Pagina iniziale
Dare lezioni

Corso di batteria a Bari

🥇 I/le migliori insegnanti di Bari
💻 7 insegnanti disponibili
🔒 Pagamenti sicuri con Superprof
💸 Nessuna commissione

Qual è il tuo livello?

Eccellente
commenti su
Lezioni private con Superprof

La nostra selezione di insegnanti privati/e di batteria a Bari

Visualizza più insegnanti

5,0 /5

Il voto medio dato ai/alle nostri/e insegnanti di batteria a Bari è di 5,0 con più di 5 commenti.

21 €/ora

Le migliori tariffe: il 100% dei/delle nostri/e insegnanti offre la prima ora di lezione. In media, le lezioni di batteria a Bari costano 21€.

2 h

Veloci come saette, i/le nostri/e insegnanti ti rispondono in 2h.

01

Trova il/la tuo/la insegnante di batteria a Bari

Dai un'occhiata ai profili di Bari e contatta un/un' insegnante secondo i tuoi criteri (tariffe, diplomi, commenti, lezioni di batteria a domicilio o via webcam)

02

Organizza le tue lezioni private di batteria a Bari

Parla con l'insegnante di batteria per condividere le tue necessità e disponibilità. Programma le lezioni di batteria e pagale in tutta sicurezza attraverso la chat Superprof. Imparare a suonare la batteria a Bari non è mai stato così facile.

03

Vivi nuove esperienze

Il "Pass Alunno" ti consente l'accesso illimitato a tutti/e gli/le insegnanti, coach, maestri/e alle masterclass di Batteria a Bari, o in altre città, oppure online, per 1 mese. Un mese intero per scoprire nuove passioni.

Scopri tutti/e i/le nostri/e insegnanti di batteria a Bari

I nostri consigli imparare a suonare la batteria con lezioni batteria

La percussione ti intriga da sempre? La preparazione del batterista a Bari

Groove Up Bari è una scuola di musica che ha sede in via Michele Mitolo a Bari, presso la quale puoi informarti ed eventualmente prendere lezioni di batteria ed altri strumenti!

Oppure, potresti prendere in considerazione l’Accademia della Musica, in via Marco Partipilo, dove oltre ai corsi accademici a partire dai sei anni di età, potrai usufruire della competenza e della creatività degli insegnanti dediti alla propedeutica musicale per piccolissimi e piccoli, alla musicoterapia e a tante iniziative innovative e poliedriche di sicuro impatto sul senso del ritmo.

Il Pentagramma, sito in via Pietro Giannone, propone corsi, lezioni individuali, jam session, masterclass, percorsi ludici ed iper-professionalizzanti e specialistici per piccoli e adulti, con una grande varietà di occasioni, proposte pedagogiche e lasciando margine di scelta individuale per personalizzare l’apprendimento. Puoi scoprire come allenare la memoria, le dita, l’intero corpo, ai fini di una pratica corretta e salutare del tuo strumento preferito.

Vediamo, a tal proposito, come un vero batterista si prepara e mantiene in forma fisicamente.

Il batterista si scalda?

Come ogni attività che coinvolga l’organismo, anche suonare la batteria necessità di un vero e proprio riscaldamento di tutto il corpo.

Innanzitutto, teniamo presente che il corpo di un batterista, come quello di ogni altro uomo ed essere vivente, risente delle condizioni climatiche. Colui che si trova a suonare in un ambiente freddo, ad esempio, dovrà cercare di proteggersi da esso, onde evitare irrigidimenti muscolari e scheletrici, nonché il fatto di suonare con gli arti freddi. Il riscaldamento dovrà essere particolarmente intenso, prima di eseguire un brano alla batteria in un ambiente freddo.

Ogni performance, insomma, deve essere preceduta da adeguata ginnastica.

Arti superiori ed inferiori sono ugualmente implicati nell’attività batteristica. Dita, polso, mano, braccio avanbraccio e spalla, come anche piede, caviglia, polpaccio, quadricipiti ed altri muscoli della coscia vanno scaldati, allenati, protetti. Il collo e le spalle necessitano ugualmente di attenzione, cura e riscaldamento, per mettere il batterista in una condizione di totale benessere percepito ed oggettiva sicurezza.

Il batterista, come il corridore

Suonare ad una velocità sostenutissima per molto tempo può già produrre stanchezza ed irrigidimento. Pensare di farlo da zero, senza essersi scaldati, poi, è una certa condanna.

Il riscaldamento consigliato per un batterista parte assai lentamente, ossia con pochi battiti al minuto di bacchetta, per andare poi a crescere gradualmente. Non è poi diverso dal classico riscaldamento proposto prima di ogni attività fisica, visto da questo punto di vista.

