Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

La guida per farsi un corso di chitarra fai da te

Di Catia, pubblicato il 27/05/2019 Blog > Musica > Chitarra > Come Imparare a Suonare la Chitarra da Soli?

“Per suonare bene una chitarra occorrono dieci anni per corda” proverbio spagnolo

Leggere una tablatura, accordare la chitarra, seguire  il metronomo, leggere un diagramma degli accordi di base, improvvisare sono tutte azioni che un chitarrista impara in anni di studio.

Imparare a suonare la chitarra è un’attività complessa che coinvolge diversi aspetti.

Per rendere il compito più semplice si può scegliere di affidarsi a un insegnante di chitarra a domicilio, seguire corsi in gruppo presso una scuola di musica oppure attrezzarsi al meglio per imparare a suonare la chitarra da soli!

Se quest’ultima opzione è quella che più ti attrae, devi essere preciso, paziente e perseverante. Scopri i nostri consigli per avviare il tuo percorso di chitarrista autodidatta!

Corso chitarra: perché imparare a suonare la chitarra da soli?

Un corso di chitarra fai da te comincia con lo strumento giusto. Per imparare a suonare da solo basta comprare la chitarra giusta e qualche accessorio indispensabile!

La chitarra è uno strumento musicale difficile da padroneggiare. Eppure, è il secondo strumento più amato dopo il pianoforte.

Per suonare lo strumento a sei corde è fondamentale posizionare le dita della mano per produrre il suono corretto. Con il pianoforte (se accordato, ovviamente) puoi avere la certezza che il suono è giusto.

Una chitarra jazz per suonare Reinhardt, una chitarra classica per suonare Bach, una chitarra folk o chitarra acustica per il blues o il rock, una chitarra elettrica per suonare gli AC/DC o i Metallica.

Prima di scegliere la tua chitarra fatti consigliare in un negozio di musica o prendi informazioni su internet. Non devi mai comprare una chitarra senza prima averla provata. 

Dopo aver scelto il tuo strumento puoi pensare all’accordatura, al tipo di corde per chitarra o all’esecuzione degli accordi.

Cominciare a suonare la chitarra da autodidatti, invece di seguire un corso di chitarra, presenta diversi vantaggi:

  • Risparmio: un corso privato di una volta a settimana ha un costo medio annuo di quasi 1.000 euro. I tutorial su YouTube sono gratuiti. I corsi online hanno un costo di circa 10€ al mese.
  • Libertà di scelta: trovare un insegnante di chitarra che fa esattamente al caso tuo richiede tempo e non sempre è fattibile. Se impari da solo, invece, sei libero di scegliere il metodo da seguire, i libri, i video, le tablature da usare.
  • Progressione secondo i propri ritmi di apprendimento: non è sempre facile trovare un orario fisso da dedicare allo studio della chitarra. A volte abbiamo appena 15 minuti in pausa pranzo o dopo cena. Lavorare da soli permette di scegliere quando mettersi a suonare la chitarra anche solo per pochi minuti, ma in modo costante.
  • Sviluppo dell’orecchio musicale: senza un insegnante che ti corregga, sta a te sviluppare l’ascolto per individuare le stonature e migliorarti.

Imparare da soli è senza dubbio più difficile che seguire un corso ben strutturato, ma in entrambi i casi la chiave di volta per l’apprendimento è la tua motivazione. Se ti impegni riuscirai a suonare la chitarra anche da solo.

Corsi di chitarra sui manuali

Basta scegliere il manuale giusto per avere un buon metodo per chitarra. Non c’è bisogno di riempire la tua libreria di metodi per chitarra!

Non tutti sono in grado di imparare a suonare la chitarra con un libro. Per alcuni la parte più difficile è la scelta del manuale. Basta selezionare quello sbagliato e ci si ritrova persi.

Per altri, invece, un metodo per chitarra è il modo migliore per approcciare questo strumento.

Si possono trovare diversi metodi per chitarra. La maggior parte sono piuttosto pratici e danno la priorità a esercizi da svolgere in autonomia o con l’aiuto di un video. Un libro funziona bene per chi ha bisogno di un metodo strutturato, perché altrimenti si sentirebbe perso.

Ci sono diversi metodi per chitarra che trovi nelle librerie specializzate o semplicemente online, nuovi di zecca o di seconda mano. Ecco alcuni esempi di libri per chitarra che trovi su internet:

  • La chitarra per negati: 400 pagine dedicate ai principianti assoluti. Le basi sono solide e vengono insegnate con un metodo ludico. Si entra nel mondo della chitarra passo dopo passo scoprendone il funzionamento, la posizione delle dita, il solfeggio…
  • Chitarristi da zero: la chitarra spiegata con fotografie, testi, video e molti esercizi adatti ai principianti.
  • La mia prima chitarra: un manuale dedicato ai bambini a partire dai 6 anni. Insegna le basi della chitarra con canzoni adatte e orecchiabili.
  • Metodo per chitarra moderna: si rivolge a principianti e chitarristi medi spiegando tutto quello che c’è da sapere sulla chitarra.

Se leggi le recensioni online scopri il parere degli utenti che hanno già usato questi manuali per capire i loro punti di forza e debolezza. Ricordati che ci sono altri modi per imparare a suonare la chitarra da solo: video, schemi, consigli da chitarristi più esperti…

Cerchi un corso di chitarra?

