Eccellente
commenti

La nostra selezione di insegnanti di filosofia

Visualizza più insegnanti

5,0 /5

Insegnanti livello star con un punteggio medio di 5,0 stelle e più di 1.411 commenti positivi.

14 €/ora

Le migliori tariffe: il 98% degli/delle insegnanti offre la prima lezione. e un'ora di lezione costa in media 14€.

3 h

Rapidi/e come saette, gli/le insegnanti ti rispondono in media in 3h.

Imparare non è mai
stato così semplice

2. Organizza i tuoi corsi di Filosofia

Dialoga con il/la tuo/a insegnante privato/a di filosofia per spiegargli/le tuoi bisogni e le tue disponibilità. Programma le lezioni e procedi al pagamento in totale sicurezza utilizzando la chat di Superprof.

3. Vivi nuove esperienze

Il Pass Alunno ti dà un accesso illimitato ai profili di tutti/e i/le nostri insegnanti, prof, coach, maestri/e e alle Masterclass per un mese (rinnovabile). Un mese per scoprire nuove passioni con insegnanti in gamba di Filosofia.

Le domande più frequenti:

💸 Qual è la tariffa media di un corso di Filosofia?

Il prezzo medio di una lezione di Filosofia è di 14 €.

Le tariffe variano in funzione di tre fattori:

  • L'esperienza dell'insegnante di filosofia
  • Il luogo delle lezioni (a domicilio o online) e la situazione geografica 
  • La durata e la frequenza dei corsi

Il 97% degli/delle insegnanti offre la prima lezione.

Scopri le tariffe degli/delle insegnanti vicino a casa tua.

💡 Perché seguire un corso di Filosofia?

Dei corsi di Filosofia con un/un' insegnante specializzato/a sono l'occasione per imparare e progredire velocemente.

Scegli l'insegnante che preferisci e programma, in presenza o online, il corso in totale libertà!

Una chat ti consentirà di conversare direttamente con l'insegnante per scegliere e organizzare le lezioni in piena serenità.

Un motore di ricerca ti permette di trovare la perla rara tra centinaia di insegnanti privati/e.

Lanciati nella ricerca, basta un click!

💻 Gli/Le insegnanti di filosofia propongono lezioni a distanza?

La maggior parte degli/delle insegnanti di filosofia propongono corsi di

Filosofia online.

Non esitare a consultare i loro annunci o utilizzare il motore di ricerca (puoi scegliere il filtro via webcam) per scoprire i corsi di Filosofia disponibili online.

🎓 Quanti sono gli/le insegnanti disponibili per dare dei corsi di Filosofia?

6.799 insegnanti di filosofia propongono un aiuto filosofia.

Puoi cercare i lori profili e scegliere quello che corrisponderà di più alle tue necessità.

Scegli il tuo corso tra più di 6.799 profili.

✒️ Che voto medio è attribuito agli/alle insegnanti di Filosofia?

Su un campione di 1.411 voti, gli/le allievi/e attribuiscono un voto medio di 5,0 su 5.

Per qualsiasi dubbio o difficoltà, un servizio clienti è disponibile per trovare rapidamente una soluzione (per telefono o via mail, dal lunedì al venerdì).

Conoscere di più sulle domande più frequenti.

Voglia di imparare Filosofia?

Potrai scegliere tra moltissimi insegnanti di Filosofia di talento!

Visualizza più insegnanti Inizia subito

Essere seguiti/e dai/dalle migliori insegnanti per la tua prima lezione di filosofia

La filosofia in Italia, fascia bambini

Quello della filosofia per bambini è un capitolo di grande attualità ed interesse, nel nostro Paese.

Sebbene con estremo ritardo rispetto ad altre nazioni, anche gli italiani, finalmente, hanno iniziato ad avvicinarsi alla filosofia senza più pregiudizi.

In effetti, il fatto di inserire questa disciplina – sebbene solo fra le righe – nell’insieme delle attività didattiche della scuola elementare, fa sì che non solo i piccoli scoprano cosa si intenda per “filosofare”.

