Non è tanto dell'aiuto degli amici che noi abbiamo bisogno, quanto della fiducia che essi ci aiuterebbero nel caso ne avessimo bisogno – Epicuro

La fobia scolastica non è un capriccio d’infanzia. Non è nemmeno il rifiuto di imparare. Si tratta invece di una paura viscerale di andare a scuola. Proprio per questa ragione, si parla di fobia, il genere di paura incontrollata e incontrollabile, durante la manifestazione della quale la ragione non esiste più.

Secondo i dati più recenti, i bambini in età scolastica dell'obbligo che ne soffrono nel nostro paese sono tra l1% e il 5%.

È fondamentale essere informati su questo malessere, che può avere conseguenze gravissime sull’avvenire del bambino e la sua salute mentale. Vediamo, allora, quali sono le cause della fobia scolastica, come individuarle, quali siano gli impatti che può avere sui soggetti interessati e le soluzioni per risolvere il problema.

I/Le migliori insegnanti di Ripetizioni disponibili
Riccardo
5
5 (33 Commenti)
Riccardo
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Filippo
5
5 (28 Commenti)
Filippo
35€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Daniele
5
5 (42 Commenti)
Daniele
15€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Frank
5
5 (16 Commenti)
Frank
13€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Giulia
5
5 (13 Commenti)
Giulia
13€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Deborah
5
5 (32 Commenti)
Deborah
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Andrea
4,8
4,8 (11 Commenti)
Andrea
35€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Marianna
5
5 (17 Commenti)
Marianna
19€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Riccardo
5
5 (33 Commenti)
Riccardo
25€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Filippo
5
5 (28 Commenti)
Filippo
35€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Daniele
5
5 (42 Commenti)
Daniele
15€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Frank
5
5 (16 Commenti)
Frank
13€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Giulia
5
5 (13 Commenti)
Giulia
13€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Deborah
5
5 (32 Commenti)
Deborah
20€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Andrea
4,8
4,8 (11 Commenti)
Andrea
35€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Marianna
5
5 (17 Commenti)
Marianna
19€
/h
Gift icon
Prima lezione offerta!
Inizia subito

Quali sono le cause della fobia scolastica?

La fobia scolastica non ha un’origine sola: le cause sono diverse e variegate.

È importante sapere che vi sono dei momenti a maggiore rischio, nella vita di un bambino, di sviluppare una fobia scolastica. Questi sono:

  • L’inizio della scuola elementare
  • L’inizio della scuola media
  • L’inizio della scuola superiore

A queste età, i bambini e i ragazzi corrono un rischio più elevato di soffrire di un disturbo di ansia legato alla scuola. Allo stesso modo, anche i bambini particolarmente intelligenti, seri e che hanno investito tanto nella scuola ne possono essere spesso vittime.

Le cause che stanno dietro alle fobie scolastiche sono diverse, ma l'importante è individuare i segnali quanto prima.
Le cause possono essere diverse: prese in giro, paura dell'insuccesso, violenza psicologica o fisica, ...!

Ecco le diverse possibili cause della fobia scolastica:

  • L’angoscia della separazione, che appare entro i 7 – 8 anni di età
  • Un evento traumatico nella vita del bambino, come:
    • Trasloco
    • Separazione
    • Cambio di scuola
    • Decesso di un parente vicino …
  • Il bullismo fisico o morale esercitato dai pari
  • L’umiliazione, le prese in giro da parte dei compagni o degli insegnanti
  • Una differenza culturale o sociale, che complica l’integrazione e obbliga il bambino a “interpretare un ruolo”
  • Una difficoltà di adattamento con gli altri ragazzi della sua età
  • Una precocità
  • Dei disturbi acustici (è difficile percepire gli elementi non verbali e quindi adattarsi alla situazione)
  • Una dislessia
  • Il temperamento del bambino: un bambino sensibile, timido, di natura poco socievole avrà una tendenza maggiore a sviluppare una fobia scolastica
  • La paura dell’insuccesso
  • L’incertezza rispetto al futuro
  • L’individualismo
  • L’isolamento indotto dall’utilizzo smodato degli smartphone
  • L’importanza crescente data all’immagine da parte dei social network

È importante tenere a mente che molto spesso non c’è una sola causa della fobia scolastica. Sono diversi elementi che possono interagire e far sì che il bambino o l’adolescente abbiano paura di andare a scuola.

