"Quando si è ciò che sono io è difficile rimanere umili.Muhammad Ali (1942-2016)

Diverse volte campione del mondo di boxe categoria pesi massimi, Muhammad Ali suscita adorazione ma anche tante critiche.

Ancora oggi il nome del campione del mondo figura al top delle classifiche dei più grandi della leggenda dello sport.

Oltre a essere rimasto imbattuto sul ring, incarna un modello da seguire, una intelligenza messo al servizio del progresso e dei diritti umani.

Insieme a lui, i grandi boxeur del XX secolo hanno grandemente contribuito allo sviluppo del pugilato tra gli sport di combattimento e hanno aiutato ad imporlo come una delle discipline sportive più popolari.

Oggi la Federazione Italiana di Pugilato conta al suo interno molti iscritti, e non soltanto uomini!

Ecco, in questo articolo di Superprof, tutto quello che bisogna sapere sull'universo a volte sconosciuto della boxe.

La grande storia della boxe, la Nobile Arte!

Sebbene i combattimenti corpo a corpo siano stati per lungo tempo visti come un'azione di violenza che serve semplicemente a scaricarsi e sfogare le proprie frustrazioni, oggi sono finalmente considerati come un allenamento a tutta salute.

Meglio non trovarsi a combattere in quest'arena sotto Caligola!

Per capire meglio ciò di cui parliamo, ecco la storia della boxe dall'antichità ai giorni nostri!

La boxe fa la sua comparsa verso il VI secolo a.c. quando l'uomo comincia a servirsi di pugni e colpi di piedi come arma naturale.

Praticata ai tempi della Grecia antica e sotto l'Impero Romano, vede spesso concludersi gli incontri con la morte di uno degli avversari: parliamo, a quei tempi, di pugilato e pancrazio.

Nel pugilato i colpi miravano alla testa e quindi bisognava costantemente tenere la guardia alta, nel pancrazio invece i combattenti dovevano colpire tutte le zone del corpo combattendo a mani nude.

Dopo un periodo di successo la boxe viene poi dimenticata per più di mille anni dopo che l'imperatore romano Teodosio, nel 392, vieta i giochi dei gladiatori nel 392.

Bisogna aspettare il XVII secolo per sentire parlare nuovamente di questa disciplina: James Figg (1695-1734) diventa il primo boxeur a mani nude e pratica un mix di boxe, lotta e scherma.

Di fronte alla morte dei pugili durante gli incontri, i suoi successori hanno codificato questo sport nuovo. Un nome su tutti? Jack Broughton (1704-1789) che nel 1743 redige le prime regole universali della boxe: parliamo delle London Prize Ring Rules.

La boxe inglese è segnata nel corso di tutto il XIX secolo da violenza corruzione e inganno. È nel 1866 che qualcosa cambia: portare i guanti diventa obbligatorio, vengono fissate le dimensioni del ring e il combattimento contro l'avversario già a terra diventa illegale.

Dal primo all'ultimo round i pugili devono poter recuperare, quindi per ogni round è fissata la durata di 3 minuti.

La boxe sarà utilizzata soltanto nel 1891.

Questa data segna l'inizio dell'età dell'oro della boxe: il XX secolo vedei i campioni passare dall'essere "criminali" all'essere famosi in tutto il mondo.

Da allora abbiamo visto molti campioni avvicendarsi ed entrare nella storia della WBO (World Boxing Organization) e WBA (World Boxing Association): Muhammed Ali, Mike Tyson, Floyd Mayweather Jr., Rocky Marciano, Manny Pacquiao, Jake LaMotta, Georges Foreman, Joe Grazier, Wladimir Klitschko sono solo alcuni di loro!

Perché fare boxe? Ecco 10 buone ragioni!

Oltre alla volontà di colpire con agilità e potenza che un grande campione di boxe deve avere per poter partecipare alle sfide, allenarsi con un sacco e prepararsi al ring, la boxe offre moltissimi benefici.

La boxe stimola il cervello: mente, forza, calma, rispetto e determinazione...

Sì, perché fare boxe è una buona idea per la propria salute fisica e non solo.

Ecco 10 buone ragioni per diventare pugili!

