Pagina iniziale
Dare lezioni
,
Cerca vicino a casa mia Online

Top ville

Pagina iniziale
Dare lezioni
Eccellente
commenti

La nostra selezione di insegnanti privati/e di arabo a Trieste

5,0 /5

Il voto medio dato ai/alle nostri/e insegnanti di arabo a Trieste è di 5,0 con più di 3 commenti.

15 €/ora

Le migliori tariffe: il 100% dei/delle nostri/e insegnanti offre la prima ora di lezione. In media, le lezioni di arabo a Trieste costano 15€.

13 h

Veloci come saette, i/le nostri/e insegnanti ti rispondono in 13h.

Imparare non è mai
stato così semplice

2. Organizza le tue lezioni private di arabo a Trieste

Parla con l'insegnante di arabo per condividere le tue necessità e disponibilità. Programma le lezioni di arabo e pagale in tutta sicurezza attraverso la chat Superprof. Imparare l'arabo a Trieste non è mai stato così facile!

3. Vivi nuove esperienze

Il "Pass Alunno" ti consente l'accesso illimitato a tutti/e gli/le insegnanti, coach, maestri/e alle masterclass di Arabo a Trieste, o in altre città, oppure online, per 1 mese. Un mese intero per scoprire nuove passioni.

Le domande più frequenti:

✒️ Come sono valutati/e i/le tutor di arabo a Trieste ?

Gli/le allievi/e attribuiscono un punteggio medio di 5,0 su cinque su un campione di 3 commenti.

 

In caso di dubbi riguardo la nostra piattaforma, la nostra équipe è a tua disposizione per proporti rapidamente una soluzione (via telefono o e-mail cinque giorni su sette).

 

Scopri le FAQ!

💡 Per quale ragione scegliere di seguire un corso di lingua e grammatica araba a Trieste?

L'arabo è la quinta lingua più parlata al mondo: saperlo parlare rappresenta un enorme vantaggio nel mercato del lavoro, nonché una competenza preziosa a livello personale. I corsi di arabo con un/un'insegnante ti permetteranno di imparare più rapidamente.

Potrai scegliere il/la prof privato/a che meglio risponde alle tue esigenze e pianificare di persona o a distanza i corsi di arabo in completa libertà!

 

La messaggeria permette di conversare con il/la professore/essa per organizzare i corsi di arabo con tranquillità.

Il nostro motore di ricerca ti permetterà di trovare la perla rara tra 6 professori/esse di arabo a Trieste.

 

Fai click e lancia la ricerca!

💻 Si può apprendere la lingua araba via webcam con un/una prof di Superprof?

Ovviamente! La maggior parte dei/delle nostri/e insegnanti, oltre a dispensare lezioni presenziali, propongono corsi online.

 

Le lezioni a distanza sono più economiche rispetto a quelle faccia a faccia perché non ci sono supplementi di spostamento e sono più flessibili con l'orario perché si risparmia il tempo del tragitto.

 

I corsi di arabo via webcam sono un'eccellente opportunità per continuare a imparare a domicilio.

👩🏻‍🏫Quanti/e insegnanti privati/e sono disponibili per impartire lezioni di lingua araba a Trieste?

6 professori/esse di lingua araba danno corsi di lingua e grammatica araba a Trieste e nella zone limitrofe.

 

Puoi visitare gli annunci dei/delle maestri/e e selezionare quello/a che più si adatta alle tue esigenze a Trieste.

 

Per poter fare la scelta giusta, dai un'occhiata ai loro cv.

💸 Qual è la tariffa media di una lezione privata di arabo a Trieste?

A Trieste la tariffa media di una lezione privata di arabo è di 15 €.

 

L’esperienza dei/delle maestri/e, il luogo dove avverranno i corsi (internet o a casa dell'insegnante) e la posizione geografica o ancora la frequenza della lezioni e le tempistiche sono fattori che possono influire sul prezzo delle lezioni.

 

Molti/e insegnanti offrono la prima lezione (più del 97%)!

 

Voglia di iimparare?

Potrai scegliere tra moltissimi insegnanti di talento!

Visualizza più insegnanti Inizia subito

Corso arabo: i nostri consigli per diventare bilingue

La letteratura araba a Trieste per interrogarci sul nostro mondo

Dice il triestino Claudio Magris che la vera cultura non è quella che ci fa sentire comodi sul nostro divano, con il nostro libro in mano, ma quella che ci fa interrogare sul nostro essere, su quello che ci circonda. Insomma, la letteratura, quella vera, deve essere scomoda, deve mettere in discussione e non può essere accondiscendente.

Questo è vero in una società che amiamo definire moderna, come quella occidentale, ma lo è anche in una giovane, in continua trasformazione, alla ricerca di una propria identità: il mondo arabo!

Presso l’Università degli Studi di Trieste, puoi studiare Lingua e letteratura araba, ma se vuoi approfondire tematiche scottanti, per capire più a fondo quello che non tutti i libri d’esame hanno il tempo di dirti, non c’è nulla di meglio che leggere la letteratura e la poesia contemporanee. Cerchiamo di offrirti, qui, un breve excursus su alcuni testi, che potrebbero aiutarti a migliorare le tue conoscenze della lingua e ad appassionarti al mondo arabo, in generale.

E, se non dovessero bastare, potrai sempre chiedere ad uno dei nostri Superprof qualche spunto ulteriore.

