Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Un corso di disegno per fare lo schizzo di un ritratto

Di Igor, pubblicato il 09/10/2018 Blog > Arte e Svago > Disegno > Un insegnante disegno per realizzare un viso!

“Per questo disegno ho impiegato 5 minuti, ma per concepirlo ci ho messo 60 anni”. Pierre-Auguste Renoir (1841-1919), pittore francese.

I disegnatori amatori sono d’accordo sul fatto che disegnare un viso faccia parte degli esercizi più difficili.

Che tu sia disegnatore apprendista, debuttante o stia prendendo corsi di disegno a domicilio; che tu sia caricaturista, pittore o specializzato nelle figure femminili, rispettare le proporzioni, dare del volume sfruttando le ombre, disegnare uno sguardo espressivo sono difficoltà da superare.

Disegnare un viso di tre quarti, di fronte o di profilo, gestire la distanza tra gli occhi, saper cancellare sufficientemente per ombreggiare correttamente il tuo disegno, per fare questo devi possedere un “bel colpo di matita”. Ma questo non si improvvisa!

E le basi per un manga o un ritratto realista, sono sempre le stesse: c’é bisogno di pratica, perseveranza e osservazione.

Lezioni di disegno per tratteggiare un viso realista

Con quali strumenti si può disegnare facilmente un ritratto? che cosa serve per disegnare un manga e dei disegni per bambini?

Esistono diversi strumenti per realizzare le diverse parti di un disegno figurativo.

Alcuni privilegiano il carboncino, mentre altri lavoreranno con la matita sanguigna o con la matita. In tutti i casi, materiale utilizzato e risultati ricercati ed ottenuti sono strettamente collegati tra loro; per non parlare della necessità di padroneggiare le diverse tecniche di disegno.

A questo si dovranno aggiungere i costi da sostenere per equipaggiarsi con il kit completo del disegnatore: i prezzi del materiale di qualità non sono troppo economici, purtroppo.

Ecco una lista del materiale da disegno necessario ai debuttanti per disegnare un viso:

  • Delle matite tenere di tipo B (2B, 4B,…): questo tipo di matita a grafite è molto utile per realizzare dei “degradati”. Sarà sufficiente appoggiare più o meno forte sulla mina per una resa uniforme;
  • Delle matite a punta dura di tipo H (2H, 4H, … fino a 10H);
  • Una gomma pane: è l’accessorio indispensabile per lavorare soprattutto sulle ombre. Permette di attenuare e di schiarire il carboncino, ma anche la matita. Questa pasta molle può essere modellata per lavorare su di una superficie più ampia o al contrario per andare sui dettagli;
  • Una gomma in vinile: questa gomma serve a cancellare completamente i tratti di matita. Sarà quindi molto utile per correggere i segni e per far sparire i primi tratti del disegno;
  • Dell’ovatta: questo strumento eviterà di cancellare o sfumare i tratti con lo straccio o con le dita; fa parte delle cose imprescindibili;
  • Della carta Bristol.

Per un ottimo ritratto, l’attrezzatura di base è fondamentale, oltre alla tecnica, ovviamente. La matita carboncino fa parte degli imprescindibili!

I disegnatori professionisti o comunque gli avanzati utilizzeranno invece altri strumenti per realizzare un ritratto.

Generalmente, in questo caso, servono:

  • Matita a carboncino: grazie alle diverse tecniche di disegno al carboncino, è possibile fare dei tratti molto precisi ma anche di applicarli a strati spessi. Questa tecnica consente di dare degli effetti di testura al disegno, ma anche di realizzare delle sfumature, di lavorare i degradati e produrre degli effetti sfocati.
  • Una matita sanguigna: si trovano dei colori e delle matite sanguigne. I colori variano dall’arancione al beige. La matita sanguigna è spesso utilizzata per i ritratti, perché offre un’ottima resa dei volumi.

Corsi di disegno per conoscere le proporzioni da rispettare per il ritratto di un viso

La prima cosa, per imparare a realizzare un ritratto di un viso, è indispensabile avere dei punti di riferimento precisi e sicuri:

  • Quali sono le proporzioni di un viso?
  • Come posizionare la bocca, il naso, gli occhi nel posto giusto?

Seguendo alcune semplici astuzie, chiunque potrà essere in grado di realizzare un ritratto.

Corso di disegno per tutti: alcuni riferimenti generali per disegnare un viso

Ogni viso ha le proprie caratteristiche (fine, arrotondato, quadrato, allungato, …). Ma per fare un ritratto, globalmente è possibile prendere dei punti di riferimento in modo facile, tracciando un ovale e dividendolo in 4 parti.

È la tappa preparatoria ai disegni dei bambini, di visi di donna e dei visi di uomini.

Sarà sufficiente quindi tracciare quelli che sono detti le linee di divisione: una linea verticale al centro del cerchio ovale e poi la linea orizzontale.

Corsi di disegno per tutti: tratteggiare il naso

È fondamentale che rispettino i parametri delle proporzioni e delle distanze e che siano espressivi. Gli occhi sono importantissimi, per dare espressione al viso!

Una prima linea tracciata orizzontalmente corrisponde a quella sulla quale si posizioneranno gli occhi, ma non subito. In un primo tempo, tracceremo un secondo tratto orizzontale, suddividendo la parte inferiore dell’ovale in due parti.

Sul punto di intersezione tra questo tratto e la linea verticale, andrà disegnata la base del naso: colloca una narice da una parte della linea verticale e l’altra dall’altra.

