Pagina iniziale
Dare lezioni
,
Cerca vicino a casa mia Online

Top ville

Pagina iniziale
Dare lezioni
Eccellente
commenti

La nostra selezione di insegnanti privati/e di statistica a Genova

Visualizza più insegnanti

5,0 /5

Il voto medio dato ai/alle nostri/e insegnanti di statistica a Genova è di 5,0 con più di 9 commenti.

17 €/ora

Le migliori tariffe: il 90% dei/delle nostri/e insegnanti offre la prima ora di lezione. In media, le lezioni di statistica a Genova costano 17€.

4 h

Veloci come saette, i/le nostri/e insegnanti ti rispondono in 4h.

Imparare non è mai
stato così semplice

2. Organizza le tue lezioni private di statistica a Genova

Parla con l'insegnante di statistica per condividere le tue necessità e disponibilità. Programma le lezioni di statistica e pagale in tutta sicurezza attraverso la chat Superprof. Trovare lezioni di statistica a Genova non è mai stato così facile.

3. Vivi nuove esperienze

Il "Pass Alunno" ti consente l'accesso illimitato a tutti/e gli/le insegnanti, coach, maestri/e alle masterclass di Statistica a Genova, o in altre città, oppure online, per 1 mese. Un mese intero per scoprire nuove passioni.

Le domande più frequenti:

💸 Quanto può costare in media un/una prof privato/a di statistica a Genova?

A Genova, come nelle altre città, la tariffa di una lezione di statistica può variare a seconda:

  • Dell'esperienza del/della professore/essa di statistica.
  • Il luogo in cui avranno luogo i corsi: a casa dell'alunno/a, a casa del/della professore/essa, online o in un altro luogo, come una sala studio o una biblioteca?
  • ll ritmo e la durata dei corsi.

 

Scopri i prezzi degli/delle insegnanti vicino a te con una semplice ricerca su Superprof.

🧑‍🏫Quanti/e docenti sono disposti/e a impartire lezioni private di statistica a Genova?

Puoi scegliere tra i/le 29 insegnanti di statistica disponibili a Genova e dintorni.

 

Guarda la lista dei/delle professori/esse di statistica a Genova ed entra in contatto con quello/a che più si adatta a quello che cerchi.

Prima scegliere puoi leggere il percorso dell'insegnante sul suo annuncio, la sua metodologia e le sue esperienze, le raccomandazioni degli/delle ex allievi/e e i dettagli riguardo la tariffa delle singole lezioni o gli eventuali pacchetti di ore.

 

Vedrai che trovare un/un'insegnante di statistica sarà facilissimo!

💻 È possibile imparare la statistica via webcam con un/una insegnante di Superprof?

Certamente! La maggior parte dei/delle nostri/e insegnanti, oltre a dispensare lezioni presenziali, propongono corsi a distanza.

 

Le lezioni online sono meno care rispetto a quelle faccia a faccia perché non ci sono supplementi di spostamento e sono più flessibili con l'orario perché si risparmia il tempo del tragitto.

 

I corsi di statistica online sono un'ottima opportunità per imparare e alzare la propria media. Ti basterà avere un computer, una connessione a internet e un quaderno per prendere appunti a portata!

✍🏻 Su Superprof, qual è stato il voto medio attribuito ai/alle nostri/e insegnanti di statistica a Genova?

Gli/le professori/esse di statistica di Genova hanno ricevuto un totale di 9 valutazioni e il voto sulla media globale è di 5,0 /5. Non male, no?

 

Dietro Superprof c'è un'equipe disponible tutta la settimana per aiutarti a risolvere eventuali problemi. Puoi contattarci per telefono o via mail.

 

Hai qualche dubbio ulteriore? Visita la sezione delle FAQ, oppure contatta il nostro servizio clienti, disponibile 5 giorni su 5, troverai delle persone disponibili e pronte a rispondere alle tue domande.

 

Puoi contattarci via telefono o per mail.

📈 Perché contattare un/un'insegnante di statistica a Genova può essere una buona idea?

La statistica è una materia molto importante e spesso critica nel percorso scolastico e accademico di molti/e studenti di alcuni istituti superiori e delle facoltà di economia e di sociologia.

 

Molti giovani ammettono di avere grandi difficoltà con la statistica. Questo deriva almeno in parte a precedenti lacune accumulate nelle materie scientifiche, prima di tutto la matematica. Di conseguenza, è spesso importante programmare corsi supplementari di statistica in casa oppure via webcam non appena si manifestano le prime difficoltà, per permettere di colmare le lacune in tempo senza accumulare troppo ritardo.

