Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Corso di tedesco con le news in lingua

Di Catia, pubblicato il 26/04/2018 Blog > Lingue straniere > Tedesco > Imparare il Tedesco con l’Attualità!

Come ogni altra lingua viva, il tedesco continua a subire dei cambiamenti nel suo lessico. Inoltre, l’evoluzione in un contesto mondiale dominato dall’inglese, ha portato ad alcune piccole rivoluzioni linguistiche, come il cambio della lingua ufficiale alla Volkswagen.

Fortunatamente, la stampa e la televisione tedesca sono sempre pronte a mantenere il passo nell’uso della lingua di Goethe.

Con questi formidabili strumenti, puoi migliorare il tuo lessico tedesco e rimanere informato sulle ultime tendenze e notizie provenienti dalla Germania.

Facciamo insieme il punto sulle ultime novità nella lingua di Goethe e i suoi maggiori media!

Il dizionario di tedesco si arricchisce

Il dizionario di tedesco include migliaia di parole nuove. Studiare in Germania è il modo migliore per conoscere le parole di tendenza!

Come la nostra cara Treccani, lo Zanichelli o il Garzanti anche i vocabolari tedeschi si arricchiscono di nuove parole. In particolare, il Duden è stato recentemente aggiornato a 5 anni di distanza dalla precedente edizione.

In questo periodo, è comparso un numero impressionante di neologismi nella lingua tedesca: 5.000 parole nuove sono state aggiunte al dizionario di tedesco, portando il lessico a 145.000 voci.

Se per imparare il tedesco non hai bisogno di conoscere tutti questi termini nuovi, un buon germanofono ha comunque la curiosità di conoscerne alcuni.

Non si tratta di altri verbi irregolari o di nuove regole grammaticali, ma di parole che vengono dalla lingua parlata. Tra queste, non avrai alcun problema a ricordarti gli anglicismi che, tra l’altro, sono molti presenti anche nell’italiano:

  • Selfie e Selfiestick per l’autoscatto
  • Emoji
  • Veggie
  • Tablet
  • Darknet e Deep web
  • Lifestyle
  • Hightech

In altri casi, si tratta di verbi direttamente ispirati all’uso di internet e che fanno la loro comparsa per la prima volta sul vocabolario tedesco:

  • Liken
  • Tinderen, dall’applicazione Tinder
  • Facebooken e Entfreuden
  • Taggen

Altre parole, sono direttamente legate all’attualità europea come per esempio la questione dei rifugiati:

  • Wilkommenskultur, la cultura dell’accoglienza
  • Flüchtlingskrise, la crisi dei rifugiati
  • Hasskriminalität, crimini di odio
  • Cyberkrieg, preferito al termine inglese cyberwar, la guerra informatica

Il vocabolario tedesco si arricchisce anche di vocaboli di tendenza, come Hygge, una parola danese legata al benessere, RoadtripUrban Gardening, legato al giardinaggio in città, o Flexitarier, ossia qualcuno che limita la consumazione di carne.

Molte di queste parole nuove vengono dall’inglese. Ci sono delle vere parole tedesche tra i neologismi? Le prime della lista, sarebbe meglio non usarle durante un colloquio di lavoro in Germania:

  • Honk, idiota
  • Tüddelkram, termine peggiorativo per designare le piccole cose senza importanza della vita quotidiana
  • Ick, è il modo per dire ich, io, nel dialetto berlinese
  • Futschikato, la versione colloquiale di weg, che significa andare via.

Infine, ci sono altre parole da segnalare:

  •  Die Wutbürgerin, una cittadina in collera, trae origine dal maschile der Wutbürger.
  • Kopfkino, un sogno a occhi aperti
  • Rumeiern, ritornare al punto di partenza.

Gli impiegati della Volkswagen dovranno parlare in inglese

La Volkswagen sostituirà l'inglese al tedesco come lingua ufficiale. Per guidare il maggiolino in Germania hai bisogno del tedesco!

Entro il 2021, chi lavora per il grande marchio delle automobili tedesche, la Volkswagen, non dovrà più parlare in tedesco. La Volkswagen userà l’inglese come lingua di lavoro per l’amministrazione, la comunicazione e l’archiviazione dei documenti del gruppo.

