"Per suonare bene una chitarra occorrono dieci anni per corda" proverbio spagnolo

Leggere una tablatura, accordare la chitarra, seguire  il metronomo, eseguire gli accordi e le scale, improvvisare sono tutte azioni che un chitarrista apprende dopo anni di studio.

Imparare a suonare la chitarra è, infatti, un'attività complessa che coinvolge diversi aspetti, non solo tecnici, ma anche personali.

Per rendere il compito più semplice si può scegliere di affidarsi a un insegnante di chitarra a domicilio e online, seguire corsi in gruppo presso una scuola di musica oppure attrezzarsi al meglio per imparare a suonare la chitarra da soli!

Se quest'ultima opzione è quella che più ti attrae, hai bisogno di precisione, pazienza e perseveranza. Scopri i nostri consigli con questa breve guida che ti aiuterà ad avviare il tuo percorso di chitarrista autodidatta!

Ecco come preparare le tue lezioni di chitarra!

Corso chitarra: perché imparare a suonare la chitarra da soli?

Un corso di chitarra fai da te inizia con l'acquisto dello strumento giusto.
Per imparare a suonare da soli basta comprare la chitarra giusta e qualche accessorio di base!

La chitarra è uno degli strumenti musicali più amati insieme al pianoforte, ma è anche uno dei più difficili da apprendere, specie per chi non hai mai studiato musica.

La difficoltà principale con questo strumento riguarda la posizione delle dita sulla tastiera: se non è corretta, non riuscirai mai a realizzare un accordo di sol anche se la tua chitarra è stata accordata da un professionista. Con un pianoforte accordato, invece, hai la certezza che ogni tasto premuto produca il suono giusto.

Eppure, sono tante le persone che vogliono imparare a suonare la chitarra da soli. La domanda è: "come imparare chitarra da autodidatta?"

Il primo passo è scegliere la chitarra giusta, dato che ne esistono di diversi tipi:

Una chitarra jazz per suonare Reinhardt, una chitarra classica per suonare Bach, una chitarra folk o chitarra acustica per il blues o il rock, una chitarra elettrica per suonare gli AC/DC o i Metallica.

Prima di scegliere la tua chitarra, fatti consigliare in un negozio di musica o informati su riviste e blog curati da professionisti. Puoi acquistare la tua sei corde online o in negozio. L'importante è seguire un principio fondamentale: non comprare mai una chitarra senza averla provata

Alcune chitarre quasi mitologiche, come la Fendere Telecaster, sono famose non solo perché sono state suonate da grandi artisti, ma anche perché hanno delle qualità formidabili. Non avendo tutti la stessa corporatura e neanche gli stessi gusti musicali, è giusto pensare che ciascuno abbia la propria chitarra. Ecco perché è fondamentale tenere in mano la tua sei corde, provarla, sentirne le vibrazioni.

Solo dopo aver scelto il tuo strumento, puoi pensare all'accordatura, agli accessori, come le corde per chitarra, e infine alla pratica per l'esecuzione dei primi accordi e delle scale.

Iniziare a suonare la chitarra da autodidatti, invece di seguire un corso di chitarra, presenta diversi vantaggi.

Risparmiare con un corso di chitarra fai da te

Come puoi immaginare, un corso privato di chitarra, una volta a settimana ha un costo. In media, potresti spendere quasi 1.000 € l'anno.

E' vero che sei da solo con un insegnante che può dedicarsi a te completamente e insegnarti tutti i trucchi dei chitarristi, ma se non sei sicuro di poter mantenere un impegno costante, potresti cercare soluzioni alternative.

Per risparmiare, potresti seguire un corso in gruppo e condividere le spese con i tuoi amici o altri allievi. Il successo di un corso collettivo dipende sempre dalla bravura dell'insegnante nel creare un gruppo di livello omogeneo o comunque, nel riuscire a dedicarsi agli allievi in base ai loro bisogni specifici.

Con i corsi collettivi è più difficile trovare un orario e un giorno in comune, progredire con gli stessi ritmi, suonare tutti la chitarra acustica o condividere gli stessi gusti musicali.

