Se hai delle mani da giocatore di basket sarà più facile suonare con le bacchette di maggiore spessore. Se invece hai il fisico da fantino, avrai bisogno di bacchette più lunghe per poter raggiungere tutti i rullanti della batteria.

In genere, la lunghezza e il diametro della bacchetta sono espressi in pollici:

  • La lunghezza è compresa tra 12" e 17" (33-34 cm)
  • Il diametro è compreso tra 0,513" e 0,695" (1,3-1,9 cm)

Quando scegli le bacchette pensa quindi al timbro che vuoi imprimere al suono, scegliendo una punta adatta e impugna le bacchette per trovare l'equilibrio e la lunghezza adatte a te, facendo attenzione a collo e fusto.

Di che materiale sono fatte le bacchette per batteria?

Se suoni la chitarre elettrica, la chitarra acustica o il basso, sarai abituato a scegliere le corde di materiale diverso.

Nella batteria acustica o elettronica l'accessorio più importante sono le bacchette e anche in questo caso, il materiale fa la differenza.

Per suonare la batteria, infatti, devi scegliere delle bacchette non solo in base alla dimensione e allo spessore ma anche in base al materiale di cui sono fatte.

Scegli le bacchette per la tua batteria in base al tipo di legno.
Il materiale di cui sono fatte le bacchette ha un impatto sulla loro durata!

Le bacchette di noce bianco (hickory)

Il materiale più comune per le bacchette è il noce bianco, molto amato perché polivalente ed economico.

Il noce è più tenero della quercia e assorbe tutte le vibrazioni. Per essere sicuri di comprare delle bacchette di qualità che utilizzano il cuore, la parte nobile dell'albero, basta tenersi su una fascia di prezzo di 13-15 €.

Lo svantaggio delle bacchette di noce è che tendono a sbriciolarsi quando si usa spesso il rimshot, un colpo dato sia alla pelle sia al bordo di metallo del rullante.

Le bacchette di noce bianco hanno un ottimo rapporto qualità/prezzo.

Le bacchette in legno di quercia (oak)

La quercia è nota per la sua solidità, per questo le bacchette di questo tipo di legno sono molto resistenti. La quercia ha la tendenza a trasmettere le vibrazioni mentre un materiale più tenero le assorbe.

Puoi trovare delle bacchette economiche a 9-11 €.

Le bacchette di quercia sono adatte a uno metal.

Le bacchette in acero (maple)

Il legno di acero è uno dei materiali meno usati per la produzione di bacchette. L'acero è meno robusto rispetto alla quercia, ma è eccezionale per abbassare ritmi veloci.

Le bacchette di acero sono indicate per i batteristi jazz!

Le bacchette in materiali compositi

Alcune case produttrici realizzano delle bacchette in carbone che hanno il vantaggio di essere praticamente indistruttibili e assorbire il sudore e le vibrazioni.

Le bacchette in carbone, però, hanno anche degli inconvenienti.

In effetti il suono che producono non piace a tutti e non sempre garantiscono il giusto equilibrio.

Esistono anche delle bacchette in plastica, alluminio e perfino al LED, ma è sempre meglio optare per delle bacchette in legno.

Corsi batteria: quali sono le bacchetta della migliore marca?

Le case produttrici di batterie possono essere specializzate nella produzione delle percussioni o negli strumenti musicali in generale, inclusi gli accessori. Pearl, DW, Ludwig o TAMA sono alcuni dei marchi più noti. Se non sai quale scegliere, chiedi consiglio al tuo insegnante di batteria!

Il mercato delle bacchette per batteria è molto vasto e interessa le migliori marche per batteria e strumenti musicali in genere:

  • Vic Firth
  • Zildjian
  • Regal Tip
  • Meinl
  • Stagg
  • Vater
  • Pro-Orca
  • Pro-Mark
  • TAMA
  • Millenium

Ognuna di queste case produce innumerevoli modelli di bacchette.

Per aiutarti a scegliere ecco alcuni dei modelli Vic Firth più noti:

  • 2B, bacchette molto spesse leggermente più lunghe della media
  • 5B, bacchette spesse di lunghezza media
  • 5A, bacchette piuttosto fine di lunghezza media
  • 7A, bacchette molto fine e più corte della media

Non tutti i marchi usano la stessa denominazione per le bacchette. A volte puoi trovare le sigle SD, AA o HD, il che potrebbe rendere la scelta ancora più difficile.

