Eccellente
commenti

La nostra selezione di insegnanti privati e private di fisica a Bologna

Visualizza piĂą insegnanti

5,0 /5

Il voto medio dato ai nostri e alle nostre insegnanti di fisica a Bologna è di 5,0 con più di 243 commenti.

15 €/ora

Le migliori tariffe: il 96% dei nostri e delle nostre insegnanti offre la prima ora di lezione. In media, le ripetizioni di fisica a Bologna costano 15€.

4 h

Veloci come saette, i nostri e le nostre insegnanti e tutor ti rispondono in 4h.

Imparare Fisica a Bologna non è mai
stato così facile.

2. Organizza le tue lezioni private di fisica a Bologna

Parla con l'insegnante di fisica per condividere le tue necessità e disponibilità. Programma le lezioni di fisica e pagale in tutta sicurezza attraverso la chat Superprof. Trovare lezioni di fisica a Bologna non è mai stato così facile.

3. Vivi nuove esperienze

Il "Pass Alunno" ti consente l'accesso illimitato a tutti gli (e tutte le) insegnanti, tutor, docenti, alle masterclass di Fisica a Bologna, o in altre cittĂ , oppure online, per 1 mese. Un mese intero per scoprire nuove passioni.

Le domande piĂą frequenti:

🧑‍🏫Quanti e quante insegnanti sono disposti (o disposte) a impartire ripetizioni di fisica a Bologna?

A Bologna e dintorni ci sono 904 maestri privati e maestre private disponibili per corsi privati di fisica.

 

I criteri che dovresti tenere in conto per selezionare l'insegnante piĂą adatto a te sono:

  • La tariffa. Oltre al costo orario, puoi verificare se l'insegnante propone un pacchetto di piĂą ore, o altre tariffe speciali.
  • La distanza dal tuo domicilio.
  • La sua esperienza e la sua formazione in relazione al livello ricercato; per ogni esigenza esiste l'insegnante ideale!
  • Le raccomandazioni degli altri allievi e delle altre allieve

Vedrai che seguendo questi criteri, trovare il o la docente ideale sarĂ  semplicissimo

✍🏻 A Bologna, qual è il voto medio che hanno ricevuto i nostri e le nostre prof

I nostri e le nostre prof di fisica di Bologna hanno ricevuto un totale di 243 opinioni e il voto sulla media globale è di 5,0 /5. Non male, no?

 

Dietro Superprof c'è un'equipe disponible dal lunedì al venerdì per aiutarti. Puoi contattarci per telefono o via mail.

 

Per ulteriori dubbi, puoi consultare le nostre FAQ, dove rispondiamo ai dubbi piĂą frequenti.

 

Puoi contattarci via telefono o per mail.

💻 Se trovo un o una prof di fisica che mi interessa ma siamo lontani, è possibile fare le lezioni a distanza?

Certamente! La maggior parte dei e delle nostre insegnanti, oltre a dispensare lezioni presenziali, propongono corsi via webcam.

 

Le lezioni a distanza sono meno care rispetto ai corsi a domicilio perché non ci sono supplementi di spostamento e sono più flessibili con l'orario perché si risparmia il tempo del tragitto.

 

I corsi di fisica online sono un'ottima opportunitĂ  per imparare e alzare la propria media. Ti basterĂ  avere un computer, una connessione a internet e il tuo quaderno di fisica a portata!

💸 Qual è il costo medio di una lezione di fisica a Bologna?

A Bologna, come nelle altre città, la tariffa di un corso di fisica può variare a seconda:

  • Dell'esperienza del (o della) tutor di fisica.
  • Il luogo in cui avverranno i corsi: a casa dello studente o della studentessa, a casa dell'insegnante, via webcam o in un altro luogo, come una sala studio o una biblioteca?
  • La cadenza e la durata dei corsi.

 

Scopri le tariffe dei e delle prof nella tua zona con una semplice ricerca su Superprof.

🔭 Perché cercare un o un’insegnante di fisica a Bologna può essere una buona opzione?