In alternativa, ci sono i corsi online, che puoi trovare anche a 10 € al mese, nel caso di video lezioni registrate. Se prendi lezioni dal vivo per videoconferenza, il prezzo non è molto diverso rispetto a un corso in presenza.

Infine, esistono risorse gratuite, come i tutorial di YouTube che ti aiutano a sciogliere qualche dubbio. Ad esempio, se vuoi iniziare a eseguire l'accordo di sol, potresti cercare un video che ti mostra come farlo passo dopo passo.

Scegliere liberamente il programma di chitarra

Se sei un chitarrista autodidatta scegli in autonomia quali tecniche imparare.
Sei più un tipo da finger picking o rasgueado?

Trovare un insegnante di chitarra che faccia esattamente al caso tuo richiede tempo e non sempre è fattibile.

Se studi da solo, invece, sei libero di scegliere il metodo da seguire, i libri, i video, le tablature da usare.

Quando prepari le tue lezioni di chitarra ricordati di suddividere lo studio in tre parti:

  • Teoria, per avere le basi per poter leggere la musica, che siano delle tablature o degli spartiti
  • Tecnica, per riuscire a suonare la tua chitarra elettrica imparando ogni giorno accordi e scale nuove
  • Pratica, per esercitarti e divertirti a riprodurre i tuoi brani preferiti.

Giocare a Guitar Heroes non vale come esercitazione, a meno che la tua tastiera non abbia delle corde vere!

Imparare a suonare la chitarra con i propri tempi

Non è sempre facile trovare un orario fisso da dedicare allo studio della chitarra, anche se si prendono lezioni individuali. La nostra giornata è talmente piena che, a volte, possiamo dedicare alla chitarra appena 15 minuti in pausa pranzo o dopo cena.

Con questi ritmi serrati è meglio lavorare da soli per scegliere in autonomia quando suonare la chitarra anche solo per pochi minuti, ma in modo costante.

Esercitarsi per pochi minuti al giorno porta più benefici che prendere lezioni sporadiche, a meno che non si sia acquisita già una certa autonomia e non si abbia bisogno dei consigli di un insegnante di chitarra esperto.

Sviluppare l'orecchio musicale

Senza un insegnante che ti corregga, sta a te sviluppare l'ascolto per individuare le stonature e migliorarti.

Seguendo le migliori lezioni di chitarra hai sicuramente un valido supporto, un percorso studiato, con esercizi di difficoltà crescente. Quando questo non è possibile "necessità fa virtù".

Imparerai da solo ad ascoltare tutti gli strumenti musicali, capire le frasi, il tempo, la ritmica delle canzoni che ami di più.

Suonare la chitarra da autodidatti è senza dubbio più difficile che seguire un corso ben strutturato, ma in entrambi i casi la chiave di volta per l'apprendimento è la tua motivazione.

Se ti impegni riuscirai a suonare la tua chitarra elettrica anche da solo.

Come scegliere libri e metodi per imparare la chitarra

Non c'è bisogno di riempire la tua libreria con un metodi per chitarra, basta selezionare quello giusto.
Metti a fuoco ciò che ti serve manuale per chitarra classica autodidatta!

Chi non ha la fortuna di discendere da una famiglia di artisti o di essere cresciuto con l'accompagnamento di diversi strumenti musicali non ha la possibilità di imparare a suonare la chitarra osservando altri chitarristi.

Ecco allora che molti autodidatti si mettono alla ricerca di un libro che insegni un metodo per chitarra passo dopo passo. La parte più difficile sembra proprio la scelta del manuale: basta selezionare quello sbagliato e ci si ritrova persi.

Esiste, infatti, un'infinità di metodi per chitarra. In genere, si tratta di libri pratici che danno la priorità a esercizi da svolgere in autonomia o con l'aiuto di un video.

Puoi trovare metodi per chitarra nelle librerie specializzate o semplicemente online, nuovi di zecca o di seconda mano.

