Pagina iniziale
Dare lezioni
,
Cerca vicino a casa mia Online

Top ville

Pagina iniziale
Dare lezioni
Eccellente
commenti

La nostra selezione di insegnanti privati/e di arabo a Catania

Visualizza più insegnanti

5,0 /5

Il voto medio dato ai/alle nostri/e insegnanti di arabo a Catania è di 5,0 con più di 1 commenti.

14 €/ora

Le migliori tariffe: il 100% dei/delle nostri/e insegnanti offre la prima ora di lezione. In media, le lezioni di arabo a Catania costano 14€.

0 h

Veloci come saette, i/le nostri/e insegnanti ti rispondono in 0h.

Imparare non è mai
stato così semplice

2. Organizza le tue lezioni private di arabo a Catania

Parla con l'insegnante di arabo per condividere le tue necessità e disponibilità. Programma le lezioni di arabo e pagale in tutta sicurezza attraverso la chat Superprof. Imparare l'arabo a Catania non è mai stato così facile!

3. Vivi nuove esperienze

Il "Pass Alunno" ti consente l'accesso illimitato a tutti/e gli/le insegnanti, coach, maestri/e alle masterclass di Arabo a Catania, o in altre città, oppure online, per 1 mese. Un mese intero per scoprire nuove passioni.

Le domande più frequenti:

✒️Come gli/le studenti/esse valutano gli/le insegnanti di lingua e grammatica araba a Catania?

Su 1 valutazioni, gli/le studenti/esse attribuiscono un punteggio medio di 5,0 su cinque.

 

L'équipe Superprof è disponibile per offrirti un veloce sostegno (via telefono o e-mail dal lunedì al venerdì) se dovessi incontrare qualsiasi difficoltà, o in caso di dubbi per un/un'insegnante.

 

Scopri le FAQ!

💡 Per quale ragione seguire un corso privato di lingua e grammatica araba a Catania?

L'arabo è la quinta lingua più parlata al mondo: saperlo parlare rappresenta un enorme vantaggio nel mercato del lavoro, nonché una competenza preziosa a livello personale. I corsi a domicilio di arabo con un/una maestro/a ti permetteranno di progredire più rapidamente.

In totale autonomia, potrai selezionare l'insegnante che preferisci e prenotare la prima lezione.

 

La messaggeria permette di conversare con l'insegnante per organizzare i corsi di arabo con tranquillità.

Il nostro motore di ricerca ti permetterà di trovare la perla rara tra 7 tutor di arabo a Catania.

 

Fai click e lancia la ricerca!

💻 Se trovo un/una prof di arabo che corrisponde a quello che sto cercando ma è in un un'altra città, è possibile fare le lezioni a distanza?

Certamente! La maggior parte dei/delle nostri/e insegnanti, oltre a dispensare lezioni presenziali, propongono corsi online.

 

Le lezioni online sono meno care rispetto a quelle faccia a faccia perché non ci sono supplementi di trasporto e sono più flessibili con l'orario perché si risparmia il tempo del tragitto.

 

I corsi di arabo via webcam sono un'eccellente opzione per continuare a imparare a casa.

👩🏻‍🏫Quanti/e prof sono disponibili per dare corsi di lingua araba a Catania?

Trova le lezioni private di lingua araba a Catania scegliendo tra più di 7 prof disponibili.

 

Buttati e seleziona il/la professore/essa che più ti ispira. Dove? A Catania!

 

Per poter fare la scelta giusta, dai un'occhiata ai loro cv.

💸 Quanto costa in media un corso di lingua e grammatica araba a Catania e nei dintorni?

La tariffa media di una lezione a domicilio di arabo a Catania è di 14 €.

 

L’esperienza dei/delle professori/esse, il luogo dove si terranno i corsi (internet o a domicilio dell'alunno/a) e la posizione geografica o ancora la qualità dei corsi che si intende seguire e il tempo sono fattori che possono influire sul prezzo delle lezioni.

 

Il 97% dei/delle maestri/e offrono il primo corso.

 

Voglia di iimparare?

Potrai scegliere tra moltissimi insegnanti di talento!

Visualizza più insegnanti Inizia subito

Lezioni di arabo per diventare bilingue

Gli arabi a Catania: influenza culinaria e idraulica

Gli arabi che arrivarono in Sicilia circa dodici secoli fa provenivano da una regione che loro stessi chiamavano Ifriqiya, la stessa che noi, oggi, identifichiamo con una parte di Tunisia, una parte dell’Algeria occidentale e alcune ridotte porzioni della Cirenaica (Libia orientale).

Gli arabi e i Normanni a Catania

Dallo sbarco arabo a Mazara del Vallo, avvenuto nel trapanese nell’anno 827, sono serviti ben 73 anni ai Saraceni per arrivare a conquistare Catania (ancora di più servì per occupare la roccaforte di Rometta, nel messinese, che cadde solo nel 965, a qualche decennio oramai dall’arrivo dei Normanni).

La città di Catania beneficiò non poco della presenza araba: tra le altre cose, la costruzione di canali per sfruttare le risorse idriche e la diffusione di nuove colture, come gli aranci, ancora oggi simbolo della città e della regione tutta.