Ed anche altre similitudini esistono tra un corridore, per esempio, ed un suonatore di batteria. Il batterista che smetta di suonare per sopraggiunto dolore cesserà di suonare non bruscamente, bensì rallentando il numero di colpi (bpm) assai gradatamente. Proprio come quando si smette di correre: non ci si siede subito sul divano, ma si continua a camminare in modo sostenuto, respirando e rallentando pian pianino

Stretching ed altri esercizi

Per gli esercizi che indicheremo a seguire, salvo specifiche altre indicazioni, tieni presente che cinquanta o sessanta bpm sono l’indicazione di base. Ciò varrà relativamente alla simulazione dei colpi classici del batterista. Altri esercizi, invece, saranno effettuati su archi temporali di circa un minuto.

Come avviene per ogni attività fisica, anche il riscaldamento della batteria prevede fasi e durate specifiche, da rispettare bene. Riscaldarsi per troppo poco tempo, ad esempio, è quasi come non effettuare alcun risaldamento. Ogni esercizio richiede un tempo di pratica ad hoc e va eseguito senza fretta di iniziare ad esibirsi, insomma!

  • Negli esercizi di stretching che ti presentiamo sotto, manterrai la posizione di massima estensione per circa venti o venticinque secondi. Non dovrai mai soffrire, in ogni caso.
  • La rotazione e l’estensione si effettueranno in cicli ripetuti della durata di circa sessanta secondi l’uno.
  • I rudimenti di batteria saranno poi praticati per almeno sessanta secondi ad esercizio.

Il polso

Rilassando la mano, si effettuerà la rotazione oraria e poi antioraria del polso.

In seguito, si sovrapporranno le mani una all’altra, tenendo i palmi rivolti verso il basso e con la mano posta sopra si effettuerà una leggera pressione, in modo che il polso si pieghi verso il basso. L’esercizio andrà effettuato da entrambi i lati, rispettando le tempistiche indicate sopra, che valgono per tutti gli esercizi. 

Le dita delle mani

Tenendo i pugni chiusi e le braccia lungo i fianchi, si aprono e chiudono ripetutamente le dita della mano, allungandole fino alla massima estensione possibile.

Si congiungeranno poi le mani all’altezza del petto, palmo contro palmo, piegando le dita di una mano verso il dorso, fino alla massima estensione possibile (mai dolorosa). Si procederà con l’altra mano sempre per i tempi indicati sopra.

In seguito si afferrerà ogni singolo dito alla volta per fargli compiere dei cerchi in senso orario ed antiorario, lentamente.

Braccia e spalle

Eretti con le braccia lungo i fianchi, si allargano le braccia e compiendo con esse grandi movimenti circolari per circa 20 o 25 secondi.

Ci si mette, in seguito, con le braccia perpendicolari in avanti rispetto alla linea del corpo e si porta ogni braccio verso il lato opposto, incrociando. Si invertire e ripete con la sovrapposizione opposta.

Si passa, poi, ad un altro esercizio, mettendo un avambraccio dietro la nuca e, con la mano opposta, spingendo sul gomito del braccio piegato. Si preme con pressione crescente ma senza movimenti bruschi estendendo al massimo i muscoli interessati. Dopo venti secondi si cambia arto.

Si porta, poi, un braccio alla spalla opposta, come per volerla toccare con l’interno del gomito. Con l’arto libero si spinge il braccio opposto verso la spalla, lentamente fino alla massima estensione possibile. Si effettua nuovamente l’esercizio invertendo le parti degli arti.

Le caviglie

Ci si tiene eretti, si solleva una gamba e si fa roteare la caviglia, con la punta del piede tesa verso il basso, nelle due direzioni.

Con le piante dei piedi al suolo, si solleverà solo la parte anteriore di uno dei due piedi, tenendo il tallone ben saldo al terreno. Si effettuerà il ritorno al suolo simulando un battito del pedale della grancassa e ripetendo la sessione secondo i tempi ormai noti.

Tenendo ora la punta fissa al suolo, si eseguiranno dei battiti col tallone, alternando sinistra e destra rispetto alla punta del piede, in massima flessione muscolare.  

I polpacci

Eretti, senza flettere le ginocchia, piegarsi in avanti, come per toccare le punte dei piedi. Una volta giunti a terra con le mani, si sollevano i talloni e tendono in avanti, per flettere le mani. Il polpaccio lavorerà fino alla massima estensione.

Arriva poi il momento di inginocchiarsi appoggiando i glutei sopra ai talloni e portare il busto indietro come per toccare il pavimento con la nuca. La posizione è mantenuta per un minuto.

Mettersi con le piante aderenti al suono e flettere le gambe, partendo da posizione eretta, avvicinandosi il più possibile al suolo coi glutei. Restare in questa posizione e “molleggiare”, con la colonna ben tesa.

Effettuare poi il classico esercizio della “farfallina”: seduti a terra con le gambe piegate ed unite in modo che le piante dei piedi si tocchino. Appoggiare le mani sulle ginocchia effettuano piccole pressioni, come a volerle far tendere verso il pavimento, senza però mai forzare troppo.

