Secondo uno studio dell'Ipsos l'80% degli Italiani in età lavorativa è preoccupata per il proprio stato occupazionale. Lo stress è una condizione molto diffusa in tutte le fasce d'età. Sembra che un rimedio a questo stato di ansia, sia proprio la musica.

Imparare a suonare il pianoforte potrebbe essere un modo per rilasciare la tensione accumulata durante la giornata e distrarsi.

Il pianoforte è uno degli strumenti più melodiosi, sia per chi lo ascolta, sia per chi lo pratica. Imparare a suonare questo strumento richiede molta perseveranza, costanza e rapidità.

Da dove cominciare per prendere lezioni di pianoforte e migliorare con la pratica di questo strumento?

Imparare pianoforte: seguire un corso presso un'associazione

Con le associazioni tutti possono prendere lezioni di pianoforte.
Il piano e le sue dolci melodie sono un antidoto allo stress!

Cominciare a seguire i corsi di pianoforte di un'associazione è un buon modo per migliorare la pratica in un ambiente familiare.

Le associazioni offrono corsi di pianoforte di qualità con un metodo che a volte è molto diverso da quello classico. Le lezioni puntano sull'ascolto, sul ritmo e sulla scoperta dello strumento ancora prima di vedere il solfeggio e la teoria musicale.

I corsi di pianoforte in un'associazione sono aperti a studenti di ogni età. Bisogna anche precisare che ci sono associazioni culturali molto diverse tra loro. Alcune sono delle piccole realtà di quartiere che si reggono sul lavoro di volontari o insegnanti di musica professionisti specializzati nell'insegnamento a bambini e ragazzi.

Altre associazioni sono delle vere e proprie scuole di musica che offrono non solo corsi amatoriali, ma anche corsi per aspiranti professionisti.

Nelle associazioni culturali in senso stretto non ci sono audizioni o colloqui per l'ammissione degli allievi. Non vengono richiesti livelli particolarmente alti per suonare il pianoforte, al contrario si accettano volentieri i principianti perché lo scopo è quello di avvicinare il maggior numero possibile di persone alla musica.

Il vantaggio principale di un'associazione di questo tipo è un ambiente familiare e l'apertura a tutti i tipi di allievi.

L'insegnante di piano non necessariamente avrà le stesse qualifiche degli insegnanti presso scuole di musica riconosciute o conservatori, ma è comunque un professionista adatto al livello degli allievi.

Prima di iscriverti a un corso presso un'associazione è sempre bene fare una o più lezioni di prova per testare la metodologia dell'insegnante e scegliere il corso in base al numero degli iscritti.

In effetti, è impoTutti gli articolirtante che le classi non siano troppo affollate altrimenti l'insegnante non riesce a dare a ognuno lo spazio di cui ha bisogno.

Un altro vantaggio delle associazioni culturali è il prezzo dei corsi! Sono sicuramente più abbordabili rispetto a quelli praticati dalle scuole private. Anche i corsi in conservatorio sono piuttosto economici, almeno i corsi accademici equiparati alla laurea.

L'inconveniente maggiore delle associazioni è il livello massimo che puoi raggiungere con un corso collettivo.

Fai molta attenzione quando scegli il corso, perché se il livello degli altri membri è troppo basso rispetto al tuo rischi di annoiarti. Al contrario, se è troppo alto rischi di rimanere indietro.

Tania
Tania
Prof de Piano
4.93 4.93 (27) 40€/h
Prima lezione offerta!
Luca
Luca
Prof de Piano
5.00 5.00 (10) 20€/h
Prima lezione offerta!
Luca
Luca
Prof de Piano
5.00 5.00 (10) 25€/h
Prima lezione offerta!
Valerio
Valerio
Prof de Piano
5.00 5.00 (12) 30€/h
Prima lezione offerta!
Filippo
Filippo
Prof de Piano
4.92 4.92 (12) 30€/h
Prima lezione offerta!
Vincenzo
Vincenzo
Prof de Piano
5.00 5.00 (4) 35€/h
Prima lezione offerta!
Dario
Dario
Prof de Piano
5.00 5.00 (1) 25€/h
Prima lezione offerta!
Giancarlo
Giancarlo
Prof de Piano
5.00 5.00 (3) 35€/h
Prima lezione offerta!

