Pagina iniziale
Dare lezioni

Corsi di cucina Catania

🥇 I/Le migliori insegnanti di Catania
💻 6 prof
🔒 Pagamenti sicuri con Superprof
💸 Nessuna commissione

Qual è il tuo livello?

Eccellente
commenti su
Lezioni private con Superprof

La nostra selezione di insegnanti privati/e di cucina a Catania

Visualizza più insegnanti

5,0 /5

Il voto medio dato ai/alle nostri/e insegnanti di cucina a Catania è di 5,0 con più di 1 commenti.

19 €/ora

Le migliori tariffe: il 100% dei/delle nostri/e insegnanti offre la prima ora di lezione. In media, le lezioni di cucina a Catania costano 19€.

1 h

Veloci come saette, i/le nostri/e insegnanti ti rispondono in 1h.

01

Trova il/la tuo/la insegnante di cucina a Catania

Dai un'occhiata ai profili di Catania e contatta un/un' insegnante secondo i tuoi criteri (tariffe, diplomi, commenti, lezioni di cucina a domicilio o via webcam)

02

Organizza le tue lezioni di cucina a Catania

Parla con l'insegnante di cucina per condividere le tue necessità e disponibilità. Programma dei corsi di cucina professionali e pagali in tutta sicurezza attraverso la chat Superprof. Impara a cucinare dei manicaretti!

03

Vivi nuove esperienze

Il "Pass Alunno" ti consente l'accesso illimitato a tutti/e gli/le insegnanti e maestri/e di Cucina a Catania, o in altre città, oppure online, per 1 mese. Un mese intero per scoprire nuove passioni.

Scopri tutti/e i/le nostri/e insegnanti di cucina a Catania

Corsi di cucina Catania

In Sicilia, lo street food della cucina di Catania

Quando passeggi per le vie di Catania, non ti fermeresti mai: dal mercato del pesce sotto gli archi della marina a piazza Università, da piazza Duomo a piazza Stesicoro, da via Etnea a via Crociferi, senza dimenticare la visita al teatro Bellini, al Giardino Botanico e alla Villa Bellini, il tempo passa rapidamente e non vorresti sprecare nemmeno un minuto, sacrificando anche il ristorante.

Fortunatamente per te, lo street food di Catania (che, qui, esiste ben prima che questa espressione anglosassone venisse adottata nel nostro Paese) ti verrà in soccorso: gustose pietanze dolci e salate, letteralmente da divorare, mentre continui ad ammirare le bellezze locali, inebriato dal tepore del sole siciliano e dal profumo di mare!

L’arancino di Catania

Se qualche sera, in un qualsiasi paese siciliano, dell’entroterra o della costa, hai fatto la coda in una pizzeria – rosticceria, sarà certamente capitato anche a te di assistere a questa scena: un padre e un figlio, che ordinano 6 pizze, di cui due maxi, cui fanno aggiungere 10 – 12 arancini, 6 calzoni, 3 cipolline e 4 fette di schiacciata tuma e prosciutto. Ma quanta gente ci sarà a casa, in attesa della cena? Sicuramente non più di sette – otto persone. E se la tua domanda è “ma i siciliani mangiano di più dei lombardi o dei veneti?”, la nostra risposta è “forse, ma sicuramente, anche un veneto o un lombardo non uscirebbero da una rosticceria siciliana con una misera pizza a testa. È fisiologico! Insomma, quelle dei pizzaioli siciliani sono proposte che non si possono rifiutare (per citare un famoso film di Francis Ford Coppola…!)

Diciamo che, aspettando che tutti si mettano a tavola, prima che la pizza si raffreddi, un arancino al ragù ci sta, giusto per aprire la strada al resto. E se, poi, qualche bambino della tavolata non dovesse finire la pizza, la mamma del piccolo in questione deve avere sempre pronto il piano B: la schiacciata, la cipollina, il calzone, … E comunque, se gli sprechi alimentari ti fanno paura, non temere: nulla andrà buttato.

