Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Come diventare professore di pittura e impartire corsi di disegno?

Di Martina, pubblicato il 27/09/2018 Blog > Arte e Svago > Disegno > La Guida per Insegnare a Dipingere come un Insegnante Disegno!

“Non temere la perfezione, non la raggiungerai mai.” Salvador Dali

Anche se non sei perfetto, se hai un buon livello nella pittura, perché non trasmettere il tuo sapere agli allievi?

Uno studio sponsorizzato dal museo Guggenheim spiega che gli allievi che hanno partecipato a un programma di sensibilizzazione all’arte riescono meglio rispetto ad altri allievi in sei materie letterarie. Ecco da dove trovare degli argomenti per reclutare qualche allievo.

Ma come fare per diventare professore di pittura?

Quali i titoli di studio per diventare professore di pittura?

La maggior parte dei posti per insegnare la pittura richiedono delle qualifiche speciali. Diplomi e formazione superiore sono vivamente raccomandati, ma è anche possibile insegnare senza questi.

Ecco una panoramica dei diplomi di pittura o di insegnamento per diventare professore.

Percorso scolastico

Prima di arrivare alla formazione universitaria, è essenziale partire da buone basi.

Queste si forgiano dalle scuole elementari. È in particolare in questo periodo che impariamo i colori primari utilizzando le tempere o gli acquerelli.

Le arti plastiche insegnate alle medie permetto di sviluppare il proprio senso artistico, la propria creatività e immaginazione prima di orientarsi verso l’indirizzo artistico alle superiori.

Le scuole superiori possono essere orientate verso le accademie delle Belle Arti, di design, le università…

Per insegnare nelle associazioni il diploma è richiesto. Per insegnare pittura non è per forza obbligatorio avere un diploma.

I diplomi

Per insegnare pittura alle medie o al liceo, è necessario passare dei concorsi per ottenere una certificazione. Con la nuova normativa coloro che vorranno entrare nel mondo della scuola dovranno superare un concorso pubblico nazionale, che a partire da quello riservato, bandito entro la fine del 2018, verrà indetto ogni due anni su base regionale o interregionale. I requisiti di accesso sono:

  • laurea magistrale o vecchio ordinamento
  • 24 cfu nelle discipline antropo-psico-pedagogiche.

Insegnare senza diploma

Ma aldilà dei diplomi, bisogna avere prima di tutto un certo numero di qualità.

Pedagogia, passione e cultura artistica possono fare di te il miglior professore, anche se non hai un diploma.

Puoi per esempio dare delle lezioni private di pittura, insegnare nelle associazioni o diventare supplente nelle scuole (per quest’ultimo una laurea è sempre necessaria).

Dove insegnare la pittura?

Pittura a olio, tempere, pittura acrilica, acquerelli, tutte le tecniche di pittura possono essere insegnate in diverse strutture ma non allo stesso modo.

In base agli istituti e alla tua modalità di insegnamento, non avrai la stessa tipologia di allievi.

Ecco una panoramica dei luoghi in cui è possibile insegnare arte e dare delle lezioni di pittura.

Medie

I professori alle medie sono denominati “insegnanti d’arte”. Più che all’apprendimento della pittura, i corsi alle medie sono destinati alle arti plastiche.

In altre parole, insegnerai l’uso delle tempere, dei colori e degli acquerelli.

Bisogna ugualmente insegnare le pratiche artistiche come la realizzazione di modellini di cartone, la cartapesta, le basi del disegno, o il montaggio di immagini sul computer.

Tuttavia, alcuni allievi puntano successivamente a un diploma artistico.

Bisognerà quindi guidarli per imparare a disegnare e a padroneggiare qualche tecnica come dipingere un paesaggio, un ritratto, un corpo umano, un modello dal vivo per capire le dimensioni e la prospettiva.

Al liceo

Nei licei, non è più un insegnamento obbligatorio.

Le aspettative degli allievi non sono le stesse delle scuole medie. In questo indirizzo, gli studenti fanno la scelta di continuare un insegnamento artistico. Sono quindi interessati e hanno voglia di imparare.

Tuttavia si basa sempre sulle arti plastiche, non solo sulla pittura.

È necessario quindi avere delle vaste conoscenze per poter insegnare tutti i tipi di tecniche (grafite, carboncino, pastelli, inchiostro di china, acrilico, pittura digitale…).

Informati sui concorsi per insegnare all'Accademia delle Belle Arti! L’Accademia delle Belle Arti è molto prestigiosa!

Scuole d’arte

Le scuole d’arte come le Belle Arti reclutano molti professori di pittura per perfezionare gli allievi nelle diverse tecniche ma anche introdurli a nuove pratiche.

L’occasione di divertirsi preparando lezioni originali.

Tuttavia, insegnare nelle scuole d’arte nell’istruzione superiore richiede un livello elevato anche nella storia dell’arte.

Bisogna ad esempio conosce le correnti artistiche (impressionismo, realismo, cubismo, romanticismo, dadaismo…) e i grandi pittori (Rembrandt, Manet, Monet, Da Vinci, Courbet, Delacroix, Degas, Munch, Van Gogh, Picasso…).

Associazioni

Tutte le tecniche di pittura come la pittura a olio, acquerello, tempere, pittura su porcellana, sono insegnate presso le associazioni.

Queste permettono alle persone che vogliono imparare a disegnare o dipingere di seguire corsi settimanali per tutto l’anno.

Questi corsi sono offerti come hobby. Gli insegnamenti quindi non sono gli stessi come le aspettative degli allievi.

Per diventare professore di questo genere di struttura, il livello è meno severo rispetto alla scuola d’arte. Bisogna tuttavia avere buone basi e la pedagogia per insegnare correttamente.

Lezioni private

Le lezioni private possono anche essere un’opzione per insegnare la pittura. Il vantaggio è la libertà che questo genere di corso propone. Sta a te decidere quali tecniche artistiche insegnare e come.

Lezioni a domicilio, corsi intensivi, corsi settimanali… se tu che decidi.

Non esitare a dare le tue prime lezioni di disegno.

Corso pittura: come trovare gli allievi?

Quando si incomincia come professore indipendente, non è sempre facile trovare degli allievi di pittura. Nessuna struttura ti fa pubblicità.

Allora da dove incominciare?

Passaparola

Comincia dalla tua cerchia di amici e dalla tua famiglia. Parla ai familiari del tuo progetto di professore di pittura e non esitare a presentare loro le tue opere.

Si renderanno così conto delle tecniche che padroneggi come la pittura a olio o l’acquerello. Forse nella tua cerchia alcune persone desiderano imparare a disegnare o a dipingere.

Queste persone saranno i tuoi primi allievi. I tuoi familiari parleranno di te ai loro amici. Con il passaparola avrai in poco tempo degli allievi.

Usa colori vivaci per far emergere il tuo volantino tra gli altri! Esponi gli annunci nei commerci nelle vicinanze.

Bacheche

Nelle scuole o piccoli commerci, appendi il tuo annuncio sulle bacheche.

Realizza un annuncio che attiri l’attenzione e che si noti fra tutti gli altri.

Non dimenticare di inserire le informazioni di base come le diverse tecniche che insegni (acquerello, pittura acrilica, pittura su porcellana, introduzione al carboncino e alla bozza, schizzo…).

Ricorda di indicare i tuoi dati affinché gli allievi possano contattarti facilmente.

Che sia nelle scuole come le medie, i licei o le scuole d’arte, molte persone possono essere interessate ai corsi privati di pittura.

Per preparare il test d’ingresso delle Belle Arti, per perfezionamento o per piacere, tutte le ragioni sono buone per prendere dei corsi di pittura.

Social network

Instagram, Facebook, Twitter…i social network possono rivelarsi molto utili quando si tratta di ampliare la propria rete personale e professionale.

Puoi anche ad esempio creare una pagina per pubblicare diversi tutorial su come imparare a dipingere un paesaggio, una natura morta, un ritratto…

Cercando dei consigli e delle informazioni, i tuoi futuri potenziali allievi saranno attratti dalle tue pubblicazioni.

E perché non creare un blog?

È l’occasione per pubblicare regolarmente le tue tele o disegni, ma anche per dare dei consigli agli apprendisti artisti.

Piattaforme online

Come Superprof, alcune piattaforme online permettono di mettere in contatto allievi e professori.

Si tratta allora di creare il tuo profilo il più dettagliato possibile per citare tutte le tecniche che padroneggi e il tipo di corso che offri (corso intensivo, settimanale, pittura per bambini, per principianti…).

Come dare lezioni private di pittura?

Quando di debutta nell’ambiente, non è sempre facile organizzarsi e sapere da dove incominciare per dare delle lezioni di pittura a domicilio. I corsi privati di pittura richiedono più scelte.

Decidi tu la tipologia del corso che desideri offrire Corsi collettivi? Lezioni a domicilio?

Scegliere la tipologia di corso

Corso settimanale, collettivo, laboratori di pittura, corsi online, corsi di pittura, lezioni a domicilio, la prima tappa per un prof privato di pittura è di scegliere la modalità con cui vuole dare le lezioni.

Ma anche ciò che vuole insegnare: pittura a olio, acrilica, imparare la pittura cinese, colorare un fumetto, le basi del disegno, imparare a dipingere i paesaggi, riprodurre delle opere di storia dell’arte, introdurre alle arti plastiche…

Organizzare un corso

Una volta che le basi sono stabilite e gli allievi trovati, bisogna organizzare la lezione.

Questa implica di valutare il livello dei propri allievi, di creare un programma in base alle loro aspettative (perfezionamento, introduzione…) e di seguire i loro progressi.

Stabilire la tariffa

La tariffa di una lezione privata di pittura deve essere stabilita in base all’esperienza del professore, alla tipologia del corso dato, al livello degli allievi, alla città, ma anche in funzione delle tariffe imposte dagli colleghi.

Dichiarare il reddito

Da libero professionista, dipendente di un ente… è importante dichiarare il proprio reddito da professore privato. Non dimenticare di informarti un po’ sull’ambito amministrativo per essere in regola.

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...
avatar