Questa informazione potrebbe sembrare una fake news, in realtà è una piccola vera rivoluzione per il marchio tedesco e si inserisce in uno dei tanti tasselli della sua travagliata storia.

Non è un segreto per nessuno che la macchina del popolo, la Volkswagen, è stata inventata per Adolf Hitler.

L’obiettivo del dittatore nazista era che ogni tedesco potesse avere una macchina famigliare a un prezzo abbordabile, che fosse anche facile da condurre e sicura. 

La guerra scoppia poco dopo il lancio del Maggiolino, meglio conosciuto in Germania come Kraft durch Freude, ossia la forza per la gioia. La fabbrica diventa quindi anche una produttrice di armamenti e solo alla fine della guerra riacquista il suo carattere civile. I britannici la gestiscono nell’immediato dopoguerra e decidono di lanciare il Maggiolino, che avrà un successo mondiale.

Nel corso del tempo nascono i modelli di punta ancora venduti oggi come la Golf o la Polo.

Oggi il gruppo VW possiede 12 marchi internazionali: Volkswagen, Audi, Porsche, Seat, Skoda, Bentley, Lamborghini, Bugatti, Ducati, Man, Scania, e Nutzfahrzeuge.

Il passaggio all’inglese è in parte spiegato dall’internazionalizzazione del marchio. E’ un modo per facilitare il reclutamento di personale internazionale all’interno dell’azienda.

L’adozione dell’inglese a discapito del tedesco si spiega anche con i recenti avvenimenti, lo scandalo del Dieselgate e la volontà di cambiare totalmente la comunicazione del marchio e riconquistare il mercato degli Stati Uniti. L’inglese in questo è un alleato formidabile.

La decisione ha destato qualche critica, soprattutto tra i difensori della lingua tedesca, ed è ancora più comprensibile dato che i dirigenti del gruppo non brillano per il loro livello di inglese.

Il passaggio dal tedesco all’inglese è una trovata pubblicitaria o l’inizio di una vera rivoluzione all’interno del marchio? Ai posteri l’ardua sentenza.

Lezioni di tedesco con l’attualità tratta dai giornali

Non c'è niente di meglio dei giornali in lingua per imparare il tedesco! Migliora le tue competenze linguistiche leggendo i giornali in tedesco!

L’apprendimento del tedesco può anche passare per la stampa, anche se alcuni giornali possono essere complicati all’inizio.

In Germania ci sono 3 tipologie di giornali:

  • i giornali locali, che trattano delle città
  • i giornali regionali, che coprono un’area più vasta
  • i giornali nazionali o sovra-regionali che sono diffusi in tutto il paese.

La libertà di stampa è fondamentale in Germania ed è garantita dall’art. 5.1 della Legge Fondamentale: “Sono garantiti la libertà di stampa e la libertà d’informazione attraverso la radio, la televisione e il cinema senza censura.”

D’altro canto, i tedeschi sono sempre in alto alla classifica dei paesi per libertà di stampa stilata ogni anno da Reporters senza Frontiere. Nel 2017 la Germania è al 14° posto, mentre l’Italia al 52°.

Ecco i principali quotidiani tedeschi, con i primi cinque che hanno una larga presa sull’opinione pubblica:

  • Süddeutsche Zeitung, stampa generalista, è la più letta in Germania,
  • Frankfurter Allgemeine Zeitung è una delle più lette in Germania e conosciute nel mondo,
  • Die Welt
  • Frankfurter Rundschau  
  • Die Tageszeitung  
  • Handelsblatt stampa economica 
  • Bild tabloid, in realtà è il più letto con oltre 2 milioni di copie al giorno
  • Berliner Zeitung 
  • Der Tagesspiegel
  • Die Tageszeitung
  • Express
  • Financial Times Deutschland
  • Junge Welt
  • Neues Deutschland
  • Pforzheimer Zeitung
  • Rheinzeitung

Ci sono poi i settimanali tedeschi, anche questi classificati in base alla copertura locale, regionale o sovra-regionale. Questi i settimanali più diffusi:

  • Die Zeit, è il settimanale più letto che offre anche la rivista Zeit Magazin, un sito internet, un’edizione speciale per Amburgo.
  • Der Spiegel: il più grande settimanale di giornalismo investigativo
  • Der Stern
  • Focus

Ci sono anche i giornali della domenica. Alcuni sono la versione domenicale dei grandi quotidiani e offrono approfondimenti sull’attualità. Ampio spazio viene dedicato a cultura e sport.