Ma l’arancino, a Catania come a Palermo (dove, però, si chiama arancina, ricordalo!), è un passe-partout: si adatta allo spuntino di metà pomeriggio (che, a differenza del “metà pomeriggio” di Milano, non inizia prima delle sei), durante la passeggiata con gli amici; è l’ideale per l’adolescente sempre affamato, che non ce la fa ad attendere l’inizio della cena, senza spilluzzicare qualcosa; ed è perfetto come cena (ovviamente, se in numero congruo). Perché, allora, non dovrebbe essere la scelta migliore anche per il turista affamato, in tour nella città dell’elefante?

Oltre ai classici arancini al ragù (a seconda della ricetta, al ragù di carne possono essere aggiunti anche piselli, il riso può essere condito con lo zafferano, …) e a quelli al burro (che in realtà non contengono burro, bensì prosciutto e mozzarella o prosciutto e tuma, un formaggio locale, freschissimo, a base di latte di pecora), la cucina di Catania propone anche quelli alla Norma: il nome è un omaggio all’opera del catanese Vincenzo Bellini, ovviamente, e la farcitura dell’arancino prevede melanzane, ricotta salata, tuma e basilico.

Se vuoi assaggiare anche altri sapori, sappi che esistono anche arancini al pistacchio, ai funghi e al nero di seppia.

Il panino con la carne di cavallo

Forse proprio per reazione all’estrema abbondanza di pesce freschissimo, pescato ogni notte e venduto ogni mattina agli archi della marina o alla sezione alimentare del quotidiano feroluni, i catanesi sono degli appassionati divoratori di carne, in particolare di carne di cavallo.

In via del Plebiscito o in via Dusmet, ci sono diversi panifici o tavole calde, che preparano sul momento degli squisiti panini con carne di cavallo, che puoi gustare nella versione semplice o cui, nel rispetto della tradizione locale, puoi aggiungere una serie di verdure grigliate o crude a tua disposizione: melanzane, cipolla, funghetti sott’olio, peperoni grigliati o sott’olio, zucchine, lattuga, radicchio, …

Insomma, dopo un panino del genere, non c’è altro da fare che rimettersi in moto e digerire passeggiando tra le vie e i palazzi, resi caratteristici dalla pietra lavica, disponibile grazie alla presenza ravvicinata del vulcano più alto d’Europa, l’Etna.

A meno che…

E i dolci?

Cannoli e cannolicchi

… a meno che, dopo un paio di arancini, magari uno al ragù e l’altro alla norma, o dopo il panino con la carne di cavallo, tu non senta la necessità di un sapore dolce, per temperare i gusti forti che hai provato fino a questo momento.

Niente di meglio, allora, che entrare in una pasticceria (ne trovi veramente tante e quasi tutte di ottima qualità) e chiedere un vassoio di cannoli. Si tratta, probabilmente, di uno dei dolci siciliani più noti (assieme alla cassata) e dei più esportati nel continente. Il sapore delizioso della ricotta di pecora e zucchero, con cui viene farcita la cialda del cannolo, è reso ancora più sublime dalla granella di pistacchio o dai fruttini canditi, che vengono apposti alle due estremità del dolcino. Un consiglio: chiedi che il cannolo venga riempito davanti a te; la cialda sarà ancora più croccante.

Se un cannolo ti dovesse sembrare troppo (effettivamente, non è da tutti, dopo pranzo, mangiare 100 – 150 grammi di ricotta!), puoi puntare sui più modesti cannolicchi, la versione corta del fratello maggiore.

Le crispelle di riso

Un altro dolce tipico di Catania città è la crispella di riso: al riso cotto nel latte, vengono amalgamati farina, zucchero, scorza di arancia, cannella e lievito. L’impasto, dopo aver riposato un’ora, viene suddiviso in bastoncini di una decina di cm di lunghezza, i quali sono fritti e, ancora caldi, cosparsi di abbondante miele: da mangiare bollenti!

Gelato, anche in inverno

Inverno o estate che sia, quando sarai a Catania, non potrai non assaggiare il gelato, freschissimo e disponibile in tanti gusti, diversi da quelli che puoi trovare in altre città (per non citarne che un paio, il gelato al gusto cassata siciliana, quello al pistacchio di Bronte, ...).

Ma la cosa particolare è che in Sicilia il gelato si può mangiare nella brioche: questa viene parzialmente aperta, per essere farcita con il gelato, che potrai mangiare aiutandoti con un cucchiaino.

A questo proposito, ricorda che nelle mattinate estive, i catanesi fanno colazione con granita e brioche: non vorrai farti mancare questa chicca, vero?

