Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Lezioni di arabo per viaggiare nei paesi di lingua araba

Di Igor, pubblicato il 25/02/2019 Blog > Lingue straniere > Arabo > Corso di Arabo: Tutte le Informazioni Per Viaggiare nei Paesi Arabi

Un proverbio arabo dice: “Non rifiutare mai l’aiuto di colui che te lo offre. ”

Preparare un viaggio di istruzione per imparare l’arabo, andare in vacanza o provare ad espatriare in uno dei paesi arabi, non può essere lasciato all’improvvisazione.

Secondo i dati di Perspective World, mentre nel 1992, erano 368.126 le persone emigrate negli Emirati Arabi Uniti, i servizi di immigrazione degli Emirati Arabi Uniti hanno registrato 3.331.000 di nuovi arrivi nel 2007 e 2.141.068 nel 2018.

Sempre più persone sono quindi tentate da un’esperienza di vita in uno dei ventidue stati della Lega Araba.

Ecco i nostri consigli per prepararti, prendere alcune lezioni di arabo, sapere in quale paese scegliere e calcolare il tuo budget per andare in Nord Africa o in Medio Oriente.

Imparare l’arabo per garantirsi un progresso rapido

Il modo migliore per imparare le lingue straniere è sempre quello di immergersi nella realtà linguistica e culturale. Quindi per diventare traduttore di arabo o per parlare fluentemente la lingua del profeta, è essenziale partire e vivere in un paese di lingua araba.

Gira il mondo con l’arabo!

Entrare nella cultura di un paese significa esplorarne tutta la cultura, compresa la gastronomia. Entrare nella cultura di un paese significa esplorarne tutta la cultura, compresa la gastronomia!

Può essere utile superare un test di conoscenza in lingua araba per valutarne il livello: l’Istituto del Mondo Arabo ha messo online molti test di posizionamento secondo età e livelli. Infatti, il fatto di parlare ogni giorno – il migliore modo rimane quello di arrivare a pensare in arabo – con i nativi ì abitua il cervello a imparare e memorizzare nuove parole ed espressioni idiomatiche.

Se uno è uno studente, uomo d’affari o semplice viaggiatore, i corsi di Arabo a Beirut, Abu Dhabi, Rabat, Tunisi o Sfax permetteranno di esplorare, a tutti i livelli, tutte le caratteristiche della lingua: scrittura araba, pronuncia, calligrafia, corso di civiltà islamica, religione, cultura e storia musulmana, arabo coranico, etc.

Imparare la lingua araba permette di scoprire l’infinita ricchezza culturale e storica (dall’epoca romana fino ai giorni nostri) dei paesi arabi!

Come studiare arabo per viaggiare?

Alcuni buoni motivi per visitare i paesi di lingua araba

Hai qualche dubbio sul perché visitare i paesi di lingua araba? Eccone alcuni:

  1. I paesi arabi sanno come valorizzare la bellezza. È un dato di fatto, che ci si trovi a Petra o nel deserto marocchino, che il mondo arabo sia innegabilmente bello, molto bello, e che i paesi arabi sappiano come mettere questa bellezza al servizio del loro paese.
  2. Il cibo. Possiamo affermare con una certa sicurezza che la cucina iraniana o palestinese non ha nulla a che fare con la nostra tradizione culinaria, e lo stesso vale per tutti i paesi del mondo arabo, che non lesinano nell’arricchire i propri piatti tradizionali con spezie e con tipici sapori orientali.
  3. La cultura. Tra la primavera araba, le rivolta popolari, il processo di radicalizzazione del mondo islamico, i nazionalismi e i conflitti diffusi, sono molti gli eventi degni di nota che hanno portato i paesi arabi sotto i riflettori dei media mondiali, generando interesse, curiosità e talvolta –purtroppo – preoccupazioni e timori, spesso eccessivi, a nostro dire. Momenti di conflitto fanno inevitabilmente parte della storia del mondo e della comunità internazionale e, volenti o nolenti, danno una (cattiva) visibilità ai paesi coinvolti. Tuttavia ridurre la vastità del mondo arabo musulmano ai suoi conflitti e ai suoi dissidi politici sarebbe errato e poco veritiero.