La fisica è una materia molto importante e spesso critica nel percorso scolastico di molti allievi e molte allieve delle medie (si fa all'interno della materia "scienze"), delle scuole superiori e talvolta anche per gli studenti universitari.

 

Molti giovani ammettono di avere grandi difficoltà con la fisica. Questo è dovuto almeno in parte a precedenti lacune accumulate nelle materie scientifiche, la matematica prima fra tutte. Di conseguenza, è spesso importante programmare lezioni supplementari di fisica in casa oppure via webcam non appena si manifestano le prime difficoltà, per permettere di colmare le lacune in tempo senza accumulare troppo ritardo.

 

Decidere di seguire ripetizioni di fisica è una buona scelta, non solo per gli alunni e le alunne che manifestano difficoltà di comprensione, ma anche per i e le discenti che desiderano migliorare la propria media, prepararsi per l'anno seguente, o per un esame importante.

 

Che cosa aspetti a entrare in contatto con i nostri e le nostre tutor di fisica a Bologna?

Vuoi imparare Fisica a Bologna?

Potrai scegliere tra moltissimi insegnanti di Fisica di talento!

Visualizza piĂą insegnanti Inizia subito

Ripetizioni fisica: i nostri consigli per scoprirne tutti i segreti

La facoltĂ  di Fisica a Bologna

Se stai ancora indugiando circa la tua prossima iscrizione all’Università, e se hai un po’ il pallino della fisica, ti presentiamo a seguire alcune informazioni utili per dirimere ogni perplessità.

A Bologna, la città universitaria per eccellenza, sono tanti gli studenti che intraprendono la via delle scienze esatte. Ciò a dispetto di quello che un passato altamente umanistico dell’antica città potrebbe far pensare.

Bologna non è solo la città delle arti e della cultura letteraria, della danza e dello spettacolo, della coscienza politica e della musica di strada. L’Ateneo Alma Mater Studiorum propone corsi di laurea triennale e specialistica in Fisica di ampio respiro.

Si tratta di un percorso approfondito nelle discipline fisiche di base ed applicate, basato principalmente sull’applicazione del metodo scientifico per il problem solving.

Il triennio mette gli studenti nelle condizioni di poter adoperare strumenti matematici ed informatici per modellizzare i sistemi fisici. Anche acquisizioni fondamentali per l’utilizzo delle moderne strumentazioni e tecnologie fisiche sono assicurate nel percorso triennale in Fisica. Addirittura un 40 per cento degli iscritti in Fisica proviene da fuori regione e quasi il 90 per cento dei laureati si dichiara soddisfatto del percorso seguito (d’altra parte, i laureati in Fisica presso l’Ateneo lavorano tutti!).

Il piano didattico della Fisica a Bologna

Il primo anno di corso prevede i seguenti insegnamenti con relative prove d’esame:

  • Algebra e geometria
  • IdoneitĂ  lingua inglese B2
  • Meccanica
  • Chimica
  • Fenomeni termici
  • Analisi matematica 1
  • Laboratorio di meccanica e termodinamica
  • Programmazione per la Fisica

Il secondo anno propone le seguenti attivitĂ  formative obbligatorie:

  • Analisi matematica 2
  • Elettromagnetismo
  • Fisica dei solidi e dei fluidi
  • Fenomeni ondulatori
  • Fisica relativistica
  • Meccanica analitica
  • Metodi matematici della fisica
  • Laboratorio di elettromagnetismo e ottica

Il terzo anno di corso, invece, prevede l’insegnamento e la frequenza dei corsi:

  • Fisica nucleare e subnucleare
  • Fisica della materia
  • Laboratorio di elettronica
  • Meccanica quantistica

I corsi a libera scelta per completare il piano di studi proposti a Bologna sono:

  • Astrofisica
  • Fisica della terra
  • Introduzione alla fisica dei sistemi complessi
  • L’insegnamento della fisica: aspetti teorici e aspetti sperimentali
  • Ottica applicata
  • Elementi di fisica biomedica sanitaria
  • Elementi di ottica quantistica
  • Elementi di teoria della relativitĂ  generale
  • Fondamenti di fisica dell’atmosfera ed elementi di meteorologia
  • Introduzione alla fisica degli stati condensati
  • Topics in mathematical methods and models in theoretical physics

La preparazione della tesi avviene frequentando il Dipartimento o un laboratorio UNIBO o esterno, previo accordo con il relatore.