Quali esercizi fare in una lezione di chitarra per autodidatti?

Il peggior errore che un chitarrista autodidatta può commettere è quello di bruciare le tappe.

E’ normale che si voglia imparare il più in fretta possibile, non solo per mostrare i propri progressi ma anche e soprattutto, per suonare senza difficoltà i propri brani preferiti magari a una serata con gli amici.

Se l’obiettivo è condivisibile, un metodo frettoloso lo è un po’ meno. Con gli accordi di base è facile andare velocemente, ma appena ci si confronta con delle canzoni più tecniche tutte le lacune vengono a galla.

Se prendi l’abitudine di imparare una canzone in un modo approssimativo lasciando dei piccoli errori, è impossibile che la qualità delle tue prestazioni possa migliorare.

Anche i brani apparentemente più semplici, come quelli dei Nirvana, vanno curati alla chitarra. Non sottovalutare le note di Come as you are!

Prima di lanciarti a testa bassa nell’apprendimento di un brano, mettiti bene in testa che devi esercitarti con la chitarra in un modo ben preciso. Ecco come organizzare un corso di chitarra da autodidatta:

  • Trova una fascia oraria da dedicare all’esercitazione: ogni giorno dovresti dedicare 15 minuti della tua giornata alla chitarra.
  • Annotati gli esercizi su cui lavorare: guadagni molto tempo se sai già cosa fare durante le tue sessioni di allenamento.
  • Prepara tutto l’occorrente: prendi ciò di cui hai bisogno dal metronomo all’accordatore, dal plettro alla bottiglia d’acqua, senza dimenticare la chitarra, ovviamente.
  • Elimina ogni fonte di distrazione: non usare il telefono mentre ti alleni!

Una sessione di allenamento con la chitarra dovrebbe durare circa 30 minuti. All’inizio sarà molto difficile rimanere concentrato più a lungo, ma poco per volta il tempo con la tua sei corde comincerà a volare.

La tua lezione di chitarra autogestita dovrebbe essere suddivisa in questo modo:

  • 5 minuti di riscaldamento: per sciogliere le dita, evitare le fratture e abituarle alla posizione da adottare mentre suoni.
  • 15 minuti di esercizi tecnici: sta a te assegnare la priorità su cui vuoi lavorare (destrezza, velocità, improvvisazione, assolo).
  • 10-15 minuti per suonare: riproduci un brano e metti in pratica quello che hai imparato.
  • 2-3 minuti di piacere: suona in libertà senza riflettere, solo per il gusto di far vibrare le note con la tua chitarra.

Se fai delle sessioni più brevi scegli solo un aspetto tecnico su cui lavorare. Ricordati anche che non sempre le esercitazioni vanno nel modo previsto. Si può spezzare una corda, qualcuno ti può interrompere o puoi innervosirti perché non riesci a fare un esercizio.

Qualunque cosa succeda, è risolvibile. La cosa più giusta da fare è prendersi una pausa e riprendere l’esercizio dopo qualche ora o qualche giorno.

Consigli per cominciare a suonare la chitarra da soli

Con un corso di chitarra fai da te puoi migliorare la tua tecnica chitarristica. Sviluppa la tua tecnica con la chitarra!

La motivazione è la chiave per cominciare a suonare la chitarra da solo. Dovrai dare prova di costanza per non gettare la spugna al primo ostacolo. Ecco alcuni consigli per vivere al meglio la chitarra da autodidatta:

  • Suonare ogni giorno, anche se hai solo 10 minuti di tempo, è sempre meglio di niente.
  • Suonare lentamente, molto lentamente: per sviluppare la velocità e riprodurre i suoni alla perfezione devi imparare a scomporre tutti i movimenti da fare con calma.
  • Suonare dal vivo: dopo aver imparato diversi brani, fa’ come se fossi a un concerto e riproducili senza sosta per migliorare la resistenza.
  • Registrarsi e filmarsi: non è narcisismo, ma un ottimo modo per valutare i propri errori e vedere i progressi fatti guardando e ascoltando le registrazioni.
  • Usare il metronomo: la ritmica e l’orecchio musicale non vanno sottovalutati.
  • Suonare guardando la tua serie preferita: a volte serve per rilassarsi completamente senza pensare alla posizione delle dita, suonare d’istinto e lasciarsi ispirare.
  • Fare attenzione alla postura per evitare il mal di schiena.
  • Imparare la teoria: avere qualche nozione di solfeggio può aiutarti a comprendere la ritmica e a suonare in un gruppo.
  • Evitare di passare troppo tempo su internet: per migliorare devi suonare non guardare video di altri che suonano. Il rischio con i video tutorial è quello di passare il tempo a cercare gli esercizi giusti, invece di esercitarsi direttamente.
  • Imparare da un chitarrista più esperto: nel jazz, è la norma. I futuri jezzmen sfruttano i consigli di quelli più esperti per progredire.
  • Trovare un gruppo musicale: la contaminazione è benefica per l’apprendimento e ti premetterà di imparare cose nuove e ritrovare la motivazione quando ti senti perso.

Sei pronto per imparare a suonare la chitarra senza l’aiuto di nessuno?

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...
avatar