Eccellente
commenti

La nostra selezione di insegnanti privati e private di fisica a Venezia

Visualizza più insegnanti

5,0 /5

Il voto medio dato ai nostri e alle nostre insegnanti di fisica a Venezia è di 5,0 con più di 6 commenti.

17 €/ora

Le migliori tariffe: il 100% dei nostri e delle nostre insegnanti offre la prima ora di lezione. In media, le ripetizioni di fisica a Venezia costano 17€.

3 h

Veloci come saette, i nostri e le nostre insegnanti e tutor ti rispondono in 3h.

Imparare Fisica a Venezia non è mai
stato così facile.

2. Organizza le tue lezioni private di fisica a Venezia

Parla con l'insegnante di fisica per condividere le tue necessità e disponibilità. Programma le lezioni di fisica e pagale in tutta sicurezza attraverso la chat Superprof. Trovare lezioni di fisica a Venezia non è mai stato così facile.

3. Vivi nuove esperienze

Il "Pass Alunno" ti consente l'accesso illimitato a tutti gli (e tutte le) insegnanti, tutor, docenti, alle masterclass di Fisica a Venezia, o in altre città, oppure online, per 1 mese. Un mese intero per scoprire nuove passioni.

Le domande più frequenti:

🧑‍🏫Ci sono docenti disponibili per dare ripetizioni di fisica a Venezia?

Puoi scegliere tra i e le 29 insegnanti di fisica disponibili a Venezia e dintorni.

 

Dai un'occhiata ai e alle docenti di fisica a Venezia ed entra in contatto con quello e quella che più si adatta a quello che cerchi.

Prima di fare la tua scelta puoi valutare il percorso dell'insegnante sul suo annuncio, la sua metodologia e le sue esperienze, i commenti degli alunni e delle alunne e i dettagli riguardo il costo delle singole lezioni o gli eventuali pacchetti di ore.

 

Vedrai che trovare un o un'insegnante di fisica sarà facilissimo!

✍🏻 Quante stelle hanno dato gli studenti (e le studentesse) ai e alle tutor di fisica di Venezia?

I nostri e le nostre insegnanti di fisica di Venezia hanno ricevuto un totale di 6 opinioni e il voto sulla media globale è di 5,0 su cinque. Non male, no?

 

Dietro Superprof c'è un'equipe disponible dal lunedì al venerdì per aiutarti a risolvere eventuali problemi. Puoi contattarci per telefono o via mail.

 

Per ulteriori dubbi, puoi consultare le nostre domande frequenti, dove rispondiamo ai dubbi più frequenti.

 

Puoi contattarci via telefono o per mail.

💻 È possibile studiare la fisica a distanza con un o una prof trovato o trovata su Superprof?

Certamente! La maggior parte dei e delle nostre insegnanti, oltre a dispensare lezioni presenziali, propongono corsi in remoto.

 

Le lezioni in remoto sono più convenienti rispetto ai corsi a domicilio perché non ci sono supplementi di trasporto e sono più flessibili con l'orario perché si risparmia il tempo del tragitto.

 

Le lezioni private di fisica online sono un'ottima opportunità per imparare e alzare la propria media. Ti basterà avere un computer, una connessione a internet e il tuo quaderno di fisica a portata!

💸 Quanto viene in media un o un'insegnante a domicilio o online di fisica a Venezia?

A Venezia, la tariffa media di un professore o una professoressa di fisica è di 17€ /ora. I costi variano a seconda di ogni insegnante, poiché è l'insegnante stesso a fissare la propria tariffa.

I fattori che gli e le tutor prendono in considerazione per fissare il prezzo delle lezioni sono la propria esperienza e formazione, il luogo dove avverano le lezioni: (a casa del (o della) discente, a casa del o della prof, oppure via webcam), la frequenza delle lezioni e la la durata, e  la concorrenza delle insegnanti di fisica a Venezia.

 

La maggior parte dei nostri e delle nostre insegnanti di fisica offre gratuitamente la prima ora.

 

Scopri le tariffe degli e delle insegnanti vicino a casa tua con una semplice ricerca su Superprof.

🔭 Perché prendere lezioni di fisica a Venezia?