 

Le lezioni private di statistica sono indicate non solamente per gli/le alunni/e con difficoltà, ma si rivolgono anche a quegli/lle studenti/esse che, pur non avendo grandi lacune desiderano alzare la propria media, approfondire un argomento, o prepararsi per l'anno che viene o per un esame universitario. Inoltre, qualche nozione di statistica può sempre rivelarsi utile anche nel quotidiano, per comprendere meglio le notizie sui giornali e il mondo che ci circonda.

 

Che cosa aspetti a entrare in contatto con i/le nostri/e insegnanti di statistica a Genova?

Voglia di iimparare?

Potrai scegliere tra moltissimi insegnanti di talento!

Visualizza più insegnanti Inizia subito

I nostri consigli per scoprire tutti i segreti della statistica seguendo un corso statistica

Statistica, Matematica e Trattamento Informatico dei Dati a Genova

Che tu sia un genovese puro sangue o che voglia trasferirti nel capoluogo ligure proprio per usufruire dell’ampia proposta formativa fornita dall’Ateneo di Genova, certamente ti sarà capitato di sentir parlare dello SMID.

Si tratta di un interessantissimo corso di studi, dal taglio assai contemporaneo, in Statistica Matematica e Trattamento informatico dei Dati, con sede in via Benedetto XV, 7 a Genova.

Ma perché mai interessarsi ad un percorso così altisonante e quasi intimidente?

Innanzitutto, perché il tempo che viviamo – pandemia a parte – è indiscutibilmente il tempo dei dati!

Siamo circondati e storditi da dati e grafici su ogni cosa. È questa, del resto, anche l’epoca dei Big Data. Quale miglior modo per comprenderne il senso, senza lascarsene sovrastare, se non quello di ricevere una formazione matematica, statistica ed informatica?

Il mestiere di statistico, al momento, non sembra conoscere crisi. Il futuro vedrà questa professionalità ancor più addentro ad ogni funzione direttiva ed esecutiva.

Studiare statistica ed informatica a Genova si rivelerà altamente professionalizzante, per ragazzi e ragazze di talento. Studiare statistica ed informatica offre la possibilità di passare dalle formule matematiche alla pratica risoluzione dei problemi del mondo reale. Un connubio di teoria e pratica, come insegnano i pionieri della ricerca-azione.

Questo percorso di studi in statistica a Genova è l’unico nel suo genere, in tutta Italia. Infatti, esso si struttura all’interno di un percorso di studi in matematica, cosa assai frequente all’estero, da tempo.

La statistica a Genova: discipline previste nel percorso SMID

Alla base, la formazione è di carattere matematico ed informatico, ma un’attenzione preponderante è riservata alle applicazioni della statistica negli ambiti più diversi.

I crediti previsti, in totale, sono 180. Essi si ripartiscono nelle diverse aree nella seguente maniera:

  • 56 matematica di base
  • 23 informatica
  • 61 statistica e probabilità
  • 9 fisica
  • 3 inglese
  • 12 attività a scelta
  • 10 tirocinio
  • 6 prova finale

Per coloro che amano la città di Genova, è importante sapere che durante il terzo anno diversi insegnamenti hanno riferimenti costanti alla realtà locale. Ciò non guasta, volendo valorizzare il territorio di appartenenza o quello elettivo.

Cosa sa fare un laureato SMID?

Matematica, statistica matematica e probabilità sono le sfere di competenze assicurate a chi esca da un percorso di studi come quello possibile a Genova.

Saper formalizzare i problemi del mondo reale in linguaggio matematico-statistico è la prima dote dei laureati in questione. Inoltre, questi giovani riescono a usare agevolmente modelli di cui valutano al volo l’applicabilità nelle situazioni concrete. L’ideazione di modelli inediti da proporre alle scienze sociali, economiche e sperimentali fa ugualmente parte delle abilità acquisite seguendo il percorso SMID.

Il bagaglio informatico di base, ovviamente, consente poi di programmare, costruire, gestire ed elaborare ogni sorta di dati, muovendosi in modo autonomo e creativo.

Frequentare questo corso dà anche la possibilità di frequentare studenti di matematica, condividendo con loro un gran numero di insegnamenti e potendo così effettuare scambi relazionali tra futuri specialisti del numero. Un’esperienza certamente arricchente, se si ama il settore del computo.

