Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Come fare per traslocare definitivamente in terra lusitana?

Di Igor, pubblicato il 06/11/2019 Blog > Lingue straniere > Portoghese > I Nostri Consigli Per Andare a Vivere in Portogallo!

Penso proprio che organizzerò una serata a tema: il trasloco! E prevedo un gran successo.

Kathy Dorl

Gli espatriati sono spesso visti come persone coraggiose, che osano seguire le proprie voglie di trasferimento in un paese straniero.

Sempre di più l’abitudine alla mobilità si fa più frequente, e i numeri parlano chiaro.

Le nostre esperienze non possono che confermare le statistiche:  moltissimi cittadini di altri paesi europei oggi, a diverse età, scelgono di spostarsi in paesi come il Portogallo. In effetti, pare che il gioco valga la candela.

Non si tratta di un caso. Vivere in Portogallo risulta essere una scelta piuttosto dotata di senso. Al di là dei vantaggi fiscali, immergersi in una lingua calda, sensuale e facile come il portoghese è di certo uno dei motivi attrattivi di rilievo.

Tuttavia, tieni conto che vivere in Portogallo richiede una certa organizzazione, una pianificazione. Questo aspetto potrebbe scoraggiare i meno motivati, i più ansiosi. Oggi, Superprof cerca di incoraggiarti, mostrandoti cosa è necessario fare per vivere in Portogallo.

La top 10 dei motivi per trasferirsi in Portogallo!

Il Paese è relativamente piccolo, ma offre molto: montagna, mare, cultura, architettura e molto altro. Dal sud al nord, il trasferimento in Portogallo è sempre una buona idea!

Costo della vita, defiscalizzazione, gestione patrimoniale vantaggiose, … l’espatrio in Portogallo ha davvero il vento in poppa in Europa, all’ora attuale.

Se la copertura sanitaria nazionale non è attrattiva, infatti, tutto il resto affascina e attira giustamente molti italiani.

I vantaggi del quotidiano in Portogallo sono da elencare ed analizzare uno per uno.

Perché mai? Se si potesse redigere una lista delle dieci ragioni principali per trasferirsi in Portogallo, questa sarebbe:

  1. Il costo della vita è più basso che in Italia, per molte cose, il che consente di godersela un po’.
  2. La qualità di vita è incomparabile, data la presenza di 300 giorni di sole all’anno.
  3. Tra baccalà, pasteis de nata e polpo al forno, la gastronomia portoghese è tipica e saprà ravvivare le tue papille gustative fino a soddisfarle pienamente.
  4. Il Portogallo è una zona ricca di attività, di cascate, di spiagge… (vallata del Douro, porto di Lagos, torre di Belem, etc.).
  5. Le temperature sono piuttosto clementi tutto l’anno, anche d’inverno.
  6. La vita notturna portoghese è piuttosto animata e soprattutto estremamente sicura.
  7. Il Portogallo è un paese stabile in cui le chicche geografiche ed economiche sono ben fruibili grazie all’estrema sicurezza e pace sociale.
  8. Si tratta di un Paese centrale in Europa, ben servito ed accessibile in vario modo.
  9. Il settore immobiliare in Portogallo è piuttosto vantaggioso attualmente (affitto o acquisto).
  10. Il contesto per un residente fiscale è piuttosto vantaggioso, per i primi dieci anni; niente a che vedere con l’Italia.

Scegliere il Portogallo come residenza principale consente di godere di diversi vantaggi per un pensionato italiano, ad esempio. Imposta sul reddito, vicinanza con l’Oceano Atlantico, possibilità di investimenti immobiliari facilitati. I pensionati ed anche i giovani imprenditori che si sono terasferiti hanno subito avuto voglia di rimanervi per sempre o, in ogni caso, a lungo.

Quanto può costare, però, trasferirsi in Portogallo?

Potresti iniziare prendendo lezioni di portoghese?

Quanto costa andare a vivere in Portogallo?

Dall’affitto dell’appartamento, alla richiesta del numero fiscale, passando per l’iscrizione ad un corso di lingua, tutto è piuttosto facilitato, anche per uno straniero. Le pratiche per il trasferimento in Portogallo sono sbrigabili facilmente: non attendere!