L’Officina di Narrazione della Scienza (ONSCI)

Tra le ricche e varie opportunità offerte a coloro che studiano Fisica a Bologna, v’è anche quella di prendere parte alla Summer school per coloro che intendono diventare ricercatori ed insegnanti.

“Come si comunica la scienza” è oggi uno dei problemi maggiormente al centro del dibattito didattico e scientifico. Le scienze esatte, in particolare, necessitano di un continuo aggiornamento dei metodi di trasmissione di saperi, competenze, scoperte.

La Summer school è incentrata sull’uso dello storytelling tramite seminari divulgativi, specialistici, attività didattiche e public engagement. Le ore laboratoriali, le lezioni teoriche, le testimonianze e gli spettacoli dimostrativi occupano pienamente le ore dei quattro giorni di Summer school che, gratuitamente, vedono come fruitori studenti del terzo anno della triennale, ricercatori, dottorandi, insegnanti.

Fisica e comunicazione

Se saper comunicare la scienza – e in particolare una disciplina come la fisica – è così rilevante è perché non solo essa spiega e può migliorare gran parte del nostro vivere. La fisica è anche una fonte inesauribile di progresso, umano, individuale e societario. Saperla gestire – regolamentandola, agevolandola, facendola conoscere, orientandola opportunamente negli obiettivi – è indispensabile ad una fruizione ottimale dei progressi conoscitivi.

La fisica, infatti, non ci consente solo di capire il mondo e di avanzare tecnologicamente. Essa comporta la creazione, la propagazione e lo scambio di numerosi simboli, concetti e valori in grado di attribuire senso alla realtà. Il modo in cui noi capiamo e spieghiamo questa realtà si serve anche di segni, formule e ragionamenti messi in circolo dalla fisica. E ciò accade a prescindere dall’ambito specifico. I media tutti, la politica, l’arte cinematografica, come il teatro: tutto e tutti usano oggi la scienza come forma, come contenuto, come mezzo, come corollario o come obiettivo e fine.

La fisica, come la scienza, è oggi sulla bocca di tutti. E i cittadini, le democrazie, sanno che saperla adoperare, manipolare e comunicare è indispensabile in ogni scambio: nella nascita di gruppi, classi, categorie.

Il ruolo della scienza, la sua messa in evidenza come fulcro del progresso e come diritto alla conoscenza da parte di ogni categoria, è oggi cruciale.

I governi, oltre agli studiosi, lo sanno bene. E a ciò si deve l’implementazione di diversi programmi e strategie formative volte ad affinare le tecniche comunicative, come quelle di selezione delle informazioni.

L’epoca pandemica, in particolare, vede scienziati e supertecnici tentare di dialogare con i non addetti ai lavori. Questi ultimi, a differenza delle epoche passate, sono oggi propensi ad ascoltare, a presumere di capire, a pretendere di vederci chiaro.

In parallelo, i non addetti ai lavori si fanno piĂą o meno consapevolmente portatori di informazioni, conoscenza, credenze, fatti. I giornalisti, insieme ai comuni cittadini, fanno parte di questo insieme di fruitori della scienza e, come i primi, possono commettere leggerezze oppure errare nella scelta terminologica e negli esempi esplicativi.

Sapere comunicare la scienza vuol dire dapprima saperla recepire, in seguito saperla semplificare, sintetizzando senza far torto ai principi, alle teorie, alle prove dei numeri.

Saper operare con i dati, saper raccontarli ed approfondire la natura delle loro relazioni è indispensabile, in questa società. I comunicatori scientifici possono avere un grandissimo potere, che di certo non passa inosservato tra i politici ed anche all’interno della comunità scientifica.

E se l’ottimizzazione della tecnocrazia passasse per il raffinamento del rapporto con la scienza?

Che cosa vuoi imparare?