In Italia, la cucina ha sempre rivestito un ruolo culturale importante, poiché è attorno alla tavola che si sono riuniti per decenni familiari, amici e vicini per condividere il piacere di del cibo, che si trattasse di un pezzo di pane o di piatto di pesce prelibato. Non deve quindi sorprendere che siano in molti gli italiani e le italiane che amano cucinare e far felice chi li/le circonda con le migliori ricette della tradizione.

Sei però stufo di preparare sempre le stesse pietanze? Prima di acquistare un libro di cucina, scopri con noi 3 ricette italiane che in grado di soddisfare tutti i palati!

Ricetta tortellini in brodo

Scopri come preparare degli ottimi tortellini fatti in casa!
I tortellini in brodo sono il piatto ideale per le feste di fine anno!

Tra i piatti della tradizione, ce ne sono alcuni che richiamano delle occasioni speciali: i tortellini in brodo sono spesso associati alle feste di fine anno, o comunque alle grandi riunioni familiari. Vediamo come prepararli in casa step by step!

Prima di tutto, gli ingredienti:

Per la pasta all'uovo:

  • Uova (circa 4) 250 g
  • Farina 00 400 g

Per il ripieno:

  • Carne bovina polpa di vitello 70 gr
  • Lonza di maiale 70 g
  • Prosciutto crudo Parma 80 g
  • Mortadella di Bologna 80 g
  • Parmigiano Reggiano DOP da grattugiare 150 g
  • Burro 20 g
  • Uova grande 1
  • Noce moscata da grattugiare q.b.
  • Sale fino q.b.
  • Pepe nero q.b.

Vediamo ora insieme le diverse fasi di preparazione di questa squisita ricetta, dalla preparazione della pasta alla cottura dei tortellini:

  • Per prima cosa, dovrai dedicarti alla preparazione della pasta all'uovo. Per farlo, disponi la farina su una spianatoia, crea un solco al centro e aggiungi le uova. Rompile poi con una forchetta e ricopri con la farina presa dai lati, poi inizia ad impastare con le mani (la parte più divertente!) fino a quando avrai ottenuto una pasta morbida e liscia. Ricoprila a questo punto con una pellicola trasparente e lascia riposare per almeno al fresco per almeno 30/45 min.
  • Mentre la pasta riposa, prepara il ripieno. Inizia tagliando la polpa di vitello, la lonza di maiale, il prosciutto e la mortadella in pezzi grossolani. Fai sciogliere il burro in un tegame e poi fai rosolare il vitello e la lonza per almeno 10 min. Togli poi la carne dal fuoco e lasciala intiepidire, dopodiché inseriscila nel mixer insieme al prosciutto, alla mortadella, e fai partire le lame. Quando il composto sarà abbastanza omogeneo, potrai aggiungere il parmigiano, la noce moscata, il pepe e l'uovo e riavviare le lame fino a ad ottenere un composto uniforme. Aggiusta di sale se necessario.
  • Stendi adesso la pasta all'uovo con l'aiuto di una macchina della pasta o di un matterello. Ricorda di inumidire abbastanza la pasta affinché non si rompa. Dovrai ottenere uno spessore di 6/10 mm.
  • Una volta stesa la pasta, utilizza una rotella liscia per ottenere dei bordi regolari tagliando gli eccessi, poi ritaglia dei quadrati con lati di 4cm. Al centro di ogni quadrato inserisci un po' di ripieno freddo, poi chiudi il quadrato unendo due punte e facendolo diventare un triangolo. Prendi poi il triangolo, piega verso l'alto la base, appoggia la pasta sull'indice con la punta del triangolo rivolta verso l'alto e utilizzando la mano libera unisci le due estremità della base intorno al dito facendo una lieve pressione e girando leggermente verso il basso, facendo aderire bene i bordi.
  • Sfila con delicatezza il tortellino dal dito a mettilo su uno strofinaccio leggermente infarinato. Ripeti l'operazione fino a quando finirai gli ingredienti (utilizza anche la pasta tagliata dai bordi). Lascia poi riposare i tortellini al fresco affinché diventino più solidi. Ora sei pronto per cuocerli in un brodo di carne e servirli a tavola!