Ecco alcuni esempi di libri per chitarra che trovi su internet:

La chitarra per negati

Questo testo di 400 pagine, tradotto dall'inglese "Guitar for Dummies", è dedicato interamente ai principianti assoluti.

Le basi sono solide e vengono insegnate con una metodologia ludica. Si entra nel mondo della chitarra passo dopo passo scoprendone il funzionamento, la posizione delle dita sulla tastiera, il solfeggio, il suono.

Potrai scoprire chi sono i migliori chitarristi del mondo e avere qualche consiglio per compare la tua prima chitarra.

Con un lessico semplice e un po' di umorismo da parte degli autori, puoi divertirti a far vibrare il tuo strumento a sei corde in autonomia.

Peccato che questo testo non sia adatto ai bambini!

Chitarrista da zero

La chitarra viene spiegata con fotografie, testi, video e molti esercizi adatti ai principianti. Il vantaggio di questa guida è che puoi esercitarti con gli accordi facendo attenzione alla diteggiatura, dalla prima posizione alle scale estese.

Lo svantaggio, secondo alcune recensioni lasciate dagli utenti online, è che alcune tablature non sono complete e gli esercizi possono risultare ripetitivi per chi ha già qualche rudimento di chitarra.

Consiglio: acquista questo libro se sei un principiante assoluto!

La mia prima chitarra

I bambini imparano a suonare da soli con l'aiuto di un adulto e di un libro adatto a loro.
Anche i bambini possono imparare a suonare la chitarra con un libro!

Qual è l'età giusta per iniziare a suonare la chitarra?

Secondo "La mia prima chitarra" i bambini possono prendere lezioni di chitarra a partire dai 6 anni.

Rivolgendosi ad un pubblico così giovane, questo libro trasmette le basi della chitarra con canzoni orecchiabili e adatte ai più piccoli.

Nonostante sia un metodo per bambini, è sempre richiesta la presenza di un adulto, magari un insegnante di chitarra che aiuti l'apprendista chitarrista a leggere le note musicali.

Metodo per chitarra moderna

Questa guida ha una duplice funzione: introdurre i chitarristi principianti al mondo della sei corde e accompagnare chi ha già un po' di esperienza verso un livello intermedio.

In 40 lezioni puoi imparare tutto sulla chitarra, dalla postura alla realizzazione degli accordi. Il vantaggio è la presenza del DVD e di un software proprietario per accordi. Lo svantaggio è che non sempre i video sono di qualità e alcuni argomenti meriterebbero un ulteriore approfondimento.

Se leggi le recensioni online scopri il parere degli utenti che hanno già usato questi manuali per capire i loro punti di forza e debolezza. Ricordati che ci sono altri modi per imparare a suonare la chitarra da soli: video, schemi, consigli da chitarristi più esperti...

Cerchi un corso di chitarra?

Segui subito le migliori lezioni di chitarra classica!

Manuale chitarra classica autodidatta

Il bello della rete è che puoi avere accesso a risorse gratuite con cui imparare a suonare la chitarra da zero. Se cerchi "manuale chitarra classica autodidatta" trovi alcune risorse in PDF fatte da insegnanti di chitarra con molta esperienza presso scuole di musica o corsi online. Per esempio, il manuale "Video corso base" di Manuel Alberti è un'introduzione a concetti come la tablatura, le pennate, gli accordi minori e maggiori.

Se cerchi delle idee su metodi per chitarra prova a iscriverti a gruppi e forum specializzati.

Chitarra da autodidatta: come esercitarsi durante la lezione

Il peggior errore che un chitarrista autodidatta possa commettere è quello di bruciare le tappe.

E' normale che si voglia imparare il più in fretta possibile, non solo per mostrare i propri progressi ma anche e soprattutto, per suonare senza difficoltà i propri brani preferiti, magari a una serata con gli amici.

Anche i brani apparentemente più semplici, come quelli dei Nirvana, vanno curati alla chitarra.
"Come as you are", come tante altre canzoni, sembra facile, ma nasconde qualche insidia!

Se l'obiettivo è condivisibile, un metodo frettoloso lo è un po' meno. Con gli accordi di base è facile vedere i primi progressi, ma appena ci si confronta con delle canzoni più tecniche tutte le lacune vengono a galla.

