La danza è un modo di vivre, la danza è il ritmo della vita

Samuel Lewis

Se hai trovato finalmente la scuola di danza che fa per te, è arrivato il momento di chiederti di quale tenuta avrai bisogno per frequentare le lezioni.

Alcune scuole, come quelle legate ai Conservatori o ai teatri principali delle città, impongono dei codici molto rigidi a livello della tenuta della ballerina o del ballerino classico: body, collant, scarpe, pettinatura, … Tutto deve corrispondere ai dettami; a volte, anche lo stesso colore del body non può essere scelto dalla danzatrice.

Tuttavia, nella maggior parte delle scuole delle nostre città, la tenuta per le lezioni di danza non sarà imposta, ma eventualmente solo consigliata, in quanto più appropriata al tipo di danza.

Ecco il nostro focus sui vestiti che puoi indossare durante le lezioni di danza classica.

I costumi da danza: il body

Danza classica, danza moderna, tutù, body semplice, … Scegli in base al tuo gusto e al tipo di danza.
Per la tua tenuta da ballo, hai un’ampia scelta!

Il body assomiglia ad un costume da bagno olimpionico, intero; permette alla danzatrice o al ballerino di effettuare tutti i movimenti del caso, senza che questi si sentano a disagio e permettendo a chiunque (in particolare al maestro o alla maestra) di vedere la correttezza dei passi e gli eventuali errori. Il body è stato inventato da Jules Léotard, un trapezista francese, che ne aveva bisogno per i suoi spettacoli.

Non va ovviamente confuso con il body intimo o con l’accademico (quello indossato dalle ballerine di danza moderna). Il body è indossato, nella maggior parte dei casi, senza biancheria intima al di sotto. I collant sono in genere indossati sotto il body.

Quando al body viene cucita una gonnellina di raso, l’ensemble prende il nome di tunica. Altrimenti, può essere portato con una gonnellina aggiuntiva, più o meno lunga, uno short, dei leggings, un pantalone, un cache-coeur, …

Quando sceglierai il tuo body, potrai optare per una forma specifica, in funzione della tua morfologia e delle tue preferenze:

  • Bretelle larghe,
  • Bretelle sottili,
  • Bretelle  incrociate sulla schiena,
  • Schiena nuda
  • Girocollo
  • Maniche corte,
  • Maniche a ¾,
  • Maniche lunghe,
  • Con pantaloncino integrato, …

La seconda scelta con cui dovrai confrontarti riguarda il materiale del body. Un tempo, erano realizzati in cotone. Si tratta di un materiale molto confortevole, ma che impedisce alla pelle di liberarsi facilmente del sudore. Inoltre, in seguito a più lavaggi, può diventare via via più rigido. Non esitare a testare, allora, diversi materiali: ne trovi in lycra, in elastame, in microfibra, in poliestere, in poliammide, in tactel, … Ciascuno di questi materiali presenta dei vantaggi, ma anche degli inconvenienti: dovrai testarli e valutare da sola quello con cui ti trovi meglio.

La cosa migliore resta, prima di tutto, di fare dei test già all’interno del negozio; evita l’acquisto online, quando si tratti della tua prima volta: ogni marca veste diversamente e la tua taglia potrebbe variare anche da un modello all’altro. Un body deve essere portato aderente, senza tuttavia che questo ti lasci delle tracce sulla pelle, una volta che lo levi. Verifica che le bretelle stiano al loro posto e verifica di riuscire a muoverti, senza sforzo, provando alcuni passi base all’interno del negozio.

Per il colore, (maestra di danza a parte) hai la più ampia libertà di scelte: rosa, rosso, nero, bianco, blu, verde, … Ce n’è veramente per tutti i gusti.

L’abbigliamento da danza e le scarpe a punta

Per le punte, ci sarà tempo, una volta che la caviglia si sarà rinforzata, così come il piede.
Le principianti dovranno scegliere più che altro le mezze punte!

Se le punte fanno sognare tutte le bambine, non potrai iniziare con queste! Prima di salire sulle punte, dovrai avere le caviglie solide, per non rischiare di farti male. In genere, le ragazzine iniziano a lavorare sulle punte a partire da 11 a 12 anni di età, in funzione della morfologia e della forza a livello dei piedi e delle caviglie.

Il lavoro sulle punte è molto stancante e richiede di acquisire una certa tecnica, prima di poter provare. Se inizi la danza classica in età adulta, dovrai ugualmente pazientare un po’ prima di salire sulle punte.

Dovrai prima investire su delle buone mezze punte, prima di immaginarti mentre fai salti, piroette e passi vari sulle tue punte nuove.

Esistono numerosi modelli di scarpe da danza. Per aiutarti nella scelta, eccoti alcuni criteri da prendere in considerazione seriamente:

  • La soletta delle mezze punte: quando si inizia, il consiglio che viene dato è quello di scegliere una soletta intera, in quanto aiuta il sostegno del piede ed assicura una buona stabilità. Una volta che avrai raggiunto un livello intermedio, sarà possibile passare alle mezze punte con solette separate, nelle quali la parte centrale del piede è lasciata libera nella scarpa, in modo che possa mettersi in punta più facilmente. Rinforzi in cuoio sono a volte disponibili sotto il tallone sotto la parte anteriore del piede;
  • Il materiale della scarpa: il cuoio è più duraturo nel tempo, ma meno elastico. La tela è molto morbida, ma si consuma più rapidamente; in questo caso, dovrai acquistare delle mezze punte nuove, non appena spunteranno i primi buchi. Ne esistono anche dei modelli in raso (come le punte) o in un’abbinata di materiali, una parte in cuoio e l’altra in tela o elastam, per una maggiore morbidezza;
  • Il colore: i colori più diffusi sono il rosa, il beige e il nero, ma ne puoi trovare anche di bianche o di rosse.