Se qualcuno in famiglia non mangia la carne, ricorda che puoi sempre preparare dei deliziosi tortellini vegetariani utilizzando diversi ingredienti come le patate, gli spinaci e i formaggi e facendoli cuocere in un brodo vegetale!

Risotto alla zucca

Il risotto alla zucca è il piatto ideale per scaldarsi dopo una camminata in montagna!
Pochi ingredienti richiamano l'autunno come la zucca!

Il risotto è uno dei piatti più amati e diffusi nel Nord Italia, e lo si può preparare con una quantità esorbitante di ingredienti. Questa che vi proponiamo, è la ricetta del risotto alla zucca, un piatto autunnale prelibato e dal gusto unico.

Per preparare un risotto per 4 persone, avrai bisogno di:

  • Riso Carnaroli 320 g
  • Zucca 600 g
  • Cipolla 100 g
  • Brodo vegetale 1,5 l
  • Parmigiano Reggiano DOP 80 g
  • Vino bianco 60 g
  • Burro 50 g
  • Pepe nero q.b.
  • Sale fino q.b.
  • Olio extravergine d'oliva 20 g

Imparare a preparare un risotto può sembrare difficile, ma se segui i diversi step te la caverai alla grande:

  • Inizia col preparare un brodo vegetale che utilizzerai poi per cuocere il riso. Taglia le verdure, mettile in una pentola capiente, riempila d'acqua e aggiungi un po' di sale. Coprila con un coperchio e lascia cuocere per un'oretta. Dopodiché, filtra il brodo in modo da eliminare i pezzi di verdura e mettilo da parte.
  • Prepara ora la zucca rimuovendo i semi e i filamenti interni, puliscila, e poi tagliala a dadini.
  • Fai scaldare l'olio in un tegame, poi trita finemente la cipolla e falla soffriggere a fiamma bassa per circa 10 minuti.
  • Butta nel tegame i cubetti di zucca e lasciali rosolare per qualche minuto, mescolando spesso affinché non si attacchino. Inizia ora a versare il brodo, e continua questo procedimento mano a mano che il brodo si asciuga per circa 20 minuti, fino a che la zucca sarà tenera.
  • Nel frattempo, scalda una padella senza materie grasse e fai tostare il riso a fuoco alto, facendo però attenzione a non scottarlo. Un paio di minuti dovrebbero bastare, dopodiché potrai sfumare col vino bianco e mescolare per evitare che si incolli alla base o alle pareti della padella.
I corsi di cucina sono l'ideale per chi vuole imparare i segreti dei/delle grandi cuochi/e
Impara a cucinare i piatti tradizionali come i grandi chef!
  • Quando il vino si sarà asciugato, puoi proseguire aggiungendo il riso nel tegame con la zucca. Mescola per bene e poi inizia la cottura vera e propria del riso, che consiste nel versare un mestolo di brodo caldo ogni volta che l'insieme inizia ad asciugarsi. A seconda della varietà di riso, potrebbero volerci dai 15 ai 20 minuti.
  • Una volta che il riso sarà cotto, puoi passare alla mantecatura versando nel tegame il burro, il parmigiano, il sale e il pepe. Mescola fino a che l'insieme risulterà omogeneo.
  • Non ti rimane che aggiungere il formaggio grattugiato sul piatto e servire il risotto!

Sebbene richieda una certa attenzione, la preparazione del risotto non è poi così difficile. Questo piatto è ideale per riscaldarsi nelle serate autunnali, e può essere arricchito con spezie, formaggio e altri ingredienti!