Le domande più frequenti:

🧑‍🍳Quanti/e esperti/e di cucina sono disponibili per impartire corsi privati di cucina a Catania?

A Catania e dintorni ci sono 6 cuochi/e disponibili per dare lezioni di cucina.

 

I criteri che dovresti tenere in conto per selezionare l'insegnante più adatto/a a te sono:

  • La tariffa. Oltre al prezzo orario, puoi verificare se l'insegnante propone un pacchetto di più ore, o altre tariffe speciali.
  • La distanza dal tuo domicilio.
  • L'esperienza dello/a chef e la sua formazione in relazione al livello ricercato; per ogni necessità esiste l'insegnante adatto/a!
  • Le valutazioni dei/delle vecchi/e allievi/e.

Vedrai che seguendo questi criteri, trovare l'insegnante ideale sarà semplicissimo

💸 Qual è il prezzo medio di una formazione a domicilio di cucina a Catania?

A Catania, la tariffa media di un atelier a domicilio di cucina è di 19€ /ora. I prezzi variano a seconda dell'insegnante, poiché è l'insegnante stesso a fissare la propria tariffa.

 

I fattori che gli/le insegnanti prendono in considerazione per fissare il prezzo delle lezioni di cucina sono la propria esperienza e formazione, il luogo dove si faranno le lezioni: (a casa dell'allievo/a, a casa dell'insegnante, oppure online), il numero delle lezioni e la la durata, e  la concorrenza dei/delle cuochi/e a Catania.

 

La maggior parte dei/delle nostri/e maestri/e di cucina offre gratuitamente la prima ora.

 

Confronta le tariffe degli/delle insegnanti vicino a te con una semplice ricerca su Superprof.

💻 Si può imparare a cucinare via webcam con un/una cuoco/a trovato/a su Superprof?

Assolutamente sì! La maggior parte dei/delle nostri/e insegnanti, oltre a dispensare lezioni presenziali, propone anche corsi via webcam.

 

Le lezioni a distanza sono meno care rispetto a quelle faccia a faccia perché non ci sono supplementi di trasporto e sono più flessibili con l'orario perché si risparmia il tempo del tragitto. Ovviamente, in campo culinario ci sono degli inconvenienti, dal momento che lo chef non potrà assaggiare le tue preparazioni, ma vedrai che riuscirai comunque ad ottenere risultati stupefacenti!

 

I corsi di cucina online sono un'ottima opportunità per scoprire le principali tecniche culinarie e portare la propria abilità ai fornelli a un livello superiore. Ti basterà avere un computer, una connessione a internet e il necessario per preparare le pietanze dei tuoi sogni!

✍🏻 Su Superprof, qual è stato il voto medio ricevuto dai/dalle nostri/e chef a Catania?

Con 1 valutazioni ricevute, i/le maestri/e di cucina di Superprof hanno ottenuto un voto medio 5,0 /5.

 

Dietro Superprof c'è un'equipe disponible dal lunedì al venerdì per rispondere ai tuoi dubbi. Puoi contattarci per telefono o via mail.

 

Per ulteriori dubbi, puoi consultare le nostre domande frequenti, dove rispondiamo ai dubbi più frequenti.

 

🍝 Perché optare per lezioni di cucina a Catania?

La cucina è una delle arti più gradite dagli/dalle italiani/e. Proprio per questo, molte persone sognano di perfezionare il proprio talento culinario per stupire familiari e amici.

 

Molti aspiranti cuochi ammettono di avere grandi difficoltà ai fornelli. Questo è dovuto al fatto che, a meno di non avere uno chef in famiglia o di frequentare un istituto alberghiero, l'arte culinaria non si apprende né a casa né a scuola. Di conseguenza, chi vuole imparare l'arte dei fornelli deve ricorrere a tutorial o a lezioni, siano esse a domicilio oppure via webcam.

 

Decidere di seguire atelier privati di cucina è una buona scelta, non solo per gli/le alunni/e degli istituti alberghieri che hanno difficoltà con la materia, ma anche per tutti/e gli/le aspiranti chef che desiderano migliorare le proprie doti culinarie per realizzare piatti sempre più appetitose.

 

Che cosa aspetti a metterti in contatto con i/le nostri/e chef a Catania?