Pagina iniziale
Dare lezioni

Corso di canto a Catania

🥇 I/le migliori insegnanti di Catania
💻 21 insegnanti disponibili
🔒 Pagamenti sicuri con Superprof
💸 Nessuna commissione

Qual è il tuo livello?

Eccellente
commenti su
Lezioni private con Superprof

La nostra selezione di insegnanti privati/e di canto a Catania

Visualizza più insegnanti

5,0 /5

Il voto medio dato ai/alle nostri/e insegnanti di canto a Catania è di 5,0 con più di 9 commenti.

23 €/ora

Le migliori tariffe: il 95% dei/delle nostri/e insegnanti offre la prima ora di lezione. In media, le lezioni di canto a Catania costano 23€.

3 h

Veloci come saette, i/le nostri/e insegnanti ti rispondono in 3h.

01

Trova il/la tuo/la insegnante di canto a Catania

Dai un'occhiata ai profili di Catania e contatta un/un' insegnante secondo i tuoi criteri (tariffe, diplomi, commenti, lezioni di canto a domicilio o via webcam)

02

Organizza le tue lezioni private di canto a Catania

Parla con l'insegnante di canto per condividere le tue necessità e disponibilità. Programma le lezioni di canto e pagale in tutta sicurezza attraverso la chat Superprof. Imparare a cantare a Catania non è mai stato così facile.

03

Vivi nuove esperienze

Il "Pass Alunno" ti consente l'accesso illimitato a tutti/e gli/le insegnanti, coach, maestri/e alle masterclass di Canto a Catania, o in altre città, oppure online, per 1 mese. Un mese intero per scoprire nuove passioni.

Scopri tutti/e i/le nostri/e insegnanti di canto a Catania

Essere seguiti dai/dalle migliori insegnanti per le tue lezioni di canto Catania

Il canto popolare a Catania

Tra i nomi di spicco che si legano ai tentativi di difesa e recupero della tradizione siciliana legata al canto popolare, abbiamo certamente Luca Recupero, Simona Di Gregorio e Matilde Politi, attivi nei progetti catanesi portati avanti presso il Centro Culturale Midulla di San Cristoforo.

Negli anni, il progetto denominato Unica vuci è stato tra i più mirabili, ma non certamente l’unico, tra quelli volti alla messa in risalto delle sonorità tipiche della canzone popolare catanese, tramite gruppi corali del luogo.

Gli studiosi ed i cultori di musica popolare siciliana, a Catania, non mancano certamente: Pasqualino Cacciola, Biagio Guerrera ed altri, tramite iniziative associazionistiche come quelle dell’Associazione musicale etnea, fanno rivivere e nutrono in continuazione l’amore per il canto popolare siciliano. Ugualmente, laboratori e tavole rotonde periodicamente organizzati ad opera dei Cantieri Culturali della Zisa di Palermo fanno da fonte ispiratrice in tutta la Sicilia.

Il canto polivocale tradizionale

A Catania, ed in altre città siciliane, questo genere musicale, che conta oggi esecuzioni rare ed è, dunque, a volte misconosciuto, si è sviluppato attorno a pratiche quotidiane e tradizionali tipiche di un sostrato socio-culturale sui generis.

I racconti dei pescatori siciliani, dei “mennulari” (raccoglitori di mandorle) della provincia e dell’entroterra, dei pescatori delle tonnare, dei braccianti agricoli di Catania e di altre città sono da sempre al centro di questo genere canoro.

Sebbene, oggi, queste professioni faticose e rischiose non siano più al centro dell’economia siciliana, tutto il vissuto sociale, economico e famigliare legato ad esse sopravvive nel patrimonio identitario siculo ed è mantenuto in vita dalle esecuzioni canore popolari.

Il canto popolare siciliano, insomma, non è tanto uno sguardo al passato, ma un radicamento del presente in ciò che del passato persiste.

Il mare è ancora un simbolo chiave della Sicilia, poiché la sua economia può ancora basarsi su di esso. Il mare è all’origine dello scambio culturale trans-siciliano ed il mare resta il tema chiave di una musica attenta all’identità attuale, carica di passato e vogliosa di futuro.

Lavori eruditi sul canto popolare di Catania e dintorni

Partendo da lavori ed opere dell’etnomusicologo e compositore siciliano Alberto Favara (morto nel 1923, dopo aver catalogato oltre 1.080 trascrizioni su pentagramma!), l’analisi e l’ascolto del canto siciliano popolare consentono di penetrare con l’orecchio, ma anche socialmente, in un universo reale e quotidiano, attuale e passato. Certamente storicizzabile.