Questi sono i più diffusi:

  • Bild am Sonntag, 
  • Welt am Sonntag, 
  • Sonntag Aktuell, 
  • Frankfurter Allgemeine Sonntagszeitung

La stampa tedesca, come vedi, è molto ricca.

Imparare il tedesco con la televisione

Se vuoi guardare la televisione in tedesco hai un'ampia scelta tra canali pubblici e canali privati. La televisione è un’ottimo modo per imparare nuove parole in tedesco!

Per addentrarti nella cultura della Germania non c’è niente di meglio che guardare i telegiornali in tedesco!

La libertà di espressione è stata a lungo sotto controllo prima della caduta del muro di Berlino, ma da 30 anni a questa parte la Germania ha potuto sviluppare un mercato degli audiovisivi libero e vario.

La televisione riflette l’organizzazione dello stato tedesco come Stato federale. Sono infatti le regioni, i Lander, a regolamentare le emittenti televisive. L’ARD e la ZDF sono i più grandi fornitori di canali e programmi pubblici.

La televisione pubblica tedesca è indipendente dallo stato, anche se ci sono dei rappresentanti delle istituzioni nel consiglio di amministrazione.

La Germania ha un sistema misto con canali pubblici, finanziati dal canone, e canali privati che si reggono sulla pubblicità.

Ecco i principali canali pubblici della televisione tedesca:

  • 3sat un canale culturale
  • Das Erste (ARD), il primo canale della televisione tedesca
  • Arte, una co-produzione franco-tedesca
  • ZDF, il secondo canale
  • KIKA, il canale per i bambini di ZDF e ARD
  • Tagesschau24 (ARD), un canale all news
  • One (ARD), l’erede del canale Einsfestival
  • Phoenix : canale culturale nato dalla collaborazione tra ZDF e ARD
  • Deutsche Welle, canale internazionale bilingue in inglese e in tedesco

Come per la stampa, oltre ai canali nazionali, ci sono i canali dedicati ai programmi regionali:

  • Bayerischer Rundfunk BR, Monaco 1949
  • Hessischer Rundfunk HR Francoforte 1948
  • Mitteldeutscher Rundfunk MDR Lipsia, 1991
  • Norddeutscher Rundfunk NDR Amburgo, 1955
  • Radio Bremen Bremia, 1949
  • Rundfunk Berlin-Brandenburg RBB Berlino, Postdam, 2003
  • Saarländischer Rundfunk SR Sarrebrucken, 1957
  • Südwestrundfunk SWR Stoccarda, 1998
  • Westdeutscher Rundfunk WDR Cologna, 1955

In Germania trovi anche un’ampia scelta di canali privati:

  • RTL Group: è la prima emittente privata e gestisce molti canali tra cui:
    • N-TV, canale all news
    • RTL Television, il primo canale privato fondato nel 1984
    • VOX, un canale dedicato all’intrattenimento
    • RTL II, destinato a un pubblico giovane
    • Super RTL, canale per la famiglia che collabora con la Disney
    • RTL Nitro, dedicato alle serie TV e ai film di azione
    • RTL Crime, disponibile via satellite
    • RTL Passion, per le soap opera e la fiction a pagamento
    • RTL Living, per il divertimento su satellite
    • Channel 21, canale dedicato alle televendite
  • ProSiebenSat.1 Media:
    • Sat.1, via cavo
    • ProSieben, canale generalista per il divertimento e i reality. La maggior parte delle serie TV sono americane. E’ il secondo canale privato più seguito in Germania.
    • Sixx, canale via cavo per il pubblico femminile
    • Kabel eins classics, serie TV e film cult
    • N24, canale di informazione
    • Sat.1 Comedie, intrattenimento via caco
  • Viacom:
    • VIVA, secondo canale musicale dopo MTV e destinato a un pubblico di adolescenti
    • Comedie Central, canale per le serie TV legato a MTV
    • Nickelodeon, canale per i bambini

Guardare la televisione a volte è meglio di un corso di tedesco perché ti aiuta a migliorare la comprensione ed espressione orale con parole sempre nuove.

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...

Lascia un commento su questo articolo

avatar