I genitori, i fratelli, coloro che seguono da vicino un bambino della scuola elementare mentre svolge i compiti a casa - e dunque anche gli inseganti privati e coloro che assicurano ripetizioni e doposcuola generico – si ritrovano faccia a faccia con questa materia.

Solo ai giorni nostri, infatti, la filosofia compare addirittura nei libri di testo della quarta e quinta elementare. Ed è così che anche nonni, zii, sebbene a digiuno dal punto di vista di una formazione prettamente umanistica, possono accostarsi a questo universo di ragionamento, riflessione, pensiero, dialogo e logica.

La filosofia in Italia, grazie ai nuovi orientamenti dei contenuti dei testi scolastici, può davvero essere riscoperta (o, meglio, scoperta da un numero maggiore di persone rispetto ai decenni passati).

Crolla, insomma, un pregiudizio che questa materia si portava appresso: la filosofia non è solo una cosa per liceali, una follia da intellettuali, un universo elitario per pochi eletti rinchiusi nella loro torre d’avorio. La filosofia è riscoperta dalle famiglie – ed è conosciuta dai piccoli – in quanto vero e proprio metodo per ragionare, spiegare, convincere e dialogare.

La filosofia per bambini nella scuola italiana

Un po’ sul modello anglosassone della didattica, la filosofia è presentata ai piccoli come un modo per guardare alle cose, alla realtà, una sorta di strumento per comprendere ed analizzare i problemi, tentando di trovare alcune soluzioni ad essi.

Si tratta, in tal senso, di mettere in luce la più antica funzione della filosofia: quella di portare l’uomo ad interrogarsi, a non vivere alla cieca. Ed in tal modo, proporre la filosofia ai bambini piccoli significa affinare il percorso della socializzazione scolastica e della socializzazione al concetto di studio.

Siamo lontani, chiaramente, dall’altra antica e perenne funzione della disciplina filosofica altamente intesa: la moralizzazione delle condotte, la propedeutica al civismo, insomma! Sebbene a scuola si tengano lezioni di educazione civica, infatti, per il momento la filosofia per bambini in Italia non è ancora giunta ad un livello tale di legittimità, da poter essere integrata a materie come cittadinanza, storia delle religioni, etc.

Ma piano piano arriveremo anche a questo. Basta pazientare e proseguire con l’incoraggiamento dell’“atteggiamento filosofico” in piccoli e grandi.

L’atteggiamento filosofico in Italia: come incoraggiarlo

Incoraggiare l’atteggiamento filosofico in Italia avviene gradualmente e semplicemente, ormai che le maestre della scuola elementare hanno intrapreso la via dell’invito alla riflessione.

Le più accorte – ma non dimentichiamo il ruolo dei maestri di genere maschile, ovviamente! – si cimentano in esercizi di filosofia veri e propri: propongono ai bambini delle piccole situazioni su cui riflettere, incitandoli a proporre, dopo attenta riflessione individuale e discussione di gruppo, risoluzioni ottimali.

Facciamo un esempio: l’insegnante pone ai bambini dei piccoli dilemmi. A seconda dell’età, del livello culturale dei bambini e del gusto del maestro, questi piccoli problemi possono essere di carattere meramente logico oppure inerire già una sorta di pre-morale.

Un bambino percorre il corridoio della scuola mentre si reca ai servizi igienici. All’improvviso sente urlare un compagnetto, che si ritrova tutto solo in aula. Cosa fare?

Gli alunni saranno invitati a proporre dei tratteggi di situazioni possibili. In caso di poca iniziativa, l’insegnante offrirà qualche elemento in più e tenterà insieme a loro di elencare una lista della possibilità:

  • avvicinarsi al bambino che è solo e chiedergli cosa stia succedendo;
  • invitare il bambino a seguirlo fino a raggiungere il proprio insegnante, che poi si occuperà di approfondire la faccenda;
  • gridare per chiamare aiuto, restando accanto al bambino impaurito;
  • recarsi in bagno e, solo al ritorno, raccontare l’accaduto….

