Pagina iniziale
Dare lezioni

Lezioni di violino a Bologna

🥇 I/Le migliori insegnanti a Bologna
💻 15 prof
🔒 Pagamenti sicuri con Superprof
💸 Nessuna commissione

Qual è il tuo livello?

Lezioni private con Superprof

La nostra selezione di insegnanti
di violino a Bologna

Visualizza più insegnanti

5,0 /5

Insegnanti Star con un punteggio medio di 5,0 stelle e più di 5 commenti positivi.

23 €/ora

Le migliori tariffe: % degli/delle insegnanti offre la prima lezione

2 h

Rapidi/e come saette, gli/le insegnanti ti rispondono in media in 2h.

01

Trova il/la tuo/a
insegnante perfetto/a di Violino a Bologna

Consulta liberamente i profili e contatta il/la tuo/a insegnante secondo i criteri che sono importanti per te (tariffe, diplomi, commenti, corsi a domicilio o via webcam) per un corso di Violino a Bologna.

02

Organizza i tuoi corsi di Violino a Bologna

Dialoga con il/la tuo/a insegnante privato/a di violino di Bologna per spiegargli/le tuoi bisogni e le tue disponibilità. Programma le lezioni e procedi al pagamento in totale sicurezza utilizzando la chat di Superprof.

03

Vivi nuove esperienze

Il Pass Alunno/a ti dà un accesso illimitato ai profili di tutti/e i/le nostri insegnanti, prof, coach, maestri/e e alle Masterclass per un mese (rinnovabile). Un mese per scoprire nuove passioni con insegnanti in gamba di Violino a Bologna.

I/le nostri/e allievi/e di Bologna
esprimono un giudizio sui/sulle loro insegnanti di violino

Scopri tutte le nostre lezioni di violino

Essere seguiti dai/dalle migliori insegnanti di Bologna per il tuo corso violino

Suonare il violino a Bologna, uno strumento versatile e complesso

Tra tutti gli archi, certamente il violino è lo strumento che maggiormente affascina, appassiona ed attrae i musicisti in erba, nonché quelli già avanzati nella pratica di altri strumenti.

Il violino è bello da guardare, facile da maneggiare, da trasportare. Il suo suono può essere apprezzato al chiuso, all’aperto, su un mezzo di trasporto.

Tutto sta nello scoprire la magia dell’uso dell’archetto!

Il violino non è considerato uno strumento facile, a differenza del pianoforte. Occorre il cosiddetto “orecchio”, per riuscire ad adoperarlo in modo profittevole e con risultati graditi a tutti. Anche la sensibilità manuale e articolare è indispensabile.

L’accordatura di un violino: lo strano status del violinista

Il violino, a differenza di altri strumenti che vengono accordati da accordatori di professione, va accordato, di volta in volta, da colui che lo possiede e lo suona, ossia dallo stesso violinista.

Ed ecco perché il violinista, rispetto al collega pianista, deve sviluppare qualche capacità in più: il vero violinista sa bene come accordare le quattro corde, ossia ad intervalli di quinta.

Pochissimi pianisti, invece, si dedicano personalmente all’accordatura dei loro pianoforti.

Le vite di pianisti e violinisti sono assai diverse: il violinista necessita spesso di accompagnatori ed accompagnamento. Ecco perché suona in quartetti, quintetti, orchestre da camera, orchestre sinfoniche.

Il pianista può serenamente, e da solo, eseguire la melodia e l’accompagnamento di qualsiasi brano musicale. Egli può essere presente in un’orchestra, ma certamente non ne ha la necessità, potendo riprodurre quasi ogni genere di pezzo in modo del tutto autonomo.

Di converso, però, il violinista è autonomo nell’accordatura, mentre il pianista dipende spessissimo dal suo accordatore di fiducia (e non è detto che questi riesca sempre a soddisfarlo). Il violinista può andare in capo al mondo col suo violino e mille orchestre potrebbero accoglierlo, mentre il pianista deve sperare di incontrare, sul suo cammino, un pianoforte di suo gradimento, per poter esercitare la sua arte e vivere emozioni. In un’orchestra, il posto per il pianista è assai ridotto (non più di due pianoforti, generalmente, sono presenti).

Le lezioni di violino e quelle di pianoforte

I bambini esprimono spesso la necessità di prendere lezioni di musica, poiché si sentono attratti dal suono di diversi strumenti e vorrebbero tentare di riprodurli a loro volta.

Capita che i genitori si rivolgano ad insegnanti di pianoforte, più che ad insegnanti di violino. È più raro, in effetti, che in tenerissima età si cerchino lezioni di violino per i propri figli. Da un lato, vi sono le indicazioni pediatriche, che sconsigliano attività “asimmetriche” come il tennis e il violino, al fine di evitare uno sviluppo disarmonico del corpo prima dei dodici anni. Dall’altro, gli stessi musicisti, anche violinisti affermati, ammettono che il violino è assai complesso, per un bambino. La sua pratica andrebbe fatta precedere da esperienze quali: le percussioni e la scoperta del pianoforte.