Scopri l’arabo utile per il Nord Africa!

Quali sono le mete migliori per migliorare il proprio livello di arabo…

I paesi arabi sono spesso considerati delle mete pericolose dato il contesto attuale di instabilità politica. Esistono però alcuni luoghi che devi assolutamente mettere nella “to do list” dei tuoi viaggi.

Ecco alcune delle mete suggerite:

  1. Marrakesh, la quarta città più grande del Marocco. Soprannominata la “città ocra”, è famosa in tutto il mondo per la sua celebre piazza, Jemaa el-Fna,situata a sud-ovest della Medina. Questa località attira oltre un milione di visitatori all’anno ed è iscritta nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO dal 1985.
  2. Il Cairo  è una delle più grandi città del mondo – 19,5 milioni nel 2018 – ed è una delle metropoli turistiche più famose del globo. Per la ricchezza archeologica, storica e culturale che ospita, la capitale egiziana attira milioni di turisti ogni anno. Possiamo visitare il souk di Khan el-Khalili e parlare arabo durante lo shopping!
  3.  Dubai, uno dei luoghi più visitati nel mondo arabo, è la capitale degli Emirati Arabi Uniti. Con oltre 11 milioni di visitatori all’anno, Dubai simboleggia il lusso, l’ostentazione, l’espansione e l’orgoglio di aver compiuto un salto folgorante nella modernità capitalista.
  4. Beirut, che nonostante sia vittima della violenza israeliana e degli sconvolgimenti geopolitici della regione – il Libano confina infatti con Israele e Siria – è un’antica città che non può non essere visitata. Fondata dai Fenici, Beirut offre una miscela unica di Oriente e Occidente, una città araba vivace e multiculturale.
  5. Amman, capitale della Giordania, è un’altra antica città nel mondo arabo, con oltre 9000 anni di storia da raccontarci. La città mostra tracce di civiltà successive e fa parte della culla della civiltà araba.

Ecco come studiare arabo all’estero!

Per la ricchezza archeologica, storica e culturale che ospita, la capitale egiziana attira milioni di turisti ogni anno. Per la ricchezza storica e culturale che ospita, la capitale egiziana attira milioni di turisti ogni anno.

… e le zone a rischio che al momento è meglio evitare

Alcuni paesi sono complessi da visitare, ce ne sono alcuni in cui non conviene proprio andare, almeno in questo momento.

Iraq e Siria sono due paesi in guerra, rispettivamente dal 2003 e 2011, pertanto imparare l’arabo a Damasco o Baghdad, anche se Damasco è il luogo di nascita della civiltà araba, non è molto consigliabile.

Ci sono inoltre alcune aree da evitare dall’Algeria meridionale ai confini del territorio iraniano. È in discussione il terrorismo dei gruppi fondamentalisti islamici, nonché le tensioni geopolitiche e le instabilità sociali a esse collegate.

Scopri i paesi musulmani!

Una valutazione  dei rischi permette di valutare dove possiamo andare e quali invece sono le aree da evitare. Algeria meridionale, tutta la Libia, l’Egitto occidentale, la regione del Sinai, lo Yemen, la Siria, l’Iraq e i confini iraniani sono formalmente sconsigliati dal Ministero degli Esteri a meno che non vi siano ragioni convincenti per doverci andare.

In Africa, bisogna evitare di andare in Somalia e nel Corno d’Africa, zone in guerra dal 1991, dove gli shebab – gruppi islamici salafiti che praticano la jihad con gli attentati suicidi – regolarmente affliggono la pace del territorio.

Alcuni consigli per pianificare il proprio viaggio nei paesi di lingua araba

Preparare dettagliatamente un viaggio non è semplice ma ci evita molte delusioni! Sebbene a volte gli imprevisti rendano i viaggi più divertenti!

Ricorda che per visitare alcuni paesi arabi è necessario il visto. Ricorda che per visitare alcuni paesi arabi è necessario il visto!

Diversi passi devono essere necessariamente essere rispettati, ma la pianificazione non è necessariamente la carta vincente per tutti i viaggiatori. Prima di tutto, devi sapere come confrontare le migliori offerte di volo disponibili: da quale città intendi partire? Come puoi gestire il trasporto verso l’aeroporto?

