La scuola contribuisce alla prosperità delle società, all’eliminazione delle discriminazioni di ogni tipo, alla difesa della pace e del bene comune, alla migliore comprensione dei popoli – Corinne Lepage

La scuola è un luogo di scoperta e di apprendimento. Tuttavia, i compiti spesso non sono visti dagli studenti come un formidabile mezzo per arricchirsi. Anche per i genitori, i compiti dei figli sono una prova da superare, un ostacolo, più che una risorsa. Molti genitori, soprattutto, hanno difficoltà a gestire i compiti di matematica, di scienze o di greco e latino. Anche aiutare i figli con le lingue straniere può diventare complesso, se non si parli la lingua in questione.

Ma allora, a chi chiedere aiuto quando si è studenti? Come puoi riuscire a svolgere i tuoi compiti e a prepararti per le interrogazioni del giorno successivo?

I migliori insegnanti di Aiuto compiti disponibili
Prima lezione offerta!
Riccardo
5
5 (29 Commenti)
Riccardo
25€
/h
Prima lezione offerta!
Giulia
5
5 (13 Commenti)
Giulia
13€
/h
Prima lezione offerta!
Frank
5
5 (16 Commenti)
Frank
15€
/h
Prima lezione offerta!
Filippo
5
5 (27 Commenti)
Filippo
30€
/h
Prima lezione offerta!
Daniele
5
5 (37 Commenti)
Daniele
15€
/h
Prima lezione offerta!
Santiago
5
5 (8 Commenti)
Santiago
20€
/h
Prima lezione offerta!
Marianna
5
5 (5 Commenti)
Marianna
19€
/h
Prima lezione offerta!
Paolo
4,9
4,9 (8 Commenti)
Paolo
22€
/h
Prima lezione offerta!
Riccardo
5
5 (29 Commenti)
Riccardo
25€
/h
Prima lezione offerta!
Giulia
5
5 (13 Commenti)
Giulia
13€
/h
Prima lezione offerta!
Frank
5
5 (16 Commenti)
Frank
15€
/h
Prima lezione offerta!
Filippo
5
5 (27 Commenti)
Filippo
30€
/h
Prima lezione offerta!
Daniele
5
5 (37 Commenti)
Daniele
15€
/h
Prima lezione offerta!
Santiago
5
5 (8 Commenti)
Santiago
20€
/h
Prima lezione offerta!
Marianna
5
5 (5 Commenti)
Marianna
19€
/h
Prima lezione offerta!
Paolo
4,9
4,9 (8 Commenti)
Paolo
22€
/h
1a lezione offerta>

Organizzare lo studio in prima media: partire bene è importante!

Il ragazzino seguito sin dalle prime settimane della prima media da un insegnante privato potrebbe scoprire da subito:

  • Come essere rapido,
  • Come interpretare le nuove consegne,
  • Come leggere i libri di testo che ora sono assai impegnativi rispetto a quelli della quinta elementare,
  • Come sintetizzare e ripetere.

 

Le ore del mattino hanno l'oro in bocca, come si suol dire. E questo vale anche per lo studio.
Prima si inizia a studiare e meglio è!

E questo già con otto lezioni! Insomma, il doposcuola precoce non è una sorta di condanna. Al contrario, un’opportunità per scoprire qualcosa, da adoperare poi anche da soli. Nei mesi seguenti, insomma il ragazzo che abbia incontrato l’ottimo insegnante privato, potrebbe non aver più bisogno di lui!

Naturalmente, ogni ragazzo è un caso a sé. E la cosa da non sottovalutare mai è il modo in cui un ragazzo interpreta la proposta di prendere lezioni di dopo-scuola.

Prima media: cosa fare a casa?

Occorre evitare la de-valorizzazione, l’ingigantimento di problemi minimi, l’affossamento del giovane in una situazione di dipendenza.

Insomma, se dopo-scuola rima con: ragazzo fallito, è chiaro che la proposta non é opportuna. Se, invece, la possibilità di un aiuto ai compiti è presentato correttamente ed accolto coerentemente dal giovane, allora potrà trattarsi di un investimento proficuo e positivo.

Attore principale del dopo-scuola, il ragazzo deve essere convinto dell’adeguatezza del corso privato.

Qualora la proposta di lezioni private possa sortire effetti indesiderati, sarà meglio evitarla e procedure tramite:

  • aiuto compiti da parte di un amico o conoscente (parente, compagno),
  • ricorso autonomo del ragazzo a corsi online.

La cosa da evitare è la stigmatizzazione. L’aiuto compiti in prima media, specie se proposto ad inizio anno, può davvero rivelarsi un’ottima scelta: si tratta di una proposta organizzativa, che non attiene a brutti voti, rendimento insufficiente, difficoltà riscontrate.

È un investimento preventive.