Naturalmente, esistono dei casi particolarissimi di soggetti molto dotati naturalmente, i quali già a quattro anni imbracciano un violino e riescono a produrre dei suoni gradevoli.

Generalmente, però, non si nasce violinisti. E la prima volta che un ragazzo prende in mano un violino, l’esperienza può anche essere “devastante” per lui e per tutto il circondario!

Se suonato correttamente, il violino emette un suono dalla tessitura più acuta che esista, tra tutti gli strumenti ad arco. Se strimpellato inopinatamente, invece, questo strumento può davvero dar luogo a scenari frastornanti e terrificanti. Anche in questo, il violino differisce grandemente dal pianoforte.

L’accessibilità ai due strumenti, partendo da un livello zero, insomma, è del tutto diversa.

Se al pianoforte si aggiunge, spesso per caso - cosa che determina anche i frequenti abbandoni da parte di giovani allievi –, al violino si arriva spinti da motivazione più specifica, animati da dedizione e pratica assai pedisseque, raramente frutto del caso e della mera curiosità.

Il violino dev’essere ardentemente desiderato e spontaneamente indicato da un bambino, affinché i genitori si adoperino per farglielo studiare. Il pianoforte, invece, è quasi un passaggio automatico, scontato (e spesso sprecato, purtroppo), che molte famiglie mettono in conto nel percorso infantile delle attività musicali, ricreative ed extra-scolastiche.

In genere, comunque, quando un bambino addita spontaneamente il violino, è opportuno prestargli grande attenzione e cercare di aiutarlo ad indagare meglio questa possibilità.

Suonare un violino

L’arco viene impugnato generalmente con la mano destra, nella parte estrema dotata di “tallone” o “nasetto”. Lo si fa scorrere in modo perpendicolare rispetto alle corde, a metà fra il ponticello e la fine della tastiera, scegliendo la corda da far vibrare.

La mano sinistra gestisce, invece, l’altezza della nota da suonare di volta in volta: tramite pressione delle dita sulla tastiera, si regola la lunghezza della parte di corda da far vibrare (e quella da tenere bloccata e muta).

Ciò che distingue il violino e lo rende più difficile nella pratica, rispetto ad altri archi, è l’assenza di tasti predefiniti. Non esistono, insomma, indicazioni specifiche sul dove posizionare le dita.

Con la pratica, il violinista sviluppa una sorta di “memoria muscolare”, associata alla sensibilità uditiva. Questa gli consentirà di suonare ogni volta la nota precisamente desiderata (o richiesta dalla partitura in esecuzione), reperendone la posizione esatta sulle corde.

Il lavoro del violinista è un continuo aggiustamento tra la nota desiderata e quella via via ottenuta: ecco in cosa consiste la pratica costante, lo studio quotidiano di un violinista in erba.

Nei violini in dotazione ai bambini e ai principianti possono essere apposti indicatori numerici dei quattro tasti, che indichino quali dita usare. La mano può allora spostarsi agevolmente sulle diverse parti del manico.

La mano sinistra di un violinista, di base, starà il più vicino possibile al cosiddetto “capotasto’’, ossia in “prima posizione”. Da questa posizione è possibile accorciare la parte vibrante di una corda fino ad un terzo della sua lunghezza, cosa che determina l’aumento di una quinta dell’altezza della corda suonata.

Spostando la mano sinistra sul manico del violino in direzione della cassa armonica si ottengono note più acute, premendo ogni volta le dita sulla tastiera, nella posizione raggiunta.

Non esiste un limite prefissato all’altezza delle note suonabili con un violino. Tutto sta davvero nell’abilità del violinista.

Un buon violinista avrà la sua capacità di raggiungere le quattro ottave con l’intero strumento e di suonare oltre due ottave con ogni corda.

Il violino a Bologna

Se vivi a Bologna, la cosa migliore che tu possa fare per scoprire se il violino ti attrae come strumento da suonare, è recarti presso il Conservatorio, chiedere di assistere ad una lezione di violino per neofiti o ascoltare un concerto sinfonico, in cui molti violini ed altri strumenti suonano insieme.

Il Conservatorio di Musica di Bologna si trova in via Giovan Battista Martini, comodo a Piazza Rossini.

Bologna, poi, non manca di mille altre soluzioni, per chi voglia prendere le prime lezioni di violino, in presenza o a distanza, tramite corsi di violino online.

Chiavi d’Ascolto, ad esempio, si trova in via Lodovico Berti e lavora in collaborazione don i Servizi Sociali Territoriali della città.

Musicarti, Associazione di Promozione Sociale, propone ugualmente corsi di violino per ogni fascia di età ed ha sede accanto al Parco dei Giardini di Corticella, in Via della Casa Buia.

Musik Art e diversi altri insegnanti privati di musica danno lezioni di violino in sede o presso il domicilio degli allievi, a Bologna Centro o in periferia.

I costi variano dai 15 euro orari ad un massimo di 60 euro a lezione. Il livello del docente ed il tipo di corso di violino desiderato, ovviamente, sono determinanti rispetto al prezzo.