Sia che si parli di Algarve, sia che si parli di Madeira o di Lisbona, trasferirsi in Portogallo ha di certo un costo. Il trasloco di beni è di certo la prima spesa da prevedere e programmare dettagliatamente.

Per trasferirsi con tutte le proprie cose e spedire mobili e quant’altro dall’Italia, le possibilità sono diverse:

  • Ingaggiare dei traslocatori portoghesi o italiani (i prezzi variano dai 2.500 ai 9.000 Euro),
  • Affittare un mezzo da guidare personalmente fino in Portogallo (100 euro al giorno).

In Portogallo il potere di acquisto è di circa il 25% in meno rispetto a quello di altri paesi europei. Il che consente di risparmiare, ma con le opportune attenzioni.

Le spese da sostenere, per chi scelga di vivere in Portogallo, po:

  • 800€ di affitto;
  • Canoni telefonia e internet (un centinaio di Euro);
  • Trasporti (50 Euro al mese);
  • Spese alimentari (350€ al mese);
  • Copertura sanitaria a pagamento (150€).

In totale conta una media di 1.600€ di spesa per vivere in Portogallo da sostenere mensilmente.

Non sotto valutare poi le spese eccezionali una tantum da sostenere al momento dell’arrivo? Circa 3000€ ti serviranno per affrontare spese come la cauzione per l’appartamento.

Anche prendere qualche lezione di portoghese ti costerà qualcosa. Tuttavia sarà indispensabile se ancor non parli la lingua, in modo da ben gestire l’installazione in terra portoghese.

Come fare per aprire un conto in banca, se non parli una parola di portoghese? Prevedi un budget per qualche lezione di portoghese conversazione.

Se contatti l’ufficio dell’alto commissariato per l’accoglienza dei migranti, potrai usufruire di 150 ore di lezione gratuite livello A1-A2, il tutto gratuitamente.

Se manchi di tempo o preferisci buttarti avanti mentre ancora risiedi in Italia, prendi una lezione di portoghese a settimana tramite la piattaforma di Superprof. Ti fornirà i profili di insegnanti di portoghese adatti ad ogni genere di esigenza linguistica ed economica. Potresti decidere di investire 300 euro una tantum per seguire un corso intensivo di portoghese con un Superprof a domicilio oppure online.

Insomma, per traferirti e vivere in Portogallo considera l’insieme di piccole spesucce iniziali che potrebbero arrivare fino a 5.000 – 8.000 Euro. Si tratta di un modo per arrivare preparato a tutte le evenienze: linguistiche, abitative, organizzative e non trovare sorprese nel tuo portafoglio nel giro di pochi giorni.

Tutto va preparato in anticipo, insomma, anche il risparmio necessario.

Cerchi un corso di portoghese?

Quali sono le pratiche amministrative per trasferirsi a bordo oceano?

Le spese per il trasferimento sono presto recuperate dall’esonero delle imposte e da uno stile di vita sano. L’esonero dalle tasse per i primi anni è un incentivo importante al trasferimento in Portogallo!

Diverso dal fatto di passare le vacanze in Portogallo, trasferirsi in Portogallo per rimanere a vivervi implica determinati percorsi amministrativi e tappe burocratiche da assolvere e… superare.

Innanzitutto, sappi che tutte le pratiche da svolgere sul posto necessitano del possesso di un numero di identificazione fiscale (o NIF), da richiedere presso un centro amministrativo denominato Loja do citadão con i seguenti documenti:

  • Carta di identità,
  • Certificato di residenza.

Vale lo stesso per quanto riguarda lo status di Residente Non Abituale (o status RNH), che, permettendo una convenzione fiscale vantaggiosa, renderà la tua posizione in Portogallo perfettamente legale. Non dovrai aver vissuto in Portogallo negli ultimi cinque anni oppure esercitare attualmente un cosiddetto mestiere dal valore aggiunto…

Per qualsiasi informazione complementare, non omettere di rivolgerti ad un avvocato del luogo, in modo da farti aiutare anche per ottenere il permesso di soggiorno, che vale cinque anni.