Donne, sesso e omosessualità in Arabia Saudita

Da uno dei Paesi forse più controversi del mondo arabo abbiamo scelto un libo di Zaynab Hifni, giornalista e scrittrice saudita, che ha lavorato per tanti e diversi quotidiani. È molto criticata nel suo Paese, in particolare perché, tra le tematiche trattate nei suoi scritti, sesso e ruolo sessuale delle donne hanno un posto decisamente importante: anche se questo non è ovviamente fine a se stesso, i detrattori della Hifni sono convinti che lei lo faccia solo per aumentare le vendite.

Una delle sue opere più recenti, Donne presso l’Equatore, le è costata la censura, oltre che il divieto di uscire dal Paese.

Volti, un altro dei suoi libri che ti suggeriamo di leggere, narra di una donna, Suraya, e della sua vita dagli anni Cinquanta ad oggi (allo stesso tempo, quindi, leggiamo anche di oltre mezzo secolo di storia saudita). E tutto ciò, da un punto di vista cui non siamo abituati: la scalata verso il successo e i compromessi, cui i protagonisti del romanzo – volenti o nolenti – si adeguano.

La storia è affrontata dal punto di vista di tre persone: la protagonista principale Suraya, suo marito Hussein e un’altra donna con cui Suraya avrà una relazione. L’autrice riesce ad avere, nonostante i temi scottanti, un approccio neutro nei confronti dell’omosessualità e, anche per questo, Volti, esce dai luoghi comuni cui siamo abituati sul mondo saudita e arabo in generale.

Il ruolo dell’artista e del letterato nell’attirare l’attenzione su temi che fino ad ora nessuno aveva trattato è fondamentale e la Hifni riesce a rivestirlo appieno.

Algeria: due racconti della giovane Amal Bouchareb

L’odore e L’anticonformista rispondono ad un dubbio su cui la critica – araba e non solo – si arrovella, senza soluzione di continuità: esiste il giallo arabo? La risposta è ovviamente affermativa, anzi: pur su una struttura da giallo classico, i racconti della Bouchareb vanno ben oltre e ci parlano di società, di politica, di religione, …

Nello specifico, il tema che sottende L’odore è quello del nodo che affrontano le società in cui si vive un cambiamento di regime: ci si aspetta che chi partecipa ad uno sconvolgimento politico, una volta che il movimento riesce nel proprio intento rivoluzionario, abbracci l’arrivo del nuovo sistema politico, della democrazia nella fattispecie. Ed invece, alla fine, anche i protagonisti dei moti rivoluzionari trovano qualcosa di più affascinante nello status quo precedente e finiscono per tradire gli ideali di partenza.

Va detto che non vi sono chiari riferimenti geografici o socio politici che consentano di individuare con precisione il teatro di svolgimento degli eventi narrati, ma tutto fa indovinare che si tratti dell’Algeria, dove la scrittrice è cresciuta e ha studiato.

L’anticonformista, poi, tratta dal punto di vista di un’autrice araba il tema delle ONG e di come tutte queste associazioni, che pur dovrebbero operare per il bene dei migranti, alla fine si trovino ad agire per interessi propri. La novità rispetto ai saggi già usciti su questo tema è che qui il tutto assume la struttura della narrazione.

 

Se ancora non dovessi conoscere l’arabo, sappi che ti puoi fidare al cento per cento della traduzione di questi due testi: Amal Bouchareb, infatti, parla anche l’italiano e, quindi, si è occupata lei stessa di tradurre i suoi testi per noi.

Il poeta palestiniano - danese Yahya Hassan

Usciamo dal filone dei romanzi e dei racconti, per entrare in quello della poesia. Vi entriamo da una porta che potremmo definire scomoda, quella della questione palestinese; e lo facciamo con un autore scomodo e particolare, nato in Danimarca, da genitori palestinesi, migrati in Europa da un campo profughi del Libano.

Hassan è morto giovanissimo, all’età di 25 anni, in circostanze non del tutto chiarite, ma il successo che ha ottenuto è notevole: pensa che i suoi versi, scritti direttamente in danese, e raccolti in un volume dal titolo “Yahya Hassan” hanno venduto 120 mila copie in pochissimi mesi in Danimarca e oltre 9 mila copie nella traduzione tedesca, in solo una settimana.

Tutte le poesie sono scritte in maiuscolo, per espressa volontà del poeta: egli vuole che le sue poesie non siano semplicemente lette, ma esige che vengano urlate. Nelle sue poesie, Hassan critica quella che lui considera l’ipocrisia di un certo Islam, un modo cieco di vivere la religione; allo stesso tempo, critica il padre, uomo estremamente violento. Questi pochi versi, possono dare l’idea di quello che esprime la sua vena poetica:

TE VUOI LA PREGHIERA DEL VENERDÌ FINO AL PROSSIMO VENERDÌ

TE VUOI IL RAMADAN FINO AL PROSSIMO RAMADAN

E TRA LE PREGHIERE DEL VENERDÌ E I RAMADAN

TE GIRI CON IL COLTELLO IN TASCA

Hassan è critico anche nei confronti della società danese e del suo sistema educativo e di accoglienza: giovani in difficoltà e immigrati, secondo lui, non sono accolti da Copenaghen nel modo corretto, ma in con una violenza intrinseca, fisica e non solo.

Ecco: nelle donne di Zaynab Hifni, nei gialli di Amal Bouchareb e nei versi di Yahya Hassan, troviamo il significato delle parole di Claudio Magris sulla letteratura come strumento scomodo per interrogarci su quello che ci circonda.

Che cosa vuoi imparare?