Il canto va eseguito, non solo analizzato, come qualcosa di vecchio e passato. Al contempo, tuffarsi nella canzone popolare siciliana oggi, con le nostre nuove appartenenze sociali e globali, significa ancorarsi ad una storia passata e recente, con maggior cognizione di causa, data la nostra attuale condizione, scevra da appartenenze di classe vincolanti e limitanti dal punto di vista della comprensione e della partecipazione musicale.

Il senso del canto popolare, che oggi può tornare utile per illuminare il presente, sta in una condivisione quanto più ampia possibile, cosa che corrisponde anche alla natura del canto polivocale.

Il lavoro storiografico porta alla luce elementi strabilianti. In pochi sanno, ad esempio, che spesso i barcaioli siciliani si univano a ciurme miste, fatte di inglesi, irlandesi e altra gente di passaggio. Da qui scaturivano canzoni con testi in una lingua oggi incomprensibile ai più, fatta di miscugli di siciliano e vari tipi di inglese!

Caratteristiche del canto popolare alla luce della storia

Il vissuto che traspare dalle canzoni siciliane non ha solo una carica sociale densissima, ma svela eventi storici, dominazioni varie e numerose, che da un secolo all’altro hanno edificato costumi, sonorità e idiomi siciliani.

È del 1883 la prima pubblicazione della Casa Editrice Ricordi di Cinquanta Canti Popolari Siciliani raccolti e Trascritti da Paolo Frontini. Ma le composizioni popolari abbondavano già nei secoli precedenti.

Il canto popolare, infatti, nasce prestissimo: da una ripresa delle elegie funebri e degli inni sacri, tipici dell’età greca, poi della tradizione araba, infine trasformati durante la dominazione normanna.

La componente ellenica è ad oggi riconoscibilissima nelle melodie considerate “tipicamente siciliane”. Pensiamo a quel discendere dall’acutissimo al grave.

Fra l’altro, ogni zona della Sicilia ha fatto proprie delle scale preferenziali, divenute addirittura tipizzanti di un piccolo comune piuttosto che di un altro (pensiamo al cosiddetto “motto del paese”).

I modi ellenici sono comunque sempre all’origine di ogni composizione. La variazione, ad esempio, tecnica ricorrente nel canto popolare catanese e siciliano, è quasi sempre melismatica (fioriscono suoni su una sillaba o una vocale del testo).

Ogni fioritura, o abbellimento, si caratterizza per la presenza di intervalli più piccoli del semitono, che potrebbero risalire tanto al genere enarmonico greco della “chroai”, quanto alle scale arabe, ricche di questo genere di intervalli.

Il modo di intonare la voce del canto popolare siciliano svela l’influsso saraceno, per via dell’asprezza e della tensione vocale richieste.

La canzone popolare siciliana ha un divenire ed un destino ampiamente intrecciati al sentire religioso, dato che, spesso, i canti nascono per manifestare giubilo o sofferenza, in relazione ad eventi come la Pasqua (pensiamo alle lamentazioni) e alla nascita di Cristo (pensiamo ai canti che accompagnano il Presepe vivente).

Anche la tradizione dei cantastorie, ormai in via di declino inesorabile, fa parte dell’ambito canoro siciliano tradizionale. I cantastorie erano un tempo divisi in due categorie: gli “orbi” (persone non vedenti) ed i cantori ambulanti.

I primi erano soliti vagare nei dintorni di luoghi sacri, dato il loro handicap che impediva un nomadismo più ampio e si dedicavano a racconti e canti religiosi. I secondi, invece, erano dediti a raccontare storie di carattere profano e a cantare ballate cavalleresche.

Il declino di questo genere di canto popolare si deve a diversi fattori: dalla musica di consumo, all’intellettualizzazione dei contenuti dei testi, al fatto che narrare di cronaca quotidiana poteva dar adito a censure di carattere politico-istituzionale.

Diversi “editti”, infatti, fecero in modo che il cantastorie profano non potesse liberamente dar luogo a racconti realistici, in diverse province, anche lontane da Catania.

Le domande più frequenti:

💶 Quanto si paga per seguire un corso di canto a Catania?

Il prezzo medio di un corso privato di chitarra a Catania è di 23. Questo prezzo cambia da insegnante a insegnante e dipende da tre fattori:

  • L'esperienza e la formazione dell'insegnante.
  • Il luogo delle lezioni: si faranno a domicilio dell'alunno/a, a domicilio del/della professore/essa, online o altrove?
  • La cadenza e il formato delle lezioni.