Il suono è fatto di molte sfumature e la ritmica di alcuni brani può creare delle difficoltà agli aspiranti chitarristi.

Se prendi l'abitudine di suonare una canzone in un modo approssimativo, lasciando dei piccoli errori, è impossibile che la qualità delle tue prestazioni possa migliorare.

Prima di lanciarti a testa bassa nell'apprendimento di un brano, mettiti bene in testa che devi esercitarti con la chitarra usando il giusto metodo.

Ecco come organizzare una lezione di chitarra in autonomia:

  • Scegli una fascia oraria da dedicare all'esercitazione: ogni giorno dovresti trascorrere almeno 15 minuti in compagnia della tua chitarra acustica o di ogni strumento a corde in generale.
  • Annotati gli esercizi su cui lavorare: guadagni molto tempo se sai già cosa fare durante le esercitazioni.
  • Prepara tutti gli accessori per chitarra di cui hai bisogno: pensa a ogni dettaglio, dal metronomo all'accordatore, dal plettro alla bottiglia d'acqua, senza dimenticare la chitarra, ovviamente.
  • Elimina ogni fonte di distrazione: non usare il telefono mentre ti eserciti perché è sempre meglio non interrompere un riff!
  • Rilassati: alcuni esercizi di respirazione prima di eseguire un accordo di do o di sol potrebbero servire a dare il meglio con la chitarra.

Una sessione di chitarra dovrebbe durare circa 30 minuti. All'inizio sarà molto difficile rimanere concentrato più a lungo, ma poco per volta il tempo con la tua sei corde comincerà a volare.

Con pazienza e una corretta postura allenerai la destrezza alla chitarra.
All'inizio le dita ti faranno male, ma poi acquisirai destrezza con la tastiera!

La tua lezione di chitarra autogestita dovrebbe essere suddivisa in questo modo:

  • 5 minuti di riscaldamento: per sciogliere le dita, evitare le fratture e abituarle alla posizione da adottare mentre suoni.
  • 15 minuti di esercizi tecnici: sta a te assegnare la priorità su cui vuoi lavorare (destrezza, velocità, improvvisazione, assolo).
  • 10-15 minuti per suonare: riproduci un brano e metti in pratica quello che hai imparato.
  • 2-3 minuti di piacere: suona in libertà senza riflettere, solo per il gusto di far vibrare le note con la tua chitarra.

Se fai delle sessioni più brevi scegli solo un aspetto tecnico su cui lavorare. Ricordati anche che non sempre le esercitazioni vanno nel modo previsto. Si può spezzare una corda, qualcuno ti può interrompere o puoi innervosirti perché non riesci a svolgere un esercizio.

Qualunque cosa succeda, è risolvibile. La cosa più giusta da fare è prendersi una pausa e riprendere l'esercizio dopo qualche ora o qualche giorno.

I trucchi per imparare a suonare la chitarra da soli

Tramite un corso di chitarra fai da te puoi migliorare la tecnica esercitandoti ogni giorno con le scale e gli accordi.
Prova a suonare la chitarra a occhi chiusi!

Praticare uno strumento musicale richiede del tempo. I migliori chitarristi si allenano per anni prima di poter raggiungere livelli elevati. Da Jimi Hendrix a Steve Vai, la passione e la dedizione sembrano essere il fertilizzante per un talento straordinario.

Certo, non tutti possiamo suonare la chitarra acustica come BB King, ma anche il nostro talento si nutre di un amore sfrenato per la sei corde.

La motivazione è la chiave per iniziare a suonare la chitarra da soli. Se sei determinato, potrai esercitarti con costanza e imparare a non gettare la spugna di fronte a un nuovo accordo.

Segui i nostri consigli per vivere al meglio la chitarra da autodidatta.

Raccomandazioni per la prima lezione di chitarra

Adottare delle buone abitudini è fondamentale per riuscire a migliorare velocemente e in maniera durevole. Pensa alle lezioni di guida, quando il tuo istruttore insisteva su ogni minimo movimento, dallo stacco della frizione ad automatismi, come allacciarsi la cintura.