Corso pianoforte con le scuole di musica

Puoi trovare lezioni di pianoforte con metodo Yamaha o metodo classico in una scuola di musica.
Nelle scuole di musica ci sono metodi di studio classici e alternativi!

Prima di imparare La marcia turca di Mozart, il Concerto n° 2 per pianoforte di Chopin, o Per Elisa di Beethoven, bisogna conoscere a fondo le tecniche di base del pianoforte.

Per esercitare le dita, eseguire gli arpeggi o fare improvvisazione, bisogna familiarizzare con i tasti del pianoforte e rendere le mani indipendenti.

Le scuole di musica ti aiuteranno ad acquisire la corretta postura ed evitare cattive abitudini.

Non tutti, però, possono diventare Bach!

In Italia, l'unico modo per studiare musica in un istituto pubblico è superare il difficile esame di ingresso al conservatorio. In realtà, ci sarebbero anche i licei musicali, ma per una conoscenza approfondita del pianoforte o di ogni altro strumento la strada migliore è quella del conservatorio.

Chi non riesce a raggiungere questa università pubblica della musica può tentare presso istituti di alta formazione privati o presso scuole di musica che offrono corsi pre-accademici e per aspiranti professionisti.

Gli insegnanti di pianoforte nelle scuole di musica, in genere sono diplomati e hanno acquisito un bagaglio di esperienze in qualità di pianisti. Le lezioni si svolgono come al conservatorio, suddividendo l'ora in una prima parte dedicata al solfeggio e una seconda parte dedicata alla pratica.

Alcune scuole di musica, però, adottano delle metodologie diverse per allargare lo studio del pianoforte al maggior numero possibile di persone. Tra i metodi usati ci sono il metodo Yamaha, il metodo Martenot o il metodo Suzuki. Sono tutti incentrati sull'ascolto e sulla creatività dell'apprendista.

Le scuole private di musica hanno il vantaggio di offrire un approccio alternativo allo studio del pianoforte. Il maggior inconveniente è il prezzo delle lezioni, che senza i fondi pubblici o le agevolazioni di cui godono le associazioni, sono necessariamente più alti.

Come si svolge una lezione di pianoforte al conservatorio?

La postura è uno degli elementi di base di una lezione di pianoforte al conservatorio.
Meglio non copiare la postura di John Lennon al pianoforte!

Il conservatorio è un istituto che genera sempre qualche confusione. E' pubblico o privato? Insegna solo musica o altro? Si può frequentare contemporaneamente agli studi liceali o universitari? Come si accede ai corsi di pianoforte in conservatorio?

In effetti, la lunga storia del conservatorio come istituzione di musica è attraversata da diversi cambiamenti, statalizzazioni e riforme che in realtà ancora non si sono completate.

Stando all'ultima riforma del 2000, il conservatorio è un istituto di alta formazione artistica e musicale che rilascia dei titoli equiparati alla laurea di primo e secondo livello.

Le sue origini seguono due storie:

  • Quella degli istituti caritatevoli rinascimentali del centro-sud Italia che si occupavano di orfani e che nel corso dei secoli si sono specializzati nell'insegnamento della musica. Un esempio sono il Conservatorio Santa Cecilia di Roma o il Conservatorio San Pietro a Maiella di Napoli, nati nella seconda metà del 1500.
  • Quella degli istituti di musica dell''800 creati durante le conquiste napoleoniche e ispirate al Conservatoire de Paris. Un esempio è il Conservatorio di Milano nato nel 1807 a cui poi tutti gli altri saranno uniformati.