Invece, l’aiuto compiti eventualmente deciso in corso d’anno si lega spesso a difficoltà oggettive, ufficializzate dagli insegnanti tramite voti ai compiti e nelle interrogazioni. In tal caso, basterà affrontare ragionevolmente il discorso col ragazzo interessato e fare emergere maieuticamente da lui la necessità di un piccolo inquadramento.

Infine, non è raro che più genitori decidano, ad inizio anno, di organizzare un gruppo di aiuto compiti per seguire due o tre ragazzi assieme: ciò diventa meno stigmatizzante ed è anche un’occasione di incontro e relazione ulteriore per i pargoli. Naturalmente occorre che vi sia sintonia tra genitori, ragazzi e tra utenti e professore!

Seconda media: l'anno centrale!

Ogni alunno di seconda deve saper gestire bene il suo tempo. Non tutte le materie sono in programma ogni giorno. Ma è anche sconsigliato di lasciar accumulare compiti e spiegazioni.

Proprio per questo, tra i consigli che si possono dare ai ragazzini di seconda c'è quello non solo di prendere appunti a lezione, stando attenti a tutto quello di particolare che gli insegnanti possono dire (in più rispetto a quanto indicato sui libri di testo), ma anche di riprenderli a casa. Riprenderli non significa semplicemente rileggerli distrattamente, ma, se necessario, ricopiarli, schematizzarli e integrarli con altre informazioni, reperite sui libri di scuola, su altri testi e, ovviamente, su internet.

L'altro paletto da superare in seconda media, rispetto a tutti gli anni precedenti, è l'orale. Gli insegnanti si aspettano oramai che gli studenti di seconda sappiano esprimersi correttamente, riportando in maniera ordinata e coerente la lezione studiata a casa. Ma questo necessita che lo studente in questione si eserciti a casa, ripetendo più e più volte la lezione.

E poi, la matematica, l'italiano, ... e tutte le altre materie: segui i nostri consigli su come sfruttare appieno la seconda media e il lavoro a casa!

Seconda media: quale aiuto per i compiti!

I migliori insegnanti di Aiuto compiti disponibili
Prima lezione offerta!
Riccardo
5
5 (29 Commenti)
Riccardo
25€
/h
Prima lezione offerta!
Giulia
5
5 (13 Commenti)
Giulia
13€
/h
Prima lezione offerta!
Frank
5
5 (16 Commenti)
Frank
15€
/h
Prima lezione offerta!
Filippo
5
5 (27 Commenti)
Filippo
30€
/h
Prima lezione offerta!
Daniele
5
5 (37 Commenti)
Daniele
15€
/h
Prima lezione offerta!
Santiago
5
5 (8 Commenti)
Santiago
20€
/h
Prima lezione offerta!
Marianna
5
5 (5 Commenti)
Marianna
19€
/h
Prima lezione offerta!
Paolo
4,9
4,9 (8 Commenti)
Paolo
22€
/h
Prima lezione offerta!
Riccardo
5
5 (29 Commenti)
Riccardo
25€
/h
Prima lezione offerta!
Giulia
5
5 (13 Commenti)
Giulia
13€
/h
Prima lezione offerta!
Frank
5
5 (16 Commenti)
Frank
15€
/h
Prima lezione offerta!
Filippo
5
5 (27 Commenti)
Filippo
30€
/h
Prima lezione offerta!
Daniele
5
5 (37 Commenti)
Daniele
15€
/h
Prima lezione offerta!
Santiago
5
5 (8 Commenti)
Santiago
20€
/h
Prima lezione offerta!
Marianna
5
5 (5 Commenti)
Marianna
19€
/h
Prima lezione offerta!
Paolo
4,9
4,9 (8 Commenti)
Paolo
22€
/h
1a lezione offerta>

Preparasi all'esame di terza media!

L'ultimo anno delle scuole medie è molto rilevante: da un lato gli esami di stato, da affrontare dando il meglio di sé, dall'altra l'abbandono definitivo del mondo dei più piccoli, per passare alle scuole superiori.

È anche l'anno in cui si rende definitiva la scelta della scuola superiore: liceo, istituto tecnico o istituto professionale?

Anche se in seconda media, i ragazzi hanno fatto il grosso del lavoro, è in terza media che i compiti a casa, la predisposizione dell’elaborato finale e la preparazione del discorso pluridisciplinare da tenere agli esami, dopo le prove scritte, renderanno i pomeriggi dei ragazzi potenzialmente estenuanti.

 

Nessun rumore, nessuna distrazione, solo libri e quaderni di scuola.
Quello che ci vuole è uno spazio ordinato, dedicato solo allo studio!

Forse, un aiuto a casa, da parte di un professore privato, potrebbe rendersi veramente utile, non solo per affrontare al meglio l'ultimo anno e prepararsi per le scuole superiori, ma anche perché studente e insegnante possano stilare assieme la tesina di fine anno, la mappa concettuale e l'esame in generale.