Inoltre, è il ripetersi delle situazioni a generare una fobia scolastica. Per esempio, uno scherzo pesante ma isolato non avrà conseguenze dirette, ma se si tratta invece di una umiliazione subita ogni giorno o ogni settimana, allora i rischi per il soggetto di diventare ansioso e di sviluppare sintomi di fobia scolastica sono più elevati.

Scopri l'offerta di ripetizioni Superprof!

Come puoi individuare le manifestazioni di fobia scolastica in tuo figlio?

Per evitare che la fobia scolastica si installi in modo duraturo e che comporti delle conseguenze gravi sulla salute del bambino e sul suo avvenire, è importante imparare a riconoscerne i segnali.

Puoi forse pensare che tuo figlio non ami la scuola (come buona parte dei bambini e dei ragazzi in età scolastica del resto). Ma come essere sicuro che si tratti di una vera fobia scolastica e non di un semplice rifiuto di imparare o di andare a scuola?

L'interpretazione tempestiva di questi segnali è fondamentale per aiutare tuo figlio.
Vi sono segnali che non tradiscono!

Come abbiamo visto poco sopra, vi sono alcune situazioni che devono farti prestare maggiore attenzione, come un trasloco improvviso, la morte di un parente o una separazione tra e te e l’altro genitore. Allo stesso modo, all’entrata nella scuola elementare e alle medie, se tuo figlio è di natura sensibile, timida e solitaria, i rischi sono maggiori.

In queste situazioni, allora, devi prestare un’attenzione particolare a tuo figlio. Ma, per aiutarti, ti abbiamo preparato una breve lista di altri segnali da prendere in conto:

  • La verbalizzazione della paura della scuola: alcuni bambini riescono perfettamente a comunicare a genitori e insegnanti i loro timori e potranno quindi verbalizzare chiaramente la paura sentita nel varcare il portone dell’edificio scolastico. È più semplice per te poterlo aiutare a superare il suo turbamento
  • Tremori
  • Convulsioni
  • Sudori
  • Pianti
  • Nausea
  • Vomito
  • Mal di testa
  • Mal di pancia
  • Eczema
  • Difficoltà a respirare, sensazione di soffocamento
  • Sensazione di malessere
  • Dolori al petto
  • Difficoltà a dormire
  • Sonno disturbato
  • Grida
  • Grisi d’angoscia
  • Irritabilità, collera e violenza
  • Mancanza di fiducia in sé …

Il bambino, in questi casi, sarà nella totale incapacità di uscire da casa, ma i problemi possono insorgere anche al momento di uscire dall’auto o quando il bambino sarà in aula.

Un sintomo isolato e occasionale non deve essere considerato come fobia scolastica. È la ripetizione di questi disturbi, con intensità via via crescente, che dovrebbe metterti in allerta.

Per esempio, il bambino può iniziare con l’avere mal di pancia ogni mattina al momento di andare a scuola. E questo dura più di una settimana, puoi iniziare a pensare ad una fobia sociale, soprattutto se i sintomi scompaiono nel weekend.

Allo stesso modo, se il mal di pancia si trasforma in nausea o in vomito e se in sintomi scompaiono quando il bambino non va a scuola, si può parlare di una fobia scolastica.

Cerchi ripetizioni a Napoli e provincia?

Quali sono le conseguenze della fobia scolastica?

La fobia scolastica deve essere presa in cura tempestivamente, perché altrimenti le conseguenze rischiano di essere disastrose, tanto sulla scolarità, quanto sulla salute del bambino o del ragazzo:

Tra i rischi ci sono l'asocialità e l'insuccesso scolastico e professionale.
Una terapia va affrontata prima che sia troppo tardi!
  • Un assenteismo ripetuto: di fronte all’incapacità del bambino di andare a scuola, è inutile costringerlo. Ma allora perderà diversi giorni di scuola o seguirà i corsi a singhiozzo
  • Un ritardo nell’apprendimento: perdere più giorni di scuola consecutivi e/o in modo ripetuto causa spesso un ritardo nell’apprendimento
  • Un abbassamento dei risultati scolastici: perdere delle lezioni non facilita la memorizzazione e l’apprendimento il bambino rischia di non riuscire a superare interrogazioni e compiti in classe e di vedere abbassarsi drammaticamente la media dei suoi voti, con un rischio elevato di abbandono scolastico
  • La bocciatura: se lo studente non riesce ad ottenere la sufficienza sull’anno e/o accumula molto ritardo, una bocciatura sarà probabile (il che comporterà ulteriore ritardo sulla sua scolarità)
  • Un isolamento sociale ed affettivo: a prescindere dall’età del bambino, questi ha bisogno di stare in contatto con altri della sua età e di sviluppare legami affettivi con alcuni di loro, per costruire la propria persona. La fobia scolastica può comportare un arresto delle attività extra scolastiche, il che potrà avere come conseguenza un isolamento progressivo
  • L’uscita dal sistema scuola: la scuola casa, se mai ve ne fosse la possibilità, è una soluzione che si può adottare, ma sempre e solo come extrema ratio; molto meglio il reinserimento scolastico
  • Un avvenire professionale incerto e un rischio di marginalizzazione: la fobia scolastica può evolvere verso una difficoltà di integrazione in ambito professionale e una marginalizzazione progressiva anche in età adulta (con i rischi elevati che ciò comporta)
  • La depressione e lo sviluppo di altri disturbi di ansia: fobia sociale, disturbo della personalità, depressioni a ripetizione, …
  • Il rischio di dipendenze da farmaci, alcol, ideo giochi, droga, …

La fobia scolastica si riesce a curare piuttosto bene, soprattutto se diagnosticata repentinamente e se altrettanto rapidamente presa in cura. Allora, non esitare ad occupartene: i rischi per tuo figlio saranno molto più bassi.

Come si cura la fobia scolastica?

È indispensabile curare la fobia scolastica dal momento stesso in cui si manifesta, per evitare che si cristallizzi durevolmente e che possa avere effetti deleteri sulla salute del bambino o dell’adolescente e sul suo avvenire professionale e personale.

La prima cosa da fare, quando tuo figlio dice di non voler andare a scuola, resta di incoraggiarlo ad andarvi comunque. Non esitare, però, ad indagare meglio, se il rifiuto si dovesse fare insistente e se si manifestassero anche i sintomi di cui abbiamo parlato poco sopra. In questo caso, è molto meglio rivolgersi ad un professionista, per discuterne con lui e cercare di risolvere il problema.

Una volta che sarai riuscita nell'impresa, tutto sarà più semplice.
Devi ridare a tuo figlio il gusto di tornare a scuola!

Una terapia comportamentale, in genere, è la soluzione da adottare per permettere al bambino all’adolescente fronteggiare e superare la fobia scolastica. In funzione di quello che sarà evidenziato durante la terapia individuale, il terapeuta o lo psicologo potranno preconizzare una teoria famigliare, per smuovere l’equilibrio del nucleo per il bene del bambino e per facilitare la sua guarigione.

In genere, non c’è bisogno di una ospedalizzazione o di una cura farmacologica, a meno che i sintomi no dovessero essere troppo handicappanti per il bambino, anche quotidianamente.

Circa un terzo dei bambini e degli adolescenti si ristabilisce pienamente dal rifiuto scolastico ansioso tuttavia, un terzo avrà sempre delle difficoltà di integrazione scolastica o professionale, mentre l’ultimo terzo svilupperà dei disturbi più gravi (depressione, fobia sociale, disturbi della personalità).

Tu puoi sempre contare sul sostegno della scuola, che potrà farti accedere ad un Protocollo di accoglienza per bambini e ragazzi con fobia scolastica, un progetto individualizzato per organizzare al meglio la gestione dei tempi e degli spazi dello studente a scuola, finalizzato alla ripresa progressiva della normale frequenza scolastica.

Soluzioni come la scuola casa o il cambiamento di scuola devono rimanere soluzioni estreme, cui ricorrere solo in casi disperati e dopo profonda riflessione con le diverse parti in causa (psicologi o psichiatri compresi).

Ora, sai come fare per fronteggiare la fobia scolastica di tuo figlio. Non restare da solo di fronte a questo malessere, ma fatti accompagnare da dei professionisti!

>

Il portale che connette insegnanti privati/e e allievi/e

1a lezione offerta

Ti è piaciuto quest'articolo? Lascia un commento

5,00 (2 voto(i))
Loading...

Igor

Appassionato lettore quasi onnivoro, moderatamente digitale, esperto di content marketing e amante della natura