Partendo poi dalla posizione eretta, coi piedi alla larghezza delle spalle, effettuare un altro esercizio. Far toccare ripetutamente tra loro le ginocchia, mentre ci si flette creando un angolo di novanta gradi tra stinco e coscia.

Sempre dalla posizione eretta, toccare un gluteo col tallone dello stesso arto, aiutandosi però con la mano del lato opposto, che trierà il piede. Si resisterà una ventina di secondi e si alterneranno le parti.

L’ultimo esercizio consisterà nel simulare dalla posizione eretta, prima da un lato e poi dall’altro, l’atto del pestare con forza qualcosa a terra col piede, dopo aver ben sollevato l’arto rispettivo dal suolo.

A questo punto, si è davvero caldi per iniziare con la pratica dei rudimenti, proprio come fa un pianista con le scale, prima di eseguire qualsiasi altro esercizio o brano!

Le domande più frequenti:

💰 Quanto si paga per seguire una lezione privata di batteria a Bari?

A Bari, il prezzo medio di un/un'insegnante privato/a di batteria è di 21 e può variare per tre motivi.

  • L'esperienza e gli studi dell'insegnante.
  • Il luogo delle lezioni: avranno luogo a casa dell'allievo/a, a domicilio del/della professore/essa, su internet o altrove?
  • La ripetitività e la durata delle sessioni.

 

La maggior parte dei/delle nostri/e professori/oresse di batteria offre la prima ora

 

Scopri le tariffe dei/delle insegnanti di batteria nella tua città facendo una semplice ricerca su Superprof.

✒️ A Bari, qual è la valutazione media che hanno ricevuto i/le nostri/e insegnanti di batteria?

Gli/le insegnanti di batteria a Bari hanno ricevuto un voto totale di 5 commenti e la media globale è di 5,0 /5. Non male, no?

 

Dietro Superprof c'è un'équipe disponibile tutta la settimana per aiutarti. Puoi contattarci per telefono o per mail, oppure consultare questa sezione dove rispondiamo alle domande più frequenti.

💻 È possibile imparare a suonare il batteria a distanza con un/una prof di Superprof?

Certamente! La maggior parte dei/delle nostri/e insegnanti oltre a dispensare lezioni presenziali, propongono corsi via webcam.

 

Le lezioni online sono meno care rispetto a quelle faccia a faccia perché non ci sono supplementi di trasporto e sono più flessibili con l'orario perché si risparmia il tempo del tragitto.

Le lezioni di batteria online sono un'eccellente opzione per continuare a imparare da casa.

🥁Perché contattare un/una professore/essa di batteria a Bari può essere una buona decisione?

La batteria è uno degli strumenti più amati. Sogni di suonare in una band ed esibirti su un palco? Ti piacerebbe diventare un mago con le bacchette? Le lezioni di batteria è quel che ti serve!

 

Non c'è da stupirsi se la batteria ha raggiunto una tale popolarità, poiché i suoi vantaggi sono tanti. Per prima cosa, è uno strumento che si può personalizzare aggiungendo rulli a piacimento.

 

In seconda istanza, perché la batteria è uno strumento intuitivo. Contrariamente al pianoforte non richiede una grande conoscenza teorica, solo molte energie da investire!

 

Terzo, perché la batteria è uno strumento essenziale in ogni rock band. È la batteria che dà il  tempo agli altri strumenti, che permette ai diversi componenti di suonare sincronizzandosi. Con un po' di perseveranza, in poche settimane sarai capace di eseguire i ritmi più semplici. Non demordere se non ci riesci al primo colpo: la pratica musicale richiede costanza. Su internet potrai trovare moltissimo materiale: partiture, tutorial e consigli per migliorarti.

 

Quarto, la batteria è un buon mezzo per aiutarti ad affermare la tua personalità. Suonare questo strumento ti permette di sviluppare il tuo lato creativo, liberare le emozioni e accrescere la fiducia in te stesso/a. Essere creativo può essere anche un bonus per la tua carriera professionale e permetterti di trovare soluzioni originali a problemi quotidiani.

 

Entrare in contatto con i/le nostri/e maestri/e superprof è facilissimo!

⏰ Quanti/e docenti sono disposti/e a impartire corsi privati di batteria a Bari?

Puoi scegliere tra i/le 7 professori/esse di batteria iscritti/e alla piattaforma a Bari e dintorni.

 

Si desideri trovare un insegnante che corrisponde alle tue esigenze, non esitare a confrontare gli annunci dei/delle maestri/e di batteria di Bari ed entra in contatto con quello/a che più interessa.

 

Prima di scegliere il profilo puoi guardare le informazioni del suo annuncio, le opinioni dei/delle ex alunni/e e trovare i dettagli sulle tariffe.

 

Vedrai che trovare un/ua maestro/a privato/a di batteria è un gioco da ragazzi!