Per sapere tutto sullo studio a casa in terza media, segui i nostri consigli!

Primo biennio della scuola superiore

Dalla terza media, ambiente relativamente protetto per i bambini – ragazzi, si passa alla scuola secondaria di secondo grado. L’obbligo scolastico è stato prolungato fino ai 16 anni, mentre quello formativo prosegue fino ai 18.

È il momento, questo, di compiere una scelta, che risulterà fondamentale e (almeno in parte) vincolante per il resto della vita: dove iscriversi?

Nel nostro Paese, il secondo ciclo di istruzione secondaria si articola in due grosse tipologie di percorsi. Da una parte, l’istruzione e la formazione professionale, la cui gestione è a cura di Regioni e Provincie, solitamente; dall’altra, la scuola secondaria di secondo grado, che a sua volta si articola in licei, istituti tecnici e istituti professionali.

Un buon planning, con un numero di ore prestabilite per ogni materia e delle tappe da seguire, passo a passo.
L'organizzazione del lavoro è fondamentale per studiare e ripassare a casa!

All’interno degli istituti professionali, come è facile immaginare, la pratica è più rilevante della teoria; qui, si insegnano i mestieri e chi ottiene la qualifica finale avrà tutte le competenze necessarie allo svolgimento del lavoro. Si tratta di undici indirizzi, tra cui agricoltura, pesca, artigianato, manutenzione tecnica, servizi commerciali, servizi alberghieri, assistenza sanitaria e sociale, …

Gli istituti tecnici offrono una formazione con una solida base culturale di tipo scientifico e tecnologico, cui uniscono competenze di ordine pratico, per facilitare l’inserimento lavorativo dei diplomati.

Due i settori tra cui scegliere, suddivisi a loro volta in diversi indirizzi:

  • Economico
    • Amministrazione, finanza e marketing
    • Turismo
  • Tecnologico
    • Meccanica, meccatronica ed energia
    • Trasporti e logistica
    • Elettronica ed elettrotecnica
    • Informatica e telecomunicazioni
    • Grafica e comunicazione
    • Chimica, materiali e biotecnologie
    • Sistema moda
    • Agraria, agroalimentare e agroindustria
    • Costruzione, ambiente e territorio

In ultimo, vi sono i licei, dove la preparazione che viene impartita è più teorica, che pratica, anche se questa non è una regola fissa.

  • Liceo classico,
  • Liceo scientifico,
  • Liceo delle scienze umane,
  • Liceo coreutico e musicale,
  • Liceo artistico,
  • Liceo linguistico.

Secondo biennio e ultimo anno della scuola superiore

Il secondo biennio e l’ultimo anno della scuola secondaria di secondo grado assumono una rilevanza notevole, se ci si riflette bene. Per chi non abbia intenzione di proseguire gli studi all’università, si tratta dell’unica chance per apprendere i trucchi, le nozioni e le competenze del mestiere che andrà a svolgere.

Se stai frequentando un istituto tecnico commerciale, sarà la tua opportunità per imparare come muoverti nelle fatture, nei documenti contabili, oppure come lavorare nell’ambito marketing, tradizionale o digitale che sia.

Se stai frequentando un liceo artistico, gli ultimi tre anni le ore a scuola saranno dedicate quasi interamente alla specializzazione che hai scelto: audiovisuale, design di interni o esterni, arti figurative, …

In tutti i casi, gli ultimi tre anni di scuola sono quelli che ti consentono di costruirti la cassetta degli attrezzi da portare sul posto di lavoro, una volta diplomato.

Chi, invece, stia frequentando un liceo di impronta teorica o abbia comunque già l’intenzione di iscriversi all’università per completare la propria formazione, troverà nel triennio finale tutte le nozioni utili per preparare il test di accesso alla facoltà prescelta e per affrontare con maggiore consapevolezza e preparazione i primi esami all’università.

Il ripasso è fondamentale per verificare se si sia veramente capito e memorizzato quello che si è studiato.
Il ripasso: un campo di battaglia, in alcuni momenti!

Spesso, però, a scuola non si riesce ad imparare tutto quello che sarebbe necessario; spesso non ci sono le occasioni per intervenire e chiedere chiarimenti; troppo spesso la timidezza impedisce ad alcuni ragazzi di farlo. Al punto che è necessario intervenire durante le ore pomeridiane, per porre rimedio a ritardi, lacune, incomprensioni.

I genitori non sono sempre adeguatamente preparati per aiutare i figli nelle faccende scolastiche; ecco, allora, perché ricorrere ad un insegnante privato per l’aiuto a casa è una valida soluzione per affrontare con serenità gli ultimi tre anni di scuola superiore.

Bisogno di un insegnante di Aiuto compiti?

Ti è piaciuto l'articolo?

5,00/5 - 1 vote(s)
Loading...

Charlotte

Lettrice plurilingue, appassionata di entomologia e robotica.