Tra le formalità, poi, ritroviamo l’apertura di un conto in banca. Ti servirà il NIF, un documento di identità, un’attestazione di domicilio, un certificato di residenza, un documento che attesti i tuoi redditi. Se avrai in mano tutto ciò sarai già a buon punto per diventare un espatriato ufficiale in Portogallo!

Per prendere in affitto un appartamento, al di là dei tre mesi liberi accordati dalla legge portoghese ai cittadini italiani, ti servirà il  CRUE (Certificado do Registo de Cidadão da União Europeia), da richiedere al massimo trenta giorni dopo i famosi tra mesi.

Tieni anche presente che in Portogallo la legge ti obbliga a restare almeno tre mesi in un appartamento di affitto. Il contratto di locazione sarà quasi sempre di un anno. Potrai recedere solo dopo tre mesi, ma il preavviso richiesto è di quattro …

Per quanto riguarda la salute, poi, tieni presente che in Portogallo l’assicurazione malattia è piuttosto cara. Inizialmente, potrai avvalerti della carta europea che usi in Italia. Poi, dovrai sottoscrivere un’assicurazione specifica.

Iscrivendoti presso il Servizio sanitario nazionale (SNS), potrai beneficiare di un medico curante locale (tramite un Centro de Saude locale). Il costo di un consulto sarà di soli 4.50 Euro.

Per finire, se hai dei bambini, tieni presenti quattro soluzioni principali che esistono per farli studiare:

  • Le scuole portoghesi pubbliche o private sono ovviamente le più diffuse sul territorio,
  • Le scuole francesi ed inglesi,
  • Le scuole internazionali.

In base ai prezzi (400€ per inglesi e francesi e France e per portoghesi private), potrai scegliere di tentare una integrazione immediata o proseguire gradualmente, mettendo tuo figlio insieme ad altri espatriati. Non esistono scuole italiane.

Puoi anche usufruire della scuola pubblica portoghese, ma facendo prendere lezioni di portoghese a latere. I piccoli imparano prestissimo, nel giro di due o tre settimane tuo figlio capirà praticamente tutto in classe e avrà superato il livello linguistico A1 e A2!

Vivere in Portogallo: che conoscenza devi avere della lingua portoghese?

Ovviamente, il prezzo da pagare per tutto ciò esiste e quello più salato è l’abbandono del paese di origine. Dalle spiagge alla stradelle dei centri storici, tutto dà voglia di trasferirsi in Portogallo!

Il Portogallo é un bel Paese. Tuttavia, per te sarà sempre un Pese straniero, fintanto che nonne imparerai a menadito al lingua ufficiale.

Quale livello linguistico ti serve per trasferirti e vivere felicemente in Portogallo, integrandoti alla perfezione?

La globalizzazione fa sì che le lingue straniere siano tutte utilissime. D’altra parte, esse possono anche non essere del tutto indispensabili.

Si tratta di un rovescio della medaglia, che può essere sfruttato a proprio vantaggio. Infatti, in un primo momento, se non parli benissimo, potrai avvalerti delle competenze in inglese dei portoghesi e di tutti gli altri stranieri residenti sul posto.

Reperire un contratto di lavoro non qualificato, incontrare delle persone, fare spese… ecco delle cose che potrai fare tranquillamene, in un primo momento, se ti rechi in Portogallo senza mai aver studiato la lingua ufficiale.

Ma non appena vorrai intessere relazioni più profonde, ascoltare e capire la radio, postulare per posizioni professionali più qualificate o a contatto col pubblico, dovrai saper parlare portoghese in modo accettabile.

Ed ecco perché, inizialmente, potresti confrontarti con gli stranieri presenti sul posto. Per poi, gradualmente, passare ad avere sempre maggiori relazioni coi portoghesi. Ti integrerai pian piano al tessuto locale, dal punto di vista linguistico e culturale.

Ovviamente, imparare il portoghese sarà la tappa successiva ed anche il prosieguo naturale della tua permanenza in Portogallo.

Forza e coraggio, allora, parlerai portoghese senza nemmeno accorgertene!

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...
avatar