Per le punte, invece, i criteri da seguire sono diversi:

  • La larghezza: stretta, media o larga, in funzione della larghezza del tuo piede. Se ti senti stretto quando sali sulle punte, allora, dovrai prendere una larghezza maggiore; al contrario, se scivoli nelle scarpe quando ti muovi, allora, dovrai stare su una misura di larghezza inferiore;
  • La durezza della soletta: le principianti iniziano da una soletta morbida, per aumentare mano a mano che lo studio della danza (e i progressi) avanza. Ad ogni nuovo acquisto, dovrai chiederti se sia giunto il momento di passare ad una scarpa più dura o meno;
  • L’empeigne (o impronta): più o meno lunga, è la parte che ricopre le dita dei piedi;
  • La forma dell’interno della scarpa: potrà essere più quadrata o più conica, in funzione della forma del tuo piede.

Quanto costa vestire le ballerine di danza classica?

Durante le lezioni in corso d’anno, invece, la scelta dell’abbigliamento sarà meno rigida e più libera.
Per lo spettacolo di fine anno, il maestro potrebbe chiederti di investire in una tenuta diversa.

Studiare danza classica richiede un certo investimento economico nel corso, ma anche nella tenuta di danza. Potresti accontentarti di una t-shirt e di un pantalone, ma in realtà la danza classica richiede di essere totalmente liberi nei movimenti. La combinazione body – collant – scarpe è, dunque, la base perché tu possa essere a tuo agio.

  • Il body: metti da parte tra 15€ e 60€, in funzione della forma che sceglierai e della marca. Domyos propone dei body a 15€, ma dovrai spendere di più se vorrai indossare un capo Temps Danse, Repetto ou Wear Moi,
  • I collant: non si tratta dei collant da città che si rovinano al primo movimento di troppo. I collant da danza sono rinforzati e più resistenti. Devi considerare un costo di una decina di Euro per un paio di collant, ma non esitare ad acquistarne più d’uno, per evitare di ritrovarti senza,
  • Le scarpe da danza: qui, spenderai tra 7€ e 60€, in funzione del materiale scelto e della marca. Le mezze punte Bloch sono più care delle Dansez-vous. Se vuoi invece delle punte, non spenderai meno di 55€,
  • Le altre possibilità: leggings, pantaloni, tunica, top aderente, reggiseno sportivo, … La scelta non manca, se non ti senti a tuo agio infilandoti body e collant. Al contrario, dovrai spendere un po’ di più: almeno 45€ in media per ogni accessorio,
  • Gli abiti per il riscaldamento: cache coeur, ghette, stivaletti da riscaldamento, combinaison, … I prezzi variano fortemtente, in funzione di quello che scegli,
  • Gli accessori per la danza: borsone per la palestra, accessori per i capelli, protezione per le punte, … Sei libera di investire sugli accessori, che ti fanno voglia, ad un prezzo conveniente.

Una tenuta semplice da ballerina (body, collant e scarpe) costa in media 55€, ma tutto dipende da quello che scegli tu!

Non solo costumi da danza: il maquillage prima dello spettacolo

L’effetto sbiancante dei riflettori e la distanza dal pubblico vanno colmati con un make-up intenso.
Prima di salire sul palco, fatti un trucco più intenso!

Se ti stai preparando per lo spettacolo di fine anno a teatro, dovrai pensare anche a procurarti il make-up necessario e, soprattutto, dovrai imparare ad usarlo correttamente per lo scopo.

La cosa più importante da sapere è che il maquillage da scena è fatto per essere visto, anche da lontano. Il pubblico non sarà vicino a te (nemmeno la prima fila, a dire il vero) e le luci dei proiettori hanno la tendenza a rendere i visi più pallidi. Così, non dovrai esitare a forzare il colore sui tuoi occhi, sulla tua bocca e sulla tua pelle.

Inizia con il truccare i tuoi occhi, con tre fard per palpebre. Applica per primo il più chiaro, il medio per secondo e quello scuro per ultimo, solo sull’esterno della palpebra superiore. Poi, metti il tuo eyeliner, ma di una tonalità più scura rispetto a quello che metti nella vita di tutti i giorni. Ora non ti resta che mettere il mascara, in strati generosi, per allungare le tue ciglia.

Passa, in seguito, alla pelle del viso: procurati un fondo tinta liquido, da applicare dall’interno all’esterno del viso. Spargi della polvere, per rendere più matta la tua pelle ed evitare che non luccichi sulla scena. Puoi anche metter del fard sulle guance, per aumentare il contrasto.

Trucca ora la tua bocca con un rossetto matto. Il brillante non spicca con le luci del palcoscenico. La cosa migliore è quella di metterlo con il pennello, dopo aver messo un contorno labbra. Termina con il ridisegnare le sopracciglia, per accentuarle.

Allora, ci vediamo a lezione di danza classica?

Bisogno di un insegnante di Danza?

Ti è piaciuto l'articolo?

5,00/5, 1 votes
Loading...

Charlotte

Lettrice plurilingue, appassionata di entomologia e robotica.