Da quanto tempo si fa statistica?

Già nell’antico Egitto, pare, la prima e la seconda dinastia di faraoni ordinavano che si effettuassero rilevazioni della popolazione, a fini fiscali! A partire dalla terza dinastia, poi, si tennero elenchi specifici che indicavano il numero dei soldati, dei dipendenti statali, degli addetti al commercio, delle merci…

Con la ventesima dinastia, troviamo addirittura dettagli concernenti i patrimoni immobiliari e i loro residenti.

Il Libro dei numeri della Bibbia mostra che anche in Israele, dal tempo del soggiorno in Sinai, si operò il censimento e anche l’Impero Cinese, fin dall’epoca dei Ming, effettuò precisi censimenti a cadenza decennale.

Mentre in Grecia antica ci si limitò alla sola registrazione dei nati, anno dopo anno, l’Antica Roma si basò molto sulle raccolte di dati numerici. Servio Tullio ideò il primo vero e proprio censimento. In seguito, pratiche simili si perfezionarono ed ebbero luogo con regolarità (a cadenza quinquennale). Siamo nel VI secolo a. C.

Dopo un periodo di vero e proprio disuso in cui cadde questa pratica - per via della fine dell’Impero Romano di Occidente e del grande spezzettamento politico e territoriale tipico soprattutto della fase signorile e marinara – il XII secolo ridiede impulso alla disciplina del “contare”.

Inizialmente, il fine unico era sempre quello di procedere a raccolte di dati per fini fiscali. Poi, con l’avvento della Chiesa Cattolica, nell’ambito sociale e politico, si contarono il numero delle nascite, quello delle unioni coniugali, quello delle morti. E ciò avvenne generalmente ad opera delle parrocchie, che dal XIV secolo in Italia e in Francia si impegnarono grandemente a raccogliere questo tipo di informazioni sulle popolazioni locali e nazionali.

Poco alla volta, ci si convinse che matematicamente fosse possibile non solo catalogare, ma anche descrivere e comprendere la società. Ciò fece parte delle evoluzioni e delle tendenze filosofiche e culturali proprie del 1100. Quantificare innanzitutto!

La statistica moderna: aritmetica politica e demografia

Nel corso del 1600, nacque la cosiddetta “aritmetica politica”. Ne fu ideatore ufficiale l’economista e matematico inglese di nome William Petty, che descrisse la pratica come arte del ragionare su ciò che interessa il governo in termini numerici.

E i governi volevano, all’epoca, soprattutto conoscere l’ampiezza delle proprie popolazioni, nonché l’ammontare dei possedimenti dei cittadini. Ciò non solo per le solite ragioni fiscali, ma anche per valutare il proprio grado di competitività rispetto ad altre nazioni.

Nascevano cosi gli addetti alla demografia e al calcolo del reddito della nazione. Gli affascinanti lavori di Jhon Graunt restano un riferimento di storia della statistica, dato che egli diede vita ai registri e soprattutto alle prime “tavole della mortalità”.

Molti studiosi, in seguito, perfezionarono l’ambito del computo delle popolazioni e soprattutto quello della stima delle popolazioni. Si dilettarono, allora, a stimare non solo le popolazioni a loro contemporanee, ma anche quelle relative alle epoche passate, cosi come la quantità dei morti per epidemie, etc.

Dibatti numerici e filosofici coinvolsero studiosi del calibro di Leibnitz e Hume. Nacque la demografia storica, che univa considerazioni filosofiche a stime retroattive e critiche alle vecchie informazioni numeriche.

Hume, in particolare, sottolineò come, nei testi del passato sulle popolazioni, i numeri fossero certamente la parte meno certa ed affidabile, poiché alterando il senso delle parole si rischia di generare sospetti e dunque correzioni, mentre leggere un numero al posto di un altro, in fin dei conti, può avvenire senza che nessuno noti mai l’errore, anche per diversi secoli.

La storia dello “sfruttamento” del dato numerico a fini sociali, politici ci appassiona particolarmente, adesso che viviamo in un ‘epoca in cui il commercio, la pubblicità e le lobby si aggrappano alle cifre, manipolandone volentieri la natura più intima.

Seguire un corso di statistica a Genova, allora, può renderci edotti sulla malleabilità dei numeri, sulla loro forza ed anche sulla effettiva utilità nel miglioramento della qualità di vita.

Che cosa vuoi imparare?