La fisica è una delle materie più difficili che si studiano a scuola. Proprio per questo, rappresenta una sfida importante durante l'anno scolastico, per gli studenti e le studentesse delle scuole medie e superiori, e in alcuni casi, anche per chi studia all'università.

 

Tanti studenti ammettono di avere grandi difficoltà con la fisica. Questo deriva almeno in parte a precedenti lacune accumulate nelle materie scientifiche, la matematica prima fra tutte. Di conseguenza, è spesso importante programmare lezioni supplementari di fisica in casa oppure a distanza non appena si manifestano le prime difficoltà, per permettere di colmare le lacune in tempo senza accumulare troppo ritardo.

 

Decidere di seguire lezioni private di fisica è una buona idea, non solo per gli allievi e le allieve che manifestano problemi di comprensione, ma anche per gli alunni e le alunne che desiderano migliorare la propria media, prepararsi per l'anno seguente, o per un esame importante.

 

Che cosa aspetti a metterti in contatto con i nostri e le nostre tutor di fisica a Venezia?

Vuoi imparare Fisica a Venezia?

Potrai scegliere tra moltissimi insegnanti di Fisica di talento!

Visualizza più insegnanti Inizia subito

Lezioni e ripetizioni di fisica: i nostri consigli per scoprirne tutti i segreti

Ingegneria Fisica a Venezia: l’ultima frontiera della fisica in laguna

Nell’anno milleseicentonove

Splendé chiara la luna della scienza

Da una piccola casa di Padova

Galileo Galilei accertò coi suoi calcoli

Che il sole sta fermo e la terra si muove

Bertold Brecht

Da quando a cavallo tra il XVI e il XVII secolo, nel Dialogo di Galileo Galilei, sullo sfondo del Canal Grande, Salviati, Sagredo e Simplicio discorrevano dei massimi sistemi del mondo, Venezia è sempre stata al centro dell’attenzione dei fisici di tutto il mondo.

Sagredo e Galilei, dei fisici nella Venezia della Serenissima

Dicevamo di Giovanfrancesco Sagredo: è stato un nobile veneziano (1571 – 1620), conosciuto dagli storici della scienza per gli studi sull’ottica e sulla termometria e per l’interesse al magnetismo. Ma è noto anche e soprattutto per la sua grande e intensa amicizia con Galileo Galilei, che conobbe al “Ridotto Morosini”, a Venezia; qui, il fisico pisano si riuniva, negli anni della sua attività di insegnamento a Padova, con altri uomini di scienza e letteratura (tra gli altri, Paolo Sarpi e Giordano Bruno) di passaggio nella città lagunare, tutti radunati dall’ufficiale della Repubblica veneziana Andrea Morosini: costui capeggiava i giovani in opposizione ai vecchi della politica della città.

Il rapporto di amicizia tra il fisico veneziano e il fisico pisano fu tale che Galilei decise di inserire Sagredo in due sue opere: “Discorsi e dimostrazioni matematiche intorno a due nuove scienze attinenti alla meccanica e ai moti locali” (testo pubblicato nel 1638) e “Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo” (testo pubblicato nel 1632). Quest’ultimo è l’opera che oltre a consacrare il metodo d’indagine scientifico utilizzato nello studio, ha anche portato Galileo alla condanna da parte della Chiesa.

Il Dialogo si tiene a Venezia, sul Canal Grande, a Ca’ Sagredo.

I fisici a Venezia nel XIX secolo: il nono congresso degli scienziati italiani

Alla vigilia dei moti rivoluzionari del Risorgimento italiano, a Venezia si riunirono ben 1478 esponenti del mondo della cultura e della scienza italiane e internazionali.

Successe nel mese di settembre 1847, per iniziativa del conte Andrea Giovanelli, in presenza del viceré Giuseppe Ranieri, arciduca d’Austria. Il nono congresso degli scienziati italiani fu un’occasione non solo per i sapienti di fare il punto delle scoperte e delle conoscenze dell’epoca, ma anche per la città di Venezia e per la sua élite intellettuale di mostrare la loro posizione e il loro ruolo in riferimento ai fermenti culturali di quegli anni (sfociati, appunto, nei moti del ’48). Orgoglio civico e scienza!

