La lingua latina è uno dei pilastri della lingua di Manzoni per come la conosciamo oggi. Questo è il motivo per cui un buon numero di persone si sta muovendo verso l'insegnamento, in particolare verso l'istruzione pubblica.

Ma tra scuole di specializzazione, preparazione per i 24 crediti e stipendio, a volte possiamo essere un po' persi o scoraggiati di fronte al desiderio di diventare un insegnante.

Eppure, la professione di professore di latino è piena di risorse, poiché secondo i dati del Ministero della pubblica istruzione, i latinisti oggi sono quasi 170.000, anche se nel 1920 erano 10.000. Un buon motivo per trasformare la tua passione per le lettere classiche in una vera realtà professionale.

Allora come si diventa un insegnante di latino e come ci si può integrare nel sistema educativo italiano? Quali sono i mezzi per raggiungere questo obiettivo? Tutto quanto sopra e molto altro ancora, sono qui!

Come studiare per diventare un prof di lingua latina?

Se vuoi diventare un insegnante, scegliere, tra le altre materie, il latino è un buon strumento e un buon primo passo per comprendere il funzionamento delle lingue e della grammatica in generale.

Aule vuote di un'università.
Paura di non avere studenti? Non temere, non succederà!

Ecco allora qualche indicazione:

  • Naturalmente il latino, si sa, viene insegnato al liceo, per lo più classico o scientifico. Al liceo è sicuramente più consigliabile scegliere un diploma di maturità classica, per il semplice motivo che presso un liceo classico vengono dedicate moltissime ore al latino per tutto il quinquennio. Una buona dose di lingua latina per preparare al meglio il tuo progetto professionale!
  • Molti, però, scoprono di voler studiare il latino dopo il percorso di scuola superiore, senza magari aver frequentato un liceo. E in tal caso , non è un problema , perché anche all'università è possibile apprendere la lingua latina partendo dalle basi.

Sicuramente lo studio liceale è un enorme vantaggio per chi desidera diventare un insegnante, tuttavia non è sufficiente per poter avere una formazione completa. Sicuramente vengono apprese le basi della grammatica, si impara a tradurre testi di media difficoltà, si impara la storia della letteratura latina per sommi capi: tutto questo può essere una ottima base per il futuro di insegnante!

Il corso di lettere classiche, che porta quindi a diventare un professore di lettere, specializzato in lingue antiche come il latino e il greco e ovviamente in italiano. Questa formazione è comunque la base di una cultura completa e solida: il corso ideale per l’insegnamento della lingua latina alle superiori resta quello di lettere e letterature antiche.

Quindi hai deciso di iscriverti a un percorso universitario in lettere classiche. Ma concretamente, come si presenta una formazione di questo tipo? Vedrai, è molto varia e interessante! Certamente il percorso non si limiterà agli studi di lingua latina, ma comprenderanno esami di storia, letteratura, cultura e tanto tanto altro! Chi desidera insegnare deve infatti prepararsi ad espandere la propria cultura: durante i concorsi vengono infatti moltissime domande di cultura generale! Bisognerà quindi darsi molto da fare durante il percorso formativo universitario, e non trascurare nulla.

Titoli e crediti necessari per insegnare latino

Per insegnare nelle scuole superiori è da sempre necessario aver compiuto il percorso di studi universitario in lettere classiche, avente come fulcro l'insegnamento specializzato nelle scienze umane e nelle lingue antiche, in particolar modo basato sull'apprendimento approfondito del latino.

Dopo tre anni di studio si ottiene la laurea triennale.
Ottenere la laurea triennale non garantisce l'accesso ai concorsi per insegnare!

Negli ultimi anni, in seguito alla riforma del sistema universitario, è necessario iscriversi a un corso in Filologia moderna o contemporanea (laurea triennale), che solitamente è proposto dalle principali Facoltà in Lettere e Filosofia. Dopo aver concluso il corso di laurea triennale, sarà quindi necessario specializzarsi attraverso la frequenza di un corso biennale per conseguire la laurea magistrale.

Per diventare insegnante di latino attraverso un concorso, entrando quindi in ruolo, è necessario partecipare quanto prima a uno dei bandi organizzati periodicamente dallo Stato. Bisogna quindi essere molto attenti e non lasciarsi sfuggire questa occasione! Se desideri diventare insegnante di latino nella scuola pubblica dovrai partecipare per forza a dei concorsi, e per superarli dovrai prepararti adeguatamente!

Di norma i bandi di concorso prevedono i seguenti requisiti: essere in possesso dell'abilitazione all'insegnamento oppure della laurea magistrale e di 24 Crediti Formativi Universitari (CFU) in materie psicopedagogiche.

Alla propria laurea magistrale andranno infatti integrati almeno 24 CFU in materie socio-psico-pedagogiche, a garanzia di una base didattico-pedagogica necessaria per affrontare il mestiere di insegnante. Non sono infatti sufficienti le conoscenze di grammatica latina e di letteratura: è importante essere in possesso anche di nozioni di base di pedagogia e di didattica per diventare un vero insegnante!

Quando avrai superato il concorso, è necessario svolgere un anno di tirocinio a scuola; solo allora sarà possibile acquisire la cattedra e diventare effettivamente un professore di latino! Come avrai intuito la preparazione di un futuro professore di lettere e di latino deve essere molto approfondita: durante gli anni dell’università dovrai quindi impegnarti e dare il meglio di te! La concorrenza è tanta, poiché ai concorsi partecipano tantissimi aspiranti insegnanti, tutti motivati e preparati.

Si può insegnare latino privatamente?

Certamente. Puoi farlo tranquillamente a seconda del livello di istruzione che hai. Spesso molti studenti degli ultimi anni del liceo o dei primi anni universitari aiutano i più giovani nello studio, in modo anche da mettere da parte qualche soldino. Ma non dimenticare che oggi come oggi, oltre che l'insegnamento dal vivo esiste la possibilità di usare internet per dare delle videolezioni. E il Covid-19 ci ha insegnato quanto possa essere importante l'apprendimento a distanza.

Imaprare a distanza è possibile!
Sai cos'è l'e-learning?

Come possiamo trovare impiego come insegnanti privati?

  1. Usa le piattaforme di corsi e lezioni private online. Sono un terreno fertile per qualsiasi insegnante che si rispetti, per il semplice motivo che la loro popolarità ha attratto molti studenti negli ultimi anni. Ma attenzione, la concorrenza è agguerrita, anche nel contesto dell’insegnamento del latino! Questo è il motivo per cui la tua preparazione e la tua esperienza sarà importante per distinguerti. In tal caso, non dovresti avere problemi a trovare studenti vicino a te. Sta a te definire il tuo prezzo e le tue aspettative, così da attirare studenti adatti al tuo budget e alle tue competenze.
  2. il passaparola! Questo è senza dubbio uno tra i modi più efficaci per raggiungere un pubblico ampio per promuovere il tuo apprendimento del latino.
  3. mettere annunci sui giornali. Spesso soprattutto a livello locale può funzionare come sistema. magari nei giornali di un piccolo paesino.
  4. Usa le bacheche. Un sistema ancora funzionante. Per esempio potresti provare con le bacheche della tua città o della tua università!

Quanto guadagna un insegnante di latino?

Dolente nota. Lo stipendio medio di un insegnante delle Scuole Superiori è di 1.650 € netti al mese (circa 30.600 € lordi all'anno), superiore di 100 € (+6%) rispetto alla retribuzione mensile media in Italia.

La retribuzione di un insegnante delle Scuole Superiori può partire da uno stipendio minimo di 1.350 € netti al mese, mentre lo stipendio massimo può superare i 2.000 € netti al mese. Inoltre ci sono, come in molte professioni, bonus e altri straordinari, che possono garantire un piccolo gruzzolo aggiuntivo ogni mese, o in occasioni ben precise.

Insegnare non fa diventare ricchi.
Insegnare non fa diventare ricchi.

Cosa positiva. Tutto questo ovviamente dipende da molti criteri, che variano a seconda delle situazioni e dei contesti, ma l'insegnamento nella seconda come insegnante di lettere e di latino garantisce una certa stabilità, associata anche alla diversità delle materie insegnate. In questo senso l’istruzione pubblica garantisce una grande sicurezza e una ampia possibilità di esprimersi come insegnante.

Se non vuoi insegnare latino a contratto, se la professione di insegnante è per te una passione personale, o se non hai superato il concorso nazionale per diventare insegnante, c'è sempre un'alternativa: gestire la tua carriera in modo autonomo, come insegnante privato!

Essere un insegnante privato di latino significa avere una visione opposta a quella dello status di dipendente pubblico, che fornisce una certa sicurezza sul lavoro. Significa mantenersi attraverso la propria passione, attraverso le discipline umanistiche, attraverso il latino. Non è facile, ma può dare davvero grande soddisfazione, soprattutto perché è un’attività completamente autogestita.

Creando un profilo su una piattaforma come Superprof, dove i corsi online pullulano e dove i latinisti in erba sono davvero tanti. Si tratta di una vera e propria oasi per gli insegnanti privati e per i loro studenti!

La maggior parte degli insegnanti decide autonomamente la propria tariffa oraria. Tuttavia, se vuoi avere dei clienti, è obbligatorio allinearti alla concorrenza. Perché sì, un professore di latino che ha superato il concorso avrà più possibilità di chiedere una tariffa più alta rispetto un semplice professore delle scuole che non è un vero e proprio latinista.

Un insegnante privato deve anche avere un po' di buon senso.

In media, potrai far pagare un'ora di lezioni di latino intorno ai 20 €, mentre, a seconda del tuo livello di conoscenza ed esperienza, potresti dover proporre tariffe un po' più economiche (9 € l'ora), oppure chiedere decisamente di più, arrivando a 40 €/ora!

Perciò come vedi il panorama è davvero molto ampio! Buona fortuna!

Bisogno di un insegnante di Latino?

Ti è piaciuto l'articolo?

5,00/5 - 1 vote(s)
Loading...

Igor

Traduttore e insegnante, mi occupo anche di montaggio video e recitazione. Amo la musica, dal pop italiano alla classica. Curiosità è l'anagramma del mio nome.