Pagina iniziale
Dare lezioni
,
Cerca vicino a casa mia Online

Top ville

Pagina iniziale
Dare lezioni
Eccellente
commenti

La nostra selezione di insegnanti privati/e di fotografia a Catania

20 €/ora

Le migliori tariffe: il 100% dei/delle nostri/e insegnanti offre la prima ora di lezione. In media, le lezioni di fotografia a Catania costano 20€.

6 h

Veloci come saette, i/le nostri/e insegnanti ti rispondono in 6h.

Imparare non è mai
stato così semplice

2. Organizza le tue lezioni private di fotografia a Catania

Parla con l'insegnante di fotografia per condividere le tue necessità e disponibilità. Programma le lezioni di fotografia e pagale in tutta sicurezza attraverso la chat Superprof. Imparare la fotografia a Catania non è mai stato così facile.

3. Vivi nuove esperienze

Il "Pass Alunno" ti consente l'accesso illimitato a tutti/e gli/le insegnanti, coach, maestri/e alle masterclass di Fotografia a Catania, o in altre città, oppure online, per 1 mese. Un mese intero per scoprire nuove passioni.

Le domande più frequenti:

🧑‍🏫Quanti/e fotografi/e sono disponibili per impartire lezioni private di fotografia a Catania?

A Catania e dintorni ci sono 4 insegnanti disponibili per corsi privati di fotografia.

 

I criteri che dovresti tenere in conto per selezionare l'insegnante più adatto/a a te sono:

  • La tariffa. Oltre al costo orario, puoi verificare se l'insegnante propone un pacchetto di più ore, o altre tariffe speciali.
  • La distanza dal tuo domicilio.
  • L'esperienza dell'insegnante e la sua formazione in relazione al livello ricercato; per ogni esigenza esiste l'insegnante adatto/a!
  • Le valutazioni degli/delle ex allievi/e.

Vedrai che seguendo questi criteri, trovare l'insegnante ideale sarà facilissimo

💸 Qual è la tariffa media di un/una professore/essa di fotografia a Catania?

Il prezzo medio di un/una maestro/a di fotografia a Catania varia a seconda dell'insegnante e dipende da tre fattori:

  • Dell'esperienza dell'insegnante di fotografia.
  • Il luogo in cui avranno luogo i corsi: a casa dell'alunno/a, a casa del/della professore/essa, a distanza o in un altro luogo, come uno studio fotografico o uno spazio all'aperto?
  • La frequenza e la continuità dei corsi privati.

 

Scopri le tariffe degli/delle insegnanti vicino a te con una semplice ricerca su Superprof.

💻 Si può imparare l'arte della fotografia a distanza con un/una maestro di Superprof?

Certamente! La maggior parte dei/delle nostri/e insegnanti, oltre a dispensare lezioni presenziali, propongono corsi a distanza.

 

Le lezioni a distanza sono meno care rispetto a quelle faccia a faccia perché non ci sono supplementi di spostamento e sono più flessibili con l'orario perché si risparmia il tempo del tragitto.

 

I corsi di fotografia a distanza sono un'ottima opportunità per coltivare il proprio talento. Ti basterà avere un computer, una connessione a internet e la tua macchina fotografica a portata!

✍🏻 A Catania, qual è il voto medio che hanno ricevuto maestri di fotografia?

Con commenti ricevuti, i/le insegnanti di fotografia hanno ottenuto un voto medio /5.

 

Dietro Superprof c'è un'equipe disponible dal lunedì al venerdì per aiutarti a risolvere eventuali problemi. Puoi contattarci per telefono o via mail.

 

Hai qualche domanda ulteriore? Visita la sezione delle FAQ, oppure contatta il nostro servizio clienti, disponibile 5 giorni su 5, troverai delle persone disponibili e pronte a rispondere alle tue domande.

 

Puoi contattarci via telefono o per mail.

📸 Per quale ragione seguire un corso a domicilio di fotografia a Catania?

La fotografia è una disciplina sempre più universale, e grazie all'avvento del digitale è ormai alla portata di tutti/e.

 

In molti sono però erroneamente convinti che basti possedere uno smartphone o una macchinetta digitale per considerarsi fotografi.  Senza dubbio le cose sono molto più complesse: la fotografia richiede una serie di competenze, oltre che una certa sensibilità artistica. Se sei sempre stato/a affascinato/a dal mondo delle immagini, prendere qualche lezione di fotografia potrebbe davvero aiutarti a migliorare i tuoi scatti.

 

Contrariamente a quello che pensano in molti, i corsi privati di fotografia non si rivolgono solo agli/le aspiranti fotografi/e che conoscono già le tecniche fotografiche di base, ma anche ai principianti assoluti.

 

Che cosa aspetti a entrare in contatto con i/le nostri/e insegnanti di fotografia a Catania?

Voglia di iimparare?

Potrai scegliere tra moltissimi insegnanti di talento!

Visualizza più insegnanti Inizia subito

Essere seguiti dai/dalle migliori insegnanti di Catania per un corso fotografia

Mettere a fuoco a Catania 

La messa a fuoco è probabilmente uno dei capitoli chiave della fotografia.

Non è possibile, infatti, ottenere risultati soddisfacenti senza padroneggiare un minimo di trucchi per svolgere al meglio questa operazione preliminare.

Anzi, se per noi si tratta di un’“operazione”, per i fotografi si tratta di un atto automatico, quasi inconscio. Si mette a fuoco proprio mentre si impugna il dispositivo con cui si scatterà la foto.

Scopo e pratica della messa a fuoco

Garantire nitidezza al soggetto di una fotografia è l’obiettivo principale della messa a fuoco.

Modificando la distanza tra le lenti dell’obiettivo ed il sensore, si ottiene una proiezione definita dell’immagine da fotografare sul sensore stesso.

Le fotocamere con messa a fuoco automatica, di solito, prevedono un doppio uso del pulsante di scatto. Per mettere a fuoco, piuttosto che “premere il grilletto” fino in fondo, ci si ferma a metà corsa, prima di effettuare il vero scatto.

Con gli smartphone, generalmente, è sufficiente, una volta inquadrato il soggetto, toccare lo schermo nel punto esatto in cui appare il particolare che vogliamo mettere a fuoco prioritariamente. Si scatta in seguito dal pulsante a ciò preposto.

Tutti gli apparecchi con cui oggi fotografiamo, dagli smartphone alle più sofisticate e professionali macchine mirrorless, sono dotati anche di una messa a fuoco manuale, scelta amata dai veri cultori, nonché obbligata qualora le condizioni di luce e contrasto siano insoddisfacenti.

Il bilanciamento del bianco

Fra i termini e le frasi spesso sentite parlando di fotografia, figura il cosiddetto “bilanciamento del bianco”.

Quest’operazione è utilissima, ai fini degli effetti, poiché consente di regolare il modo in cui la fotocamera distingue l’effetto dei colori tra le luci che caratterizzano la scena fotografata.

Per ogni tipo di luce, in effetti, esiste una temperatura specifica, la quale comporta un annesso effetto cromatico. Ogni fotocamera deve allora essere regolata i modo da ben riconoscere le temperature.

Ed ecco le indicazioni