In parallelo, l’insegnante stimolerà un altro genere di riflessione: inviterà i bambini a chiedersi cosa stia succedendo e ad ipotizzare degli scenari possibili:

  • il bambino è stato “dimenticato” in aula? E come mai?
  • il bambino è tornato nell’alula per cercare qualcosa, ma si è disorientato?
  • il bambino si sente male?
  • il bambino è stato punito e deve rimanere in aula?

Mentre nel primo insieme di situazioni si punta a stimolare l’azione degli allievi in quella situazione, favorendo lo spirito di iniziativa e verificandone la frequenza, nel secondo insieme di ipotesi si nota l’intento logico. L’insegnante intende far soffermare i piccoli sull’importanza di analizzare una situazione, prima ancora di pensare di intervenire. In entrambi i casi, si punta a stimolare il confronto, il dialogo con le figure di riferimento, oltre che con i pari.

Insomma, si tratta di dare una lezione di filosofia, che passerà addirittura per gioco, se svolta opportunamente, con creatività, coinvolgendo tutti e richiedendo una grande proattività ad ogni passo. Insegnante e bambini si alterneranno nelle proposte logiche (o etiche), al fine di pervenire, tutti insieme, a delineare un credibile quadro analitico della problematica. Una volta delineata la situazione, si procederà valutando il grado di opportunità di ogni affermazione ed iniziativa.

È quasi superfluo ricordare che attività del genere risultano altamente stimolanti tanto per i grandi, quanto per i piccini. Esse infatti, consentono, al contempo, all’insegnante di conoscere a fondo i propri allievi, ai piccoli di conoscersi reciprocamente e di allenarsi a dialogare con competenza verbale e analitica. Il divertimento è assicurato. E, soprattutto, i piccoli apprendono che filosofare significa accostarsi alla realtà fattuale, ognuno coi propri mezzi, i quali tuttavia vanno sfruttati a fondo, esplorati e selezionati secondo criteri razionali, logici e di convenienza.

Qualche idea per la filosofia dei più piccoli

Naturalmente, tra i testi di filosofia in Italia come all’estero, non mancano ormai i libri divulgativi per fascia d’età, che ripropongono una breve storia dei concetti chiave in filosofia. Vi sono opere di alta efficacia esplicativa: per fascia di età, si parla delle funzioni della disciplina, del suo ruolo, dei suoi padri, …

Sono meno numerosi i testi che inducono a filosofare, invece. E questi sono anche i più adatti alle scuole dell’infanzia.

Vediamo qualche titolo che varrà la pensa di esplorare, se ci si trova ad insegnare ad una classe di bambini oppure a dare lezioni private e tenere un doposcuola diverso dagli altri al pomeriggio.

Pensa e ripensa. Filosofia per giovani menti

Di Anna Vivarelli, edito da Il battello a vapore; ispirandosi a modi di procedere tipicamente platonici, kantiani, fino ad arrivare a modi di inchiesta espressamente freudiani, si invitano i ragazzini ad interrogarsi su eventi tipici del vivere corrente (dall’amicizia, all’atteggiamento nei confronti dell’ambiente), sviscerando possibilità e fondamenti logici ed etici di ogni scelta.

 Sfide filosofiche

Di Luca Mori, Edito da Erickson. Le sfide proposte sono ispirate a quelle ideate nel passato, ovviamente: si va dalla tecnologia e dal suo buon utilizzo all’esercizio di empatia, fino ai concetti di forza di volontà e conformismo. I ragazzi devono interpretare in modo personale queste sfide e proporre delle soluzioni da confrontare ad altre.

La Guerra e la Pace

Di Brigitte Labbe, Edizioni APE. Ci si addentra, qui, su uno dei tanti possibili temi da sviluppare con i nascituri filosofi. Il testo invita a riflettere sul fatto che molte persone ripudino la guerra, ma si ritrovino poi a vivere in un mondo in cui la pace non è mai totale, né definitiva. Sviscerare le possibili ragioni di questa incongruenza logica è una sfida appassionante per i bambini dagli otto anni in su. Soprattutto se guidati da un valido insegnante nella lettura e nel commento del testo.

Che cosa vuoi imparare?