Se parti con il piede sbagliato è difficile correggerti in corsa, per questo durante la prima lezione di chitarra è fondamentale:

  • Fare attenzione alla postura per evitare il mal di schiena. Prima della lezione cerca di distenderti ed evita ogni posizione che dia fastidio a collo, spalle e schiena. Per suonare bene devi metterti comodo!
  • Suonare lentamente, molto lentamente. Se vuoi sviluppare la velocità e riprodurre i suoni alla perfezione devi prima imparare a scomporre tutti i movimenti da fare con calma.
  • Ripetere gli esercizi più volte. L'apprendimento è un fattore sociale, ma diciamolo, anche ripetitivo. Tutti gli apprendisti hanno bisogno di ripetere un esercizio più volte per poterlo apprendere correttamente.

Consigli per un chitarrista principiante

Dopo le prime lezioni di chitarra è importante mantenersi in allenamento per questo devi:

  • Suonare ogni giorno, anche se hai solo 10 minuti di tempo, è sempre meglio di niente.
  • Usare il metronomo: la ritmica e l'orecchio musicale non vanno sottovalutati. Con questo formidabile accessorio, disponibile anche in formato digitale, avrai un punto di riferimento impeccabile per seguire il tempo giusto.
  • Imparare la teoria: avere qualche nozione di solfeggio può aiutarti a comprendere la ritmica e a suonare in un gruppo. L'errore maggiore che fanno i principianti è pensare di poter fare a meno della teoria musicale. Riusciresti a leggere un libro senza conoscere l'alfabeto? La risposta è scontata.
  • Registrarsi e filmarsi: non è narcisismo, ma un ottimo modo per valutare i propri errori e vedere i progressi fatti guardando e ascoltando le registrazioni. Ricordati che da autodidatta non hai la guida di un insegnante esperto. Dovrai essere in grado di correggere i tuoi errori in totale autonomia.

Spunti per un chitarrista di livello medio

Fa sempre bene esibirsi in pubblico con la chitarra, anche se i tuoi spettatori sono amici e parenti.
Quando ti senti pronto, confrontati con un pubblico dal vivo!

Dopo qualche mese o qualche anno, a seconda del tuo ritmo di apprendimento, potrai spingerti oltre e cominciare a fare musica a tutto tondo. Anche se non sei un chitarrista professionista cerca sempre di:

  • Suonare dal vivo: dopo aver imparato diversi brani, immagina di essere a un concerto e riproducili senza sosta per migliorare la resistenza. Alle tue prime esibizioni possono partecipare anche solo i tuoi amici o familiari. Il punto è condividere la passione per la musica e potenziare così le tue doti da chitarrista.
  • Suonare guardando la tua serie preferita: a volte serve per rilassarsi completamente senza pensare alla posizione delle dita, suonare d'istinto e lasciarsi ispirare. In questo modo ti liberi dal metodo per chitarra che segui, dagli esercizi e dalla modalità "apprendimento" per entrare nel vivo della chitarra.
  • Evitare di passare troppo tempo su internet: per migliorare devi suonare non guardare video di altri che suonano. Il rischio con i video tutorial è quello di passare il tempo a cercare gli esercizi giusti, invece di esercitarsi direttamente.
  • Imparare da un chitarrista più esperto: nel jazz, è la norma. I futuri jazzmen sfruttano i consigli dei musicisti più esperti per migliorare. Cerca altri chitarristi come te, appassionati di chitarra elettrica, classica o acustica e lanciati.
  • Trovare un gruppo musicale: la contaminazione è benefica per l'apprendimento e ti premetterà di imparare cose nuove e ritrovare la motivazione quando ti senti perso.

Sei pronto per imparare a suonare la chitarra senza l'aiuto di nessuno?

Bisogno di un insegnante di Chitarra?

Ti è piaciuto l'articolo?

3,67/5 - 3 vote(s)
Loading...

Catia

Traduttrice e scrittrice con una passione per le lingue