Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

Corsi di Latino nel XXI secolo: perché?

Di Igor, pubblicato il 30/04/2018 Blog > Sostegno Scolastico > Latino > Per Quale Motivo Seguire delle Lezioni di Latino?

Molti si chiederanno che senso possa avere imparare una lingua morta al giorno d’oggi.

L’informatica e l’industrializzazione la fanno da padrone, i laureati in lettere spesso sono costretti dalle condizioni del mercato del lavoro, a scegliere una carriera che nulla ha a che vedere con Cicerone e Virgilio.

Ma i motivi per mettersi a studiare la lingua di Cesare non mancano di certo e non sono legati solo al fatto di conseguire il diploma di maturità classica o scientifica, per liberarsi una volta per tutte della prof di Latino.

Qui di seguito troverai alcuni tra i principali motivi che ti spingeranno sicuramente ad approcciare con un occhi diverso lo studio del Latino. E se non lo hai mai studiato alle scuole superiore, potrebbe anche essere che te ne appassioni leggendo questo articolo e che tu decida quindi di prendere qualche lezione di Latino da un insegnante privato. Perché no?

Per la maturità? Lezioni private Latino!

Devi affrontare la seconda prova scritta dell’esame di maturità traducendo un brano di Ovidio o di Seneca?

Segui alcuni accorgimenti e vedrai che andrà tutto bene, anzi benissimo.

Certo, l’idea non è sbagliata, dato che la conoscenza approfondita della lingua italiana che ne ricaverai ti sarà certamente molto utile. Studi Latino per diventare scrittore?

Durante l’ultimo anno di scuola superiore, fai una check list di tutto quello che non riesci a comprendere bene fino in fondo di grammatica. Nelle ultime settimane cerca di sviscerare fino in fondo tutti i punti, in modo da arrivare inattaccabile il giorno dell’esame.

Ripassa bene anche la letteratura, che ti servirà per comprendere meglio e contestualizzare il testo di cui dovrai occuparti nel suo periodo storico. A tal proposito, quando avrai di fronte a te il brano, non iniziare a tradurre alla cieca, ma cerca di capire a quale periodo e stile appartenga l’autore.

Il tuo dizionario, poi, dovrà essere un fedele compagno di avventura: per facilitarne la consultazione, inserisci dei segnalibri in prossimità dei lemmi più importanti e più frequenti. Guadagnerai minuti preziosi per rileggere il tuo lavoro prima di consegnarlo

Per tradurre, prendi una frase per volta, individuando soggetto, verbo e predicato; ogni periodo poi deve avere un senso sia da solo, sia collegato a tutti gli altri.

Terminata la prima traduzione, riprendi in mano il dizionario e cerca di affinare i termini utilizzati; infine, scrivi tutto in un italiano corrente, scorrevole e con bella calligrafia.

Imparare Latino per entrare nella upper class

La conoscenza del Latino e dei classici dell’Antica Roma potrebbe consentirti di distinguerti dagli altri, con citazioni, padronanza della lingua italiana, facilità nell’apprendimento delle lingue straniere, …

Virgilio parlava sicuramente un ottimo Latino, ma non tutti al suo tempo potevano permettersi degli studi approfonditi Virgilio: lui sì che faceva parte dell’upper class del suo tempo!

Se questo è vero, è altrettanto innegabile che al giorno d’oggi la frequenza di scuole in cui il Latino viene insegnato non fa più da spartiacque tra una classe sociale e l’altra. E questo perché la lingua di Cicerone non viene più insegnata solamente al ginnasio, ma anche in istituti di recente formazione.

Dai quali poi usciranno componenti di una classe sociale intermedia, se volessimo attenerci a categorie sociologiche di questo tipo.

Allo stesso tempo, è vero anche che lo studio del Latino ti consentirà di approcciare in maniera più sicura carriere ti tipo medico, ingegneristico, …

Insomma, l’upper class conosce il Latino, anche oggi. Ma non è il solo ceto a saper parlare Latino.

Un altro aspetto fondamentale è però che i classici latini trasudano solidità culturale, ancorano alla realtà storica e alla civilizzazione della zona di origine. Inoltre, nell’era delle sfide multietniche, i pensatori latini aiutano a comprendere e sviscerare la complessità dell’attuale. Studiare Latino e Greco può ricreare legame, relazioni, tra le persone e le culture.

Corso di Latino e di civilizzazione dell’antica Roma

Studiare Latino, a dispetto di quello che potrebbero pensare in molti di quelli che sconoscono questa lingua detta morta, non si riduce ad apprendere verbi, coniugazioni e declinazioni.

La conoscenza della grammatica latina ti consente di leggere gli autori della Roma Antica nei loro testi originali!

La letteratura latina ha molto da offrire a noi uomini moderni. E non solo se vogliamo diventare insegnanti di Latino al Liceo o se vogliamo ricordarci i nomi dei Sette Re di Roma!

L’eredità del popolo romano è immensa: va dall’urbanistica all’architettura, dalla letteratura e la poesia all’arte, dal diritto all’organizzazione delle società e degli eserciti.

Insomma, se è vero che il Latino non è una lingua morta, allo stesso modo non possiamo considerare morti nemmeno i Romani, che vivono ancora oggi, attraverso l’influsso della loro lingua, della loro ars retorica, della loro arte, scultura e tutto il resto.

Vuoi viaggiare? Prima prendi ripetizioni Latino!

Francese, Spagnolo, Portoghese e anche Romeno derivano direttamente dal Latino. Impararle sarà un gioco. Chi parla Latino è favorito nell’apprendimento di lingue straniere per viaggiare!