Corsi di disegno per tutti: tratteggiare la bocca

La bocca si situerà su di un terzo asse, tracciato orizzontalmente, in modo che il quarto inferiore del cerchio ovale sia diviso in due.

La base delle labbra inferiore deve corrispondere a questo nuovo tratto: disegna la linea di separazione delle due labbra, poi il labbro superiore e, alla fine, concludi con il labbro inferiore.

Corsi di disegno per tutti: tratteggiare gli occhi

A livello del tratto orizzontale fatto per primo (quello al centro dell’ovale), disegna due grandi cerchi da una parte all’altra del tratto verticale: sono le orbite degli occhi.

Parti da un’osservazione del viso del tuo modello e cerca di individuare i tratti salienti. L’osservazione attenta è alla base della riuscita!

Segna succintamente le sopracciglia sull’alto di questi due cerchi, poi disegna due piccole mandorle all’interno di ognuno di loro: il contorno degli occhi, distanziati dalla larghezza di un terzo occhio.

Disegna ogni iride, poi la pupilla ogni volta al centro di ogni “cerchio” e sull’asse degli occhi. Colora bene ogni pupilla di nero, in modo da far risaltare ancora meglio il bianco degli occhi.

Passa infine alle palpebre: fai come si trattasse di una seconda mandorla nella prima, che circonda l’iride.

 Corsi di disegno per tutti: orecchie, capelli, occhi, dettagli

La base di ogni orecchio deve trovarsi alla stessa altezza della base del naso.

La parte alta delle orecchie, invece, è situata all’altezza delle sopracciglia.

Devi poi disegnare i capelli, il collo e aggiungere alcuni piccoli dettagli di base: delle ombre, delle rifiniture a livello del naso, del mento, i tratti dell’espressione.

Durante l’abbozzo, più i tratti saranno secchi, “duri” e marcati, più il viso avrà l’aria invecchiata. Per creare un personaggio più giovane, dovrai dunque puntare su dei tratti arrotondati e soffici.

Appena avrai tracciato questi punti di riferimento, potrai finalmente affinare la forma del viso, soprattutto quella del mento, e perché no, aggiungere anche le spalle e dei vestiti (

Lezioni di disegno per realizzare un viso umano

Per disegnare un personaggio immaginario, dovrai fare leva sulla tua creatività di disegnatore.

Se, invece, il tuo obiettivo è quello di fare un ritratto a partire da un modello vivente o da una foto, allora dovrai osservarlo molto attentamente per riprodurre questi elementi, tenendo conto delle proporzioni dell’originale.

Osservare e creare una quadrettatura per riprodurre un viso: i suggerimenti di un insegnante disegno

Si tratta della stessa procedura utilizzata per disegnare una mano: l’illustratore che voglia disegnare una mano osserverà molto attentamente la forma delle dita e delle unghie, il colore e la pigmentazione della pella, etc., prima di delineare i contorni il più fedelmente possibile.

Esiste un’altra tecnica. Si tratta di realizzare una quadrettatura, per riprodurre fedelmente un viso su un foglio da disegno.

Qualsiasi sia la tecnica che sceglierai per disegnare, l’importante sarà di trovare un modo per rispettare fedelmente le proporzioni del modello e di ogni parte del viso.

Elementi essenziali da osservare

  • L’ampiezza della bocca, rispetto al naso,
  • La posizione degli occhi rispetto alla bocca,
  • Le caratteristiche e la posizione delle sopracciglia sul viso.

Tra le astuzie più utili, possiamo inoltre aggiungere che:

  • La distanza degli occhi tra loro corrisponde alla larghezza di un immaginario terzo occhio,
  • La base del naso è allineata con il bordo interno degli occhi,
  • I punti di giunzione (commessure) delle labbra sono allineati con il bordo interno dell’iride.

Se queste proporzioni sono piuttosto generali, essere attenti a questi dettagli permette tuttavia di prendere dei buoni punti di riferimento per i primi tratti di matita.

Dopo di che, non dovrai fare altro che affinare i tratti per riprodurre tutti i dettagli osservati.

Dovrai conoscere l’anatomia del corpo umano, per disegnare un viso perfetto. I ritratti particolarmente ben riusciti assomigliano a delle foto!

Affidati alle tue emozioni

Quando si disegna, è importante sconnettere per un momento l’emisfero sinistro del proprio cervello, quello della razionalità, per dare libero corso agli affetti, all’emotività, all’espressione, ai sentimenti.

Per riuscirvi, dovrai farti guidare solo dalle tue percezioni, ovvero dall’emisfero destro del cervello.

L’idea non è quella di cercare un senso nelle cose, ma di riprodurre esattamente quello che vedi, che senti; si tratta di una specie di descrizione.

Il ritratto non è un esercizio di simmetria. Te ne renderai conto in fretta, a forza di osservare i modelli nel dettaglio, che nessun viso è perfettamente simmetrico. Te ne accorgi anche ammirando tutte le più grandi opere di storia dell’arte.

Il tutto è di riuscire a riprodurre un viso su di un disegno a tre dimensioni.

È quindi importante prendere dei punti di riferimento in funzione del modello e di attenersi a questi stessi punti. Il naso probabilmente non è proprio dritto, il sorriso è un po’ storto, le sopracciglia male allineate…

La mano deve disegnare quello che gli occhi individuano.

Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...
avatar