Sembra che i catanesi, dopo un primo impatto non troppo felice con le truppe di occupazione araba (le chiese bizantine vennero sostituite da moschee), si adattarono ai nuovi padroni della città, al punto che, l’arrivo dei Normanni non fu molto ben accolto. Il Gran Conte Ruggero d’Altavilla, nell’isola con il proprio esercito dal 1061, dovette scendere a patti con l’emiro di Siracusa Ibn ‘al Werd per entrare nella città dell’elefante una prima volta nel 1071 e dovette conquistarla una seconda volta con la forza, dieci anni dopo per fronteggiare le rivolte dei cittadini che avrebbero voluto tornare ad essere una provincia araba. E a ragione, dato che il dominio normanno nei due secoli successivi non sarebbe stato molto tollerante.

L’influsso arabo a Catania resiste

Normanni, Svevi, Aragonesi e Angioini nei secoli seguenti si dettero da fare per cancellare le tracce della dominazione araba in Sicilia, al punto che a Catania non resta praticamente più nulla.

Nulla, però, poterono fare per estirpare (non solo in senso metaforico) le colture che, grazie agli arabi, per parecchio tempo hanno fatto parte dell’economia locale (in alcuni casi, ne fanno ancora parte). Ci riferiamo, oltre ai succitati aranci, anche alla canna da zucchero, al riso (per parecchio tempo coltivato in Sicilia, come oggi lo è in Lombardia, Piemonte e Veneto), al gelsomino, al cotone, all’anice, al sesamo, alla cannella e allo zafferano.

I Normanni e i popoli che dopo di loro invasero e dominarono la Sicilia non poterono cancellare nemmeno le tracce oramai impresse nella cultura culinaria dell’isola, come i Cubbaita (nome che deriva dall’arabo Qubbayt), un torrone di miele, semi di sesamo e mandorle; i Nucatuli (Nagal), termine che identifica frutta secca, confettura e un dolce secco; la Cupita, un torrone estremamente duro, a base di nocciole, albume d’uovo, zucchero, miele e amido. Ma non solo: è grazie alla presenza araba a Catania e Palermo che oggi si possono gustare dolci profumati alla frutta, alla cannella e agli odori dei fiori e soprattutto le cassate e i sorbetti.

Allontanandoci per un momento da Catania, sempre grazie all’influsso arabo, possiamo mangiare le panelle, i ceci essiccati e il pane ca meuza (il pane con la milza): ma qui siamo a Palermo ed è tutta un’altra storia!

Le teste di turco

A poco più di un centinaio di km dalla città dell’elefante, ma rimanendo sempre nella Sicilia orientale, troviamo un’altra specialità culinaria, ovviamente ancora una volta dolce, che prende spunto se non dalle usanze saracene, almeno dalla presenza araba nell’isola.

Parliamo delle teste di moro.

Secondo la leggenda, negli anni in cui i Normanni del Conte Ruggiero cercarono di conquistare l’isola, strappandola agli arabi, vi fu una battaglia particolarmente cruente. Questa ebbe luogo una notte del marzo 1091, nella piana che si affaccia direttamente sul mare di Donnalucata, nel comune di Scicli. I Saraceni sembravano invincibili e pronti a schiacciare le truppe normanne, quando, sempre secondo la leggenda, la Madonna, in sella ad un cavallo bianco, apparve alle truppe, vestita con un corsetto di colore rosso, un mantello celeste, una corona d’oro in testa e una spada nella mano destra.

Fu proprio questa affilatissima spada, si narra, guidata dalla mano celeste, ad uccidere sul campo di battaglia centinaia di nemici (arabi), tagliando loro le teste: quelle stesse teste che, alla fine della battaglia, ricoprivano il terreno.

Per mantenere viva la memoria della battaglia e del miracolo che permise ai Normanni di vincere e liberare la regione dagli arabi, i siciliani avrebbero inventato le teste di turco, ovverosia un grosso bignè (la cui forma ricorda quella di un turbante) farcito o di crema o di ricotta, con l’aggiunta di scaglie di cioccolato fondente, granella di mandorle e pistacchi.

A Scicli, l’ultima settimana del mese di maggio, ogni anno si festeggia la patrona della città, la Madonna delle Milizie: e questa è la migliore occasione (ma di certo non l’unica) per gustare le teste di turco.

I qanàt arabi di Catania: usi domestici e agricoli dell’acqua

Parlavamo, poco sopra, delle canalizzazioni realizzate dagli arabi per consentire agli abitanti di Catania di avere l’acqua corrente a disposizione. Queste si chiamano Qanàt e sono oggi in parte visitabili. L’escursione tutta sotterranea lungo queste vie d’acqua consente di fare un tuffo nel passato, ammirando le tecniche di costruzione del Medioevo o addirittura precedenti.

Si tratta in effetti di un antico sistema di trasporto idrico, la cui ideazione originaria si deve agli antichi Persi, dai quali gli arabi presero e adattarono progetto e tecniche. Dai paesi islamici e dal Marocco, i qanàt arrivarono anche in Spagna e Portogallo.

Fu proprio durante la dominazione araba, che diversi sistemi particolarmente geniali per captare le falde e distribuire le acque, sia in superficie, sia in profondità, vennero importati, applicati e adattati alle particolari esigenze e asperità di un terreno estremamente duro (roccia lavica): tra questi sistemi, i qanàt!

I qanàt arabi furono particolarmente apprezzati soprattutto da notabili e nobili arabi di Sicilia, che potevano così beneficiare dell’acqua all’interno delle loro residenze, ma furono un utilissimo strumento per rispondere a moltissime necessità agricole in una regione dove il caldo e la siccità si fanno sentire diversi mesi all’anno.

Che cosa vuoi imparare?