  1. La boxe è uno degli sport di contatto più completi. Che si tratti di boxe amatoriale o a livello professionistico,   ci sarà un lavoro di gambe, di piedi e di braccia da fare. Dunque è uno sport che permette di rafforzare i muscoli sviluppando la precisione, la padronanza di sé e la fiducia in se stessi, agilità, tecniche di combattimento, strategia e rispetto reciproco. Per vincere per k.o. bisogna essere sufficientemente astuti per riuscire a anticipare e schivare l'avversario.
  2. La boxe permette di lavorare sulla propria forma: sebbene si lavori maggiormente sui muscoli, permette di scolpire il proprio corpo e diventare più atletici.
  3. Di conseguenza, boxare permette di dimagrire: in un'ora di boxe si brucia più energia che in un'ora di nuoto.
  4. Fare boxe vuol dire sottoporsi a un allenamento cardiovascolare molto completo: boxe e arti marziali stimolano infatti le capacità cardiache.
  5. Il pugilato è uno sport per sfogarsi; canalizzare la propria energia sui sacchi aumenta la sensazione di benessere e permette di tenere sotto controllo lo stress.
  6. Inoltre è un programma di rafforzamento muscolare di grande qualità: tutti i muscoli sono rafforzati simultaneamente, dai quadricipiti agli addominali.
  7. Andando a boxare in una palestra o in un club si impara l'autodifesa per rispondere ad eventuali aggressioni e sapere come comportarsi nel caso in cui si trovi in difficoltà.
  8. La boxe è un momento di socialità: la boxe femminile e maschile è aperti a tutti! Una pratica sportiva conviviale, adatta al qualsiasi condizione fisica.
  9. La boxe è uno sport misto: con circa il 30% di donne in ogni club, la boxe è una delle discipline più diffuse anche tra e donne.
  10. In ultimo, è uno sport tattico in cui servono qualità fisiche ma anche cognitive.

Ora siete convinti di volervi aggiungere ai pugili della vostra città?

Qualsiasi club di boxe vi chiederà di avere un'attrezzatura adeguata per praticare sport nelle migliori condizioni.

L'elemento principale del materiale di boxe? I guanti!

Quali marche di guanti da boxe scegliere?

Esistono numerose marche di guanti sul mercato dell'attrezzatura sportiva.

Come scegliere i guanti giusti per boxare?

Guanti di buona qualità permetteranno in primo luogo di evitare di ferirvi: colpire a mani nude un sacco può infatti danneggiare i tessuti; i guanti servono ripartire l'impatto del colpo del pugno, proteggere il boxeur e l'avversario.

I guanti influiscono sulla qualità del combattimento: imbottitura in schiuma o no, per limitare la sudorazione?

Li troverete in diversi materiali: in pelle, similpelle, cuoio sintetico...

Diversi criteri di scelta sono da considerare prima di acquistarli:

  • Il livello di pratica: un campione olimpico necessita di guanti d'alta gamma, cosa non necessaria per un principiante che boxa occasionalmente.
  • La misura dei guanti a seconda del peso: guanti troppo piccoli aumentano l'intensità del colpo, guanti troppo grandi riducono la veloicità. La taglia dei guanti si esprime in Oz.

Unavolta che avrete chiara la misura ottimale, secondo i vostri obiettivi, il peso e la statura, potrete cominciare a mettere a confronto i prodotti secondo il loro prezzo.

I brand sono numerosi e propongono fasce di prezzo molto differenti, che variano dai 10-15 € ai 150.

Il marchio Decathlon commercializza ad esempio guanti per principianti a 12 €, marchi come Adidas, Domyos, Everlast, Metal Boxec, Reyes, Twins, Venum, Fairtex, Ringhorns ne propongono anche di alta gamma con rivestimenti in pelle di alta qualità e una grande durabilità nel tempo!

Boxe e citazioni!

Molti nomi hanno segnato il mondo della boxe, non solo per i loro colpi ma anche per le loro parole.

I grandi campioni se ne vanno, ma le loro parole restano per sempre!

Le frasi di un campione restano nella memoria collettiva ancor più dei suoi premi, poiché raccontano il suo percorso in un determinato contesto socio-economico e la società in cui vive, e perché sono di ispirazione per chi viene dopo.