Ci sono molte variabili da considerare quando scegli le tue bacchette per batteria.
Alcuni youtuber ti aiutano nella difficile scelta delle bacchette!

Diciamo che nella scelta della bacchetta, non è importante la marca ma la forma della punta, la lunghezza e lo spessore adatti al tuo stile di musica preferito.

Quali sono le bacchette più adatte a una batteria elettronica?

Per le batterie elettroniche ci sono delle bacchette specifiche. In genere hanno la punta in nylon e una parte di metallo che serve a limitare le vibrazioni all'impugnatura.

Le bacchette in metallo con la punta in nylon vanno bene per il pad in caucciù, ma non sono affatto consigliate per i pad in mesh, ossia le pelli a maglia che attutiscono il suono del tamburo.

Se prendi lezioni con una batteria acustica, mentre a casa ti eserciti con una batteria elettronica, è meglio non cambiare le bacchette... Cerca quindi di scegliere delle bacchette adatte alla tua corporatura, al genere di musica che suoni e a entrambi i tipi di batteria!

Altre tipologie di bacchette per batteria

Per rendere le diverse sfumature sonore con la tua batteria puoi selezionare delle bacchette con delle caratteristiche precise, anche a seconda del tipo di musica che suoni.

Spazzole per batteria jazz

Le spazzole sono largamente utilizzate nel jazz. Servono appunto a spazzolare le pelli dei tamburi regalando un suono dolce che difficilmente si ottiene con le classiche bacchette in legno.

Queste bacchette hanno la punta a forma di spazzola con setole di metallo o plastica. In alcuni tipi di spazzole il manico ha una terminazione circolare che può essere usata per suonare e produrre un timbro più deciso.

Le bacchette rods

Le bacchette rods sono composte da un insieme di sottili bastoncini di legno, betulla in genere. L'impugnatura in legno ha delle scanalature per facilitare la presa.

Producono un suono felpato, leggero e allo stesso tempo preciso. Queste bacchette sono utilizzate per dare un effetto speciale a un brano con una sonorità che si trova a metà strada tra quello dolce delle spazzole e quello forte delle bacchette classiche.

I battenti

I battenti sono un altro tipo di bacchette con una punta diversa rispetto alla classica oliva. Il manico di legno, infatti, termina con una sfera di feltro o lana.

Il timbro è decisamente diverso, con un effetto ancestrale e più melodico sui tom e più dolce e lungo sui piatti.

Questo tipo di bacchetta è anche utilizzato per il timpano delle percussioni classiche.

La forma delle bacchette per batteria cambia dalla spazzola al battente.
I battenti sono molto utilizzati nelle orchestre!

Le bacchette per batteria e lo stile di musica

Il consiglio più importante che ogni insegnante di batteria dà ai propri allievi è di non acquistare mai delle bacchette senza averle provate. Per capire se le bacchette sono adatte al genere di musica che suoni basta farti le domande giuste:

  • Sono equilibrate? Se compri un paio di bacchette non è detto che entrambe siano adatte a te per il semplice motivo che le nostre mani non hanno la stessa forza. L'ideale sarebbe comprare diversi pacchetti e provare ad accoppiare le bacchette da solo.
  • Sono facili da impugnare? Non ti resta che provare le bacchette sulla tua batteria. Ricordati che le bacchette pesanti sono più facili da impugnare, ma anche più difficili da controllare. Usa bacchette pesanti per il rock o l'heavy metal!
  • Il peso delle bacchette è adatto? Il peso dipende non solo dallo spessore e dalla lunghezza delle bacchette ma anche dal materiale di cui sono fatte. Prova la differenza tra una bacchetta di noce e una in acero! Le bacchette più leggere sono più adatte al jazz!
  • E' meglio prendere le bacchette corte o lunghe, leggere o pesanti? Le bacchette più lunghe imprimono più forza. Scegli le bacchette in base alla tua corporatura e al genere musicale. In genere, si usano le bacchette 7A per il jazz, 2B per il pop, 5A o B per il rock e metal.

Se non sai come rispondere a queste domande, chiedi aiuto al tuo insegnante di batteria!

Bisogno di un insegnante di Batteria?

Ti è piaciuto l'articolo?

5,00/5 - 1 vote(s)
Loading...

Catia

Traduttrice e scrittrice con una passione per le lingue