L'Imperial Regio Istituto Veneto per ben sedici giorni mise a disposizione degli scienziati e delle rispettive famiglie la Biblioteca Marciana di Palazzo Ducale, in particolare le sale del Maggior Consiglio e quella dello Scudo, oltre a tante altre.

Proprio in seguito ai moti rivoluzionari che interessarono tutta Europa, un altro fisico di fama mondiale ebbe l’opportunità di trasferirsi in Veneto: Christian Doppler, nel 1848, abbandonando Praga, riparò dapprima a Vienna e successivamente a Venezia; qui, abitò fino alla morte, in Riva degli Schiavoni. È stato sepolto al cimitero di San Michele, a Venezia.

Il nome del matematico e fisico austriaco è legato, oggi, agli studi sull’apparente cambio di frequenza e lunghezza d’onda di un’onda percepita da un osservatore in movimento: si tratta, come avrai capito, dell’effetto Doppler.

La conferenza internazionale del 2017

Nemmeno in anni molto più recenti, l’interesse degli scienziati per riunirsi a Venezia è venuto meno: nel 2017, infatti, oltre 1.000 fisici si sono dati appuntamento al Lido per parlare dei risultati ottenuti grazie al più grande acceleratore di particelle del mondo, l’Lhc (Large Hadron Collider) del Cern di Ginevra.

Nello specifico, i fisici provenienti da oltre 50 paesi differenti hanno parlato di Atlas, Alice, Cms e LHCb, ovvero i quattro principali esperimenti del Cern del 2017. E, una volta tanto, lo hanno fatto per rendere le loro scoperte comprensibili a tutti, con linguaggio semplice, ottimo anche per chi non conosce nulla o quasi di fisica. Il grande pubblico è stato, quindi, invitato a partecipare ad un incontro dal titolo Universo, tempo zero, breve storia dell’inizio.

Non potevano mancare a Venezia fisici della taratura di Fabiola Gianotti, direttrice e coordinatrice del Cern, Mirko Pojer, responsabile delle operazioni dell’acceleratore di Ginevra e Antonio Masiero, fisico teorico di Padova.

I 1.000 scienziati si sono ritrovati a Venezia trent’anni dopo l’ultimo evento gemello tenutosi in Italia e a cinque anni dalla scoperta del bosone di Higgs, avvenuta proprio al Cern di Ginevra. Hanno parlato di temi estremamente cari agli appassionati di fisica di Venezia e non solo, ovvero di:

  • origine dell'universo,
  • proprietà del bosone di Higgs,
  • caccia alla materia oscura,
  • proprietà dei neutrini,
  • nuova fisica,
  • onde gravitazionali.

Il Congresso al Lido è stata anche l’occasione per attribuire a Kip Thorne, Rainer Weiss e Barry Barish, il premio della Società Europea di Fisica, come riconoscimento per le loro scoperte delle onde gravitazionali.

E la fisica a Venezia oggi?

Se anche tu sei un appassionato di fisica e abiti a Venezia e dintorni, c’è una buona notizia per te: dall’anno accademico 2021-22, presso Ca’ Foscari è attivato un nuovo corso in ingegneria fisica, prima assoluta per l’ateneo lagunare.

Se frequenterai questo corso, apprenderai le basi della fisica e della matematica, per metterle in relazione con ambiti come l’informatica e le scienze dei materiali. Ovviamente, al centro della tua attenzione vi saranno la fisica quantistica, l’informatica avanzata (come il machine learning e il quantum computing), l’elettronica, la biofisica e a biomedicina.

In quanto ingegnere fisico, combinerai le competenze di due discipline, quella ingegneristica applicativa e quella scientifica fondamentale, per fare poi ricerca nei campi della fisica quantistica e della materia: nanotecnologie, tecnologie ottiche e dei laser, sistemi complessi a molti variabili, biofisica e intelligenza artificiale.

Le materie più affascinanti di cui affronterai lo studio sono:

  • fisica
  • fisica sperimentale (modello teorico)
  • diversi laboratori di fisica sperimentale
  • metodi matematici per la fisica e l’ingegneria
  • interazione radiazione materia
  • meccanica quantistica.
Che cosa vuoi imparare?