Ecco le frasi più celebri dei grandi nomi del pugilato.

Cinque citazioni di Muhammed Ali (1942-2016)

1/ "Non ho niente contro il Vietcong. Nessun vietnamita mi ha mai trattato da negro."

2/ "Sul ring c'è un arbitro per fermare il combattimento se uno degli sfidanti rischia di rimanere ferito. La boxe non ha niente a che vedere con la guerra e con le sue mitragliette, con i suoi bazooka, le sue granate e le sue bombe."

3/ "Credete del mondo sia rimasto scioccato dalle dimissioni di Nixon? Aspettate che io mi batta con George Foreman. I suoi pugni non possono toccare ciò che i suoi occhi non vedono. Ora ci sono, ora non ci sono. George crede di potercela fare, ma io dico di no. Ho abbattuto gli alberi per prepararmi a quest'incontro. Ho fatto a botte con un coccodrillo, ho lottato con una balena. Ho ammanettato i lampi, sbattuto in galera i tuoni. L'altra settimana ho ucciso una roccia, ferito una pietra, mandato all'ospedale una mattone".

4/ "Che siate musulmani, cristiani o ebrei non ha importanza. Se credete in Dio, dovete pensare che ogni essere umano faccia parte di una sola e stessa famiglia."

5/ "Se qualcuno sta sognando di battermi, farebbe meglio a svegliarsi e scusarsi."

Cinque citazioni di Mike Tyson

1/ "Sono un sognatore. Ho bisogno di sognare e raggiungere le stelle, e se perdo una stella, prendo una manciata di nuvole."

2/ "Mentre perseveriamo e resistiamo, possiamo ottenere tutto ciò che vogliamo"

3/ "Preferisco essere il primo e non avere niente in tasca, piuttosto che essere ricco ma avere il secondo posto."

4/ "Tutti hanno un piano finché non ricevono il primo pugno in faccia."

5/ "Alcune persone cercano di tirarti fuori dalla schiavitù per essere loro schiavi."

I più grandi boxeur italiani

Anche il nostro Paese si è fatto notare nel corso della storia della boxe: se oggi il pugilato è diventato sport olimpico, è anche grazie a questi grandi sportivi italiani!

Ecco i più grandi campioni italiani di boxe:

  • Primo Carnera
  • Nino Benvenuti
  • Rocky Marciano
  • Sandro Mazzinghi
  • Sandro Lopopolo
  • Duilio Loi...

E sono solo alcuni!

Diversi nomi sono da tenere d'occhio nel panorama attuale, tra questi figurano anche delle donne come Vissia Trovato e Silvia Bortot.

Boxe e boxe office: i migliori film sulla Nobile Arte

Quando si parla di boxe si pensa spesso a Sylvester Stallone nel ruolo di Rocky Balboa. Se è vero che questo film è rimasto impresso nella mente di tutti, non è certo l'unico che riguarda il mondo del pugilato!

Da Charlie Chaplin a Clint Eastwood, coach di boxe in Million Dollar Baby, ecco una selezione di 10 film cult sul pugilato da vedere e rivedere:

  • Charlot boxeur (1915),
  • La serie "Rocky", 8 films  dal 1976,
  • Toro scatenato (1980),
  • Quandi eravamo re (1996),
  • Hurricane - Il grido dell'innocenza (1999),
  • Girlfight (2000),
  • Ali (2001),
  • Million Dollar Baby (2004),
  • Cinderella Man - Una ragione per lottare (2005),
  • Victor Young Perez (2013).

L'interesse per il mondo della boxe è tale che assistiamo a un'accelerazione del ritmo di produzione di pellicole dedicate: tra questi 10 titoli, la metà tra loro è stata prodotta dopo il 2000!

Bisogno di un insegnante di Boxe?

Ti è piaciuto l'articolo?

5,00/5, 1 votes
Loading...

Alice

Ho calzini volanti, 6 buchi alle orecchie, nessun filtro, troppe parole. Nella vita Giornalista + SocialMediaManager + qualsiasi cosa comprenda il parlare, lo scrivere e il comunicare.