Studia arabo per viaggiare!

Spesso il periodo estivo e le vacanze scolastiche sono i periodi dell’anno in cui i voli subiscono un’inflazione significativa, pertanto il nostro consiglio è quello di scegliere il più possibile le basse stagioni.

È inoltre necessario scegliere un quartiere comodo in cui alloggiare in una delle destinazioni turistiche principali: Casablanca, Marrakech, Tunisi, Algeri, Cairo, Amman, Gerusalemme, Beirut, etc. Ricorda di scegliere un’area per dormire che non sia pericolosa e che possa limitare  i costi del trasporto pubblico.

Un altro elemento da considerare in un budget di viaggio: l’assicurazione di viaggio, spesso richiesta per soggiorni superiori a 90 giorni. Inoltre verrà spesso richiesto un visto dai paesi di cultura araba, per esempio:

  •     Marocco, Tunisia, Emirati Arabi Uniti, Qatar: gratuito, dura 90 giorni;
  •     Egitto: tra $ 25 e $ 60, da 30 a 90 giorni;
  •     Giordania: tra € 50 e € 150, 30 giorni, a seconda del tipo di ingresso;
  •     Kuwait: 9 € per 90 giorni, non rinnovabile;
  •     Oman: 45 € a 150 € a seconda del tipo di visto.

Il Maghreb: quando è meglio visitarlo

Il Maghreb – Jazirat al-Maghrib – il cui nome, dato dai primi conquistatori musulmani, significa “l’isola occidentale”, è una regione del Nord Africa corrispondente alla parte occidentale del mondo arabo. Il Marocco è il paese più visitato del Maghreb: i paesi vicini hanno attratto “solo” 7,05 milioni di turisti in Tunisia nel 2017, mentre 2,5 milioni di persone hanno scelto di visitare l’Algeria nello stesso anno. Conosci la cultura islamica!

Il clima in Nord Africa è molto diversificato: il Marocco subisce le influenze dell’oceano, del mediterraneo… ha zone montane, continentali e desertiche A seconda della regione in cui si va, troverai una diversa temperatura.

Tra le pianure dell’Atlantico del Nord, le pianure di Doukkala, il bacino del Souss, gli altipiani interni, la catena montuosa dell’Atlante e la zona sahariana, il clima varia da continentale umido, al clima desertico, al caldo secco del Mediterraneo. I mesi di maggio, giugno, settembre e ottobre sono indubbiamente i periodi migliori per recarsi in Marocco.

L’Algeria, invece, ha un clima mediterraneo al nord e un clima desertico nella maggior parte del territorio. Possiamo visitare l’Algeria con un clima favorevole da maggio a ottobre a nord (estati calde e secche), ma l’inverno è il migliore per andare nel deserto. Anche in Tunisia esistono diverse influenze climatiche, con un clima mediterraneo al nord e un caldo clima desertico nel sud.

Hai mai pensato di andare in Medio Oriente?

Il Medio Oriente è quell’area del globo che permette di sperimentare un’atmosfera da sogno, con i suoi  paesaggi simili a un miraggio sfocato, sfocato e sospeso in un presente eternamente antico. Infatti, tra Emirati Arabi Uniti, Giordania e Golfo Persico, diventa davvero difficile scegliere dove indirizzare il proprio desiderio di visitare paesaggi da sogno e scoprire usi e costumi di popoli lontani.

Il Medio Oriente è visto come un luogo dai paesaggi mozzafiato! Il Medio Oriente è visto come un luogo dai paesaggi mozzafiato!

Nell’immaginario collettivo il Medio Oriente è associato a immagini molto belle, paesaggi grandiosi, attraversato da valli e dune di ogni forma e tipologia: un viaggio in queste aree del mondo implica un continuo e imprevedibile cambio di scenario.

Con la sua cultura ricca e antica , il Medio Oriente è davvero una terra da scoprire: ogni città, ogni visita e ogni abitante ti impressioneranno. Con o senza un accompagnatore, tuttavia, è consigliabile preparare il viaggio, sia per motivi di sicurezza, ma anche e soprattutto sapere in quale circuito rimanere, conoscere le abitudini e partire durante il periodo migliore.

 

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...
avatar