Ti consigliamo di prendere visione dei curriculum vitae, dei titoli di studio e dei prezzi dei professori di violino recensiti su piattaforme come Superprof, ponendo attenzione a metodi ed insegnamenti proposti da ognuno. Potrai così farti un’idea del budget necessario per apprendere il violino e delle possibilità che esistono nel tuo quartiere residenziale a Bologna.

Le domande più frequenti:

💸 Qual è il costo medio di un corso di violino a Bologna?

A Bologna, il prezzo medio di un corso privato di violino è di 23 e può variare per tre motivi.

  • L'esperienza e la formazione del/della maestro/a.
  • Il luogo delle lezioni: si svolgeranno a domicilio dell'alunno/a, a domicilio del/della professore/essa, a distanza o altrove?
  • Il ritmo e la durata delle sessioni.

 

La maggior parte dei/delle nostri/e insegnanti di violino offre la prima ora

 

Vai a vedere i prezzi dei/delle insegnanti di violino nella tua zona facendo una semplice ricerca su Superprof.

✒️Su Superprof, qual è il voto medio attribuito ai/alle nostri/e insegnanti di violino a Bologna?

Il voto ricevuto dai/dalle prof di violino a Bologna è di 5,0 su 5. In totale, i/le nostri/e prof hanno ricevuto  5 opinioni da parte degli/delle  allievi/e della piattaforma.

 

Dietro Superprof c'è un'équipe disponibile durante la settimana per risolvere qualsiasi dubbio. Puoi contattarci per telefono o via e-mail, oppure consultare questa sezione dove rispondiamo alle domande più frequenti.

💻 Se trovo un/una prof di violino che mi interessa ma nessuno di noi può spostarsi, possiamo fare le lezioni a distanza?

Ovviamente! La maggior parte dei/delle nostri/e insegnanti oltre a dispensare lezioni presenziali, propongono corsi via webcam.

 

Le lezioni a distanza sono meno care rispetto a quelle faccia a faccia perché non ci sono supplementi di trasporto e sono più flessibili con l'orario perché si risparmia il tempo del tragitto.

I corsi di violino via webcam sono un'eccellente opportunità per continuare a imparare al tuo domicilio.

🎻Perché contattare un/un'insegnante di violino a Bologna può essere una buona idea?

Sogni di esibirti su un palco suonando i tuoi brani preferiti di musica classica? O ti piacerebbe solo imparare la basi per strimpellare quando sei a casa da solo? Qualsiasi siano le tue esigenze, le lezioni di violino fanno al caso tuo!

 

Non c'è da stupirsi se questo strumento ha raggiunto una tale popolarità, poiché i suoi vantaggi sono tanti. Per prima cosa, è uno strumento relativamente poco caro se paragonato alla fisarmonica o alla viola. Per meno di 200 euro è possibile trovare un violino di buona qualità.

 

Secondariamente, il violino è molto facile da trasportare, a differenza della batteria! Puoi portarlo dappertutto, per strada, in vacanza, alle serate con gli amici, e in qualsiasi momento puoi improvvisare un piccolo concerto quando ti prende la voglia.

 

Terzo, per l'unicità del suono. Il violino non è lo strumento più facile da suonare, e richiede una certa conoscenza del solfeggio, ma ha un suono unico che da secoli affascina gli appassionati di musica. Con un po' di regolarità, in poche settimane sarai capace di eseguire i brani più semplici. Inoltre, il violino non è solo adatto alla musica classica: puoi avanzare anche imparando poco a poco brani pop di musicisti/e che ti piacciono. Su internet potrai trovare moltissimo materiale: spartiti, tutorial e consigli per perfezionarti.

 

Quarto, suonare il violino ti aiuta a stimolare la tua creatività e concentrazione, elimina lo stress e aumenta la la tua autostima. La creatività è una qualità molto importante nella vita personale e lavorativa; stimolare questa parte del cervello ti aiuterà infatti a trovare nuove soluzioni ai problemi quotidiani.

 

Cosa aspetti a prenotare il tuo primo corso di violino?

⏰ Ci sono professori/resse disponibili per impartire lezioni private di violino a Bologna?

A Bologna e nei dintorni ci sono 15 docenti disponibili per insegnarti a suonare la violino.

 

Si desideri trovare un prof che corrisponde alle tue esigenze, non esitare a confrontare gli annunci dei/delle maestri/e di violino di Bologna ed entra in contatto con quello/a che più attira la tua attenzione.

 

I criteri che ti possono orientare per selezionare un/un'insegnante privato/a di violino sono:

  • Il prezzo. Ricordati di controllare con precisione i prezzi e verificare se vengono proposte formule speciali per un pacchetto di lezioni, o per i corsi in piccoli gruppi.
  • Il luogo. Dove si svolgeranno le lezioni? L'insegnante deve spostarsi o sei tu a doverti muovere?
  • L'esperienza dell'insegnante. Sia come professore/essa di violino, sia come violinista.
  • Le valutazioni degli/delle ex allievi/e.

Seguendo questi criteri, trovare il/la tua/a insegnante ideale sarà un gioco da ragazzi!