La maggior parte dei/delle nostri/e insegnanti di canto offre il primo corso.

 

Vai a vedere la tariffa dei/delle insegnanti di canto nella tua zona facendo una rapida ricerca su Superprof.

⏰ Si trovano docenti disponibili per dare lezioni private di canto a Catania?

Gli insegnanti di musica e canto a Catania non sono pochi. Troverai infatti più di 21 insegnanti disponibili per impartire lezioni di musica e canto.

 

Si desideri trovare un/a insegnante perfetto per i tuoi obiettivi, non esitare a confrontare i profili dei/delle professori/resse di canto di Catania ed entra in contatto con quello che più attira la tua attenzione.

 

Prima di scegliere il profilo puoi guardare le informazioni del suo annuncio, i commenti dei/delle vecchi studenti/tesse e trovare dettagli riguardo ai prezzi.

 

Trovare un/ua maestro/a privato/a di musica e canto è un gioco da ragazzi!

💻 Si può imparare il canto a distanza con un/una prof trovato/a su Superprof?

Certamente! Molti/e dei/delle nostri/e insegnanti, oltre a dispensare lezioni presenziali, propongono corsi a distanza.

 

Le lezioni via webcam sono più economiche rispetto ai corsi a domicilio perché non ci sono supplementi di trasporto e sono più flessibili con l'orario perché si risparmia il tempo del tragitto.

Le lezioni di canto online sono un'eccellente opportunità per imparare senza uscire di casa.

🎤 Per quale motivo seguire un corso di musica e canto a Catania?

Chi non ama canticchiare le proprie canzoni preferite sotto la doccia? Purtroppo però il risultato rischia spesso di essere cacofonico se non si hanno le buone basi, per la gran gioia dei vicini. E a chi non piacerebbe avere una voce perfettamente intonata, che riesca a conquistare chiunque l'ascolti?

La buona notizia, è che nessuno nasce con una voce da cantante lirico/a: il canto si impara, così come si impara a suonare il pianoforte o qualsiasi altro strumento musicale.

Quando usi la voce, devi stare attento a tanti aspetti diversi, tra cui il ritmo, l'intonazione, il respiro, la durata delle note, ecc. Quando ti eserciti, obblighi la tua mente a rimanere molto concentrata per eseguire al meglio i tuoi brani preferiti. Questo ha un effetto molto importante sul tuo cervello e sul suo sviluppo.

 

Come puoi fare per perfezionare la tua voce?
Imparare un nuovo pezzo richiede pazienza e tantissimi sforzi. Prima di poterti esibire davanti a un pubblico senza commettere errori, dovrai esercitarti per diversi mesi. Il pensiero di poter un giorno cantare un brano che ti emoziona stimolerà la tua motivazione. Imparerai così ad essere perseverante e aumenterai la tua fiducia in te stesso. Questa abilità è particolarmente utile quando nella vita capita di dover affrontare momenti difficili, riguardino essi la sfera privata o professionale.

 

Imparare a usare le proprie corde vocali rappresenta una vera e propria gara con se stessi. La pratica regolare e lo studio frequente non solo aumentano la tua perseveranza, ma ti permetteranno anche di avere una maggiore forza di volontà. Per imparare a cantare senza errori, non ci sono scorciatoie... Dovrai praticare molto. Ma con un po' di pazienza, vedrai dei notevoli miglioramenti e niente ti sembrerà più impossibile.

 

Sapevi che il canto può anche perfezionare la tua intelligenza emotiva?
Inoltre, cantare sviluppa la tua sensibilità uditiva. Si tratta di due qualità davvero importanti quando si ha uno scambio con altre persone. Riveli i tuoi sentimenti non solamente attraverso il tuo linguaggio corporeo, ma anche attraverso la modulazione della tua voce e l'intonazione. Le persone in grado di cantare sanno anche ascoltare con attenzione.

✍🏻 A Catania, qual è il voto medio che hanno ricevuto li/le nostri/e maestri/e di musica e canto?

In totale, i/le nostri/e prof hanno ricevuto 9 commenti da parte degli/delle alunni/e. Il voto medio ricevuto dai/dalle insegnanti di musica e canto a Cataniaè di 5,0 /5.

 

Dietro Superprof c'è una squadra disponibile dal lunedì al venerdì per aiutarti. Puoi contattarci per telefono o per mail, o in alternativa consultare questa sezione dove rispondiamo alle domande più frequenti.