La caponata di melanzane

In questo articolo, vogliamo proporti la ricetta più classica della caponata di melanzane, ma sei ovviamente libero/a di modificarla a tuo piacimento (facendo comunque attenzione a che tutti gli ingredienti si abbinino bene tra loro).

Una buona caponata di melanzane è perfetta nelle giornate estive.
Le melanzane sono uno degli ingredienti più utilizzati nella cucina siciliana.

La caponata di melanzane è uno dei piatti più amati della tradizione siciliana, e ogni città possiede la sua versione. Vediamo insieme come si può preparare la caponata classica in casa.

Ingredienti:

  • Melanzane 1 kg
  • Sedano 400 g
  • Cipolle 250 g
  • Pomodori ramati 200 g
  • Olive verdi da denocciolare 200 g
  • Capperi sotto sale dissalati 50 g
  • Pinoli 50 g
  • Zucchero 60 g
  • Aceto di vino bianco 60 g
  • Basilico q.b.
  • Concentrato di pomodoro 40 g
  • Olio extravergine d'oliva q.b.
  • Sale fino q.b.

Scopri ora i diversi passaggi per preparare la caponata classica:

  1. Per prima cosa, dovrai mondare la cipolla e tagliarla finemente.
  2. In seguito, prendi il sedano, spuntalo e taglialo a rondelle di ugual misura.
  3. Metti da parte metà delle olive e togli i noccioli.
  4. Lava e asciuga le melanzane, poi tagliale a cubetti di circa 2cm e mezzo di lato.
  5. Lava e taglia i pomodori.
  6. In una pentola che avrai messo sul fuoco senza materie grasse, tosta i pinoli per qualche minuto, fino a che non saranno leggermente dorati.
  7. Fai riscaldare un po' d'olio d'oliva in un tegame. Butta le melanzane poco a poco e lasciale friggere per qualche minuto. Quando saranno tenere e dorate, ritirale dall'olio e mettile su un piatto con della carta assorbente, perché l'olio in eccesso renderebbe la ricetta sgradevole. Mettile da parte.
  8. Metti sul fuoco un altro ampio tegame o una padella dalle pareti alte con dell'olio d'oliva, fallo scaldare e poi aggiungi la cipolla, facendola soffriggere per un po' prima di aggiungere il sedano. Lascia rosolare anche quest'ultimo, poi aggiungi le olive senza nocciolo, i pinoli tostati, i capperi e i pomodori. Fai tostare per qualche istante, poi copri e cuoci a fiamma dolce per circa 15/20 minuti.
  9. Approfitta di questo tempo per preparare la salsa agrodolce, unendo l'aceto, il concentrato di pomodoro e lo zucchero con un cucchiaino. Al termine della cottura, versa la salsa nel tegame con la cipolla e il sedano.
  10. Alza la fiamma e mescola fino a che l'odore forte dell'aceto non si attenuerà, poi spegni la fiamma, aggiungi le melanzane fritte e il basilico.
  11. Trasferisci il tutto in una pirofila e lascia riposare. Una volta che si sarà raffreddata, mettila in frigo: la caponata andrebbe consumata fredda, e più la si lascia riposare, più si fanno risaltare i diversi sapori!

Prima di acquistare libri di cucina nella tua libreria di fiducia o di acquistarli su Amazon, ricorda che su Superprof ci sono tantissimi insegni che potranno aiutarti a imparare i segreti della preparazione di ricette acquisite, dai primi piatti al forno ai dolci tradizionali, fino alla preparazione del pane e della pasta fresca. Contatta oggi stesso il/la tuo/a insegnante di cucina!

Bisogno di un insegnante di Cucina?

Ti è piaciuto l'articolo?

5,00/5 - 2 vote(s)
Loading...

Nicolò

Scrittore e traduttore laureato in letterature comparate. Vivo a Parigi, dove coltivo la mia passione per i libri, il cinema e la buona cucina.