Oggi i conservatori dovrebbero offrire solo formazione accademica, ma in realtà essendo degli istituti autonomi, possono decidere di continuare a offrire corsi preaccademici o di base.

Considerando soltanto i corsi accademici, quindi quelli equiparati alla laurea, i requisiti per l'ammissione al diploma di pianoforte al conservatorio sono:

  • diploma di maturità
  • superamento di una prova di pianoforte pratica e teoria musicale

Non è possibile iscriversi a un'altra università mentre si frequenta il conservatorio, né frequentare più istituti di alta formazione contemporaneamente.

Il costo dell'anno accademico va da 300 € a 1.200 €, a seconda della situazione economica e patrimoniale dello studente e delle scelte di ogni singolo conservatorio.

Per i conservatori che offrono corsi preaccademici i costi possono aggirarsi intorno agli 800 € l'anno.

La lezione di pianoforte in conservatorio verte sullo studio della tecnica e della lettura pianistica!

Il vantaggio del conservatorio è che offre una formazione musicale d'eccellenza, a un costo decisamente più basso rispetto alle strutture private di pari livello. Lo svantaggio è che è aperto a pochi eletti.

Lezioni pianoforte: si può imparare da soli?

Chi studia il piano da sé deve essere molto motivato e metodico.
Non scoraggiarti, serve molta costanza per suonare il piano da autodidatta!

Il pianoforte acustico è ritenuto uno degli strumenti più difficili da padroneggiare, insieme al violino, al clarinetto e al sassofono. In realtà, si potrebbe dire lo stesso per ogni altro strumento, specie quando si impara da soli.

Di musicisti autodidatti, però, il mondo della musica è pieno. Quindi, puoi imparare a suonare il pianoforte da solo. Basta prestare attenzione ad alcuni aspetti di base:

  • Il metodo per pianoforte che scegli. Informati presso una scuola o un negozio di musica prima di acquistare il primo manuale alla moda. Fatti consigliare un libro di solfeggio e degli spartiti per pianoforte adatti ai principianti.
  • Fare attenzione alla diteggiatura. Quando si è principianti, il rischio più grande è quello di acquisire delle cattive abitudini, in particolare la posizione delle dita sulla tastiera. Su ogni spartito ci sono dei numeri che corrispondono alle dita della mano da usare per una determinata nota. Non sottovalutare questo aiuto!
  • Esercitarsi con il metronomo. E' un errore comune quello di pensare che il ritmo sia riservato al piano jazz, al basso o alla batteria. In realtà, anche chi suona il pianoforte ha bisogno di lavorare sulla ritmica e sul tempo per poter eseguire un brano nel modo corretto.
  • Essere bene organizzati. Da autodidatta, non devi pensare solo a esercitarti con il pianoforte, ma anche a preparare la tua sessione di allenamento facendo attenzione ai tuoi errori. Insomma, devi essere allo stesso tempo allievo e maestro per poter migliorare giorno per giorno.
  • Mantenere la corretta posizione di braccia e polsi. Potresti filmarti mentre suoni il pianoforte in modo da correggere la postura e ridurre il rischio di contratture.

Anche se sei animato da tanta buona volontà, arriverà il momento in cui avrai l'impressione di essere a uno stallo e non riuscirai a capire cosa devi fare per poter migliorare.

E' proprio in questi momenti che hai bisogno di prendere qualche lezione privata di pianoforte.

Con un maestro di piano potrai fare il punto sui tuoi progressi e sul livello raggiunto e lavorare in maniera puntuale per correggere i tuoi errori.

Inoltre, fa sempre piacere confrontarsi con una guida che condivide con te la passione per il pianoforte!

Bisogno di un insegnante di Piano?

Ti è piaciuto l'articolo?

5,00/5, 1 votes
Loading...

Catia

Traduttrice e scrittrice con una passione per le lingue