Se consideriamo l’origine delle lingue moderne, l’80% delle persone che abitano attualmente in Europa parla un idioma direttamente derivato dal Latino: oltre un miliardo di persone. Impressionante, no?

Inoltre, il Latino pur essendo considerato una lingua morta rientra tra le lingue ufficiali del Vaticano, Stato Pontificio della Chiesa Cattolica di Roma.

Non è, però, più parlato in giro per le strade.

Fu in epoca medievale che iniziò la fusione e il confluire del Latino nei dialetti regionali: fu in questo periodo che ebbero origine numerose lingue dalle radici etimologiche simili, rette da uno stesso alfabeto Latino, dette poi lingue di origine romanica: Italiano, Francese, Spagnolo, Romeno, Portoghese.

Come già immaginerai, se conosci le parole e la grammatica latina, sarai facilitato nell’acquisizione di altre competenze linguistiche, degli elementi di base delle lingue straniere moderne: Inglese, Francese, Spagnolo….

Fra le lingue neo-latine, lo Spagnolo ed il Francese sono sicuramente quelle più diffuse a livello mondiale e quelle ancora più simili al nostro Italiano. La loro importanza da un punto di vista politico, commerciale e diplomatico è poi innegabile.

Queste lingue sono parlate in Europa ed anche nei Paesi Latino-americani, dal Messico all’Argentina, dalla Colombia al Brasile, per non parlare del Canada, in una parte del quale il Francese è la lingua ufficiale

Se guardi allo Spagnolo, al Portoghese, al Francese e all’Italiano, troverai che le frasi sono caratterizzate dalla stessa costruzione sintattica. Si tratta della concatenazione «Soggetto + verbo + avverbio + complemento oggetto.

Lezioni Latino e letteratura latina

L’apprendimento del latino è alla base del successo degli studenti – universitari, liceali – ma anche di ogni parlatore semplice.

Si parte dall’alfabeto: la grafia delle lingue occidentali ebbe origine tra il quattordicesimo ed il quindicesimo secolo, durante il Rinascimento: la lingua delle scienze e delle nobili arti rimase il latino, mentre altre lingue antiche si diffondevano.

Le lingue attuali vennero alla luce partendo da etimonie latine, attraverso processi di palatizzazione (una modifica fonetica di un suono), dittongo (consiste nell’associazione di due vocali), nasalizzazione dei fonemi (a livello di pronuncia), e silenziamento (consonanti e vocali divenute mute).

A Roma ancora oggi, girando per i vicoli attorno al Colosseo, puoi trovare dei centurioni veri e propri. Beh, magari, non sono proprio come quelli di 1.000 anni fa, però… Secoli di storia romana non si possono cancellare con un colpo di spugna!

Quando studi Latino, fai tuo il dizionario latino (non solo in senso materiale); conoscendo il vocabolario latino e studiando la grammatica latina, assimilerai meglio la lingua italiana e il suo utilizzo.

Poi vi sono molte frasi in Latino che si ripetono anche nella vita comune: nonni e genitori, insegnanti e preti, … il Latino non è una lingua morta.

Considera poi che per tradurre un testo latino, devi conoscere approfonditamente l’analisi grammaticale e l’analisi logica, che ti consentono di dare ad ogni termine e ad ogni verbo una posizione specifica e una funzione precisa all’interno della frase.

Ma questo ti consentirà anche di capire le lingue straniere, soprattutto quelle neo latine.

La top ten delle ragioni per seguire un corso latino

Nel caso non ti fossero bastate le pagine appena lette, ti riassumiamo altri 10 buoni motivi per studiare il Latino.

  1. Con la conoscenza del Latino potrai leggere la letteratura classica e interpretare le belle frasi (e quindi citarle nelle occasioni giuste e senza sbagliare le desinenze).
  2. Lo studio del Latino predispone la tua mente alla riflessione, a migliori disposizioni cognitive.
  3. Lo studio approfondito della grammatica e di tutti i suoi intrecci ti aiuta ad acquisire rigore e metodo in tutto quello che fai.
  4. È inevitabile: qualsiasi cosa tu apprenda, aumenta il tuo bagaglio culturale e quindi la tua cultura generale. E questo vale anche per il Latino.
  5. Sapendo il Latino, ti sarà più facile imparare lingue straniere come lo Spagnolo, il Francese, il Portoghese, il Romeno (e l’Italiano, se sei uno straniero).
  6. Il Francese ha una struttura morfologica e sintattica così simile al Latino e all’Italiano, che lo studio di tutte e tre potrebbe farsi assieme.
  7. Con delle lezioni private di Latino potrai migliorare i tuoi risultati scolastici.
  8. Il Latino poi costituisce una base in più per i tuoi studi universitari: di medicina (etimologia di molti termini), di giurisprudenza (il Diritto Romano, il Diritto Ecclesiastico, le espressioni utilizzate da avvocati e giudici e giuristi, per non parlare delle basi del diritto in generale),…
  9. Il Latino è fondamentale per l’esercizio di alcune professioni (e non parliamo di quella del prete, ovviamente): archeologo, etnologo, sociologo della latinità, insegnante e ricercatore in materie classiche, filologo delle lingue antiche, …
  10. Comprendere meglio di molti tuoi amici le ambientazioni di film ispirati alla latinità, come Asterix e Obelix 😉
Condividi

I nostri lettori apprezzano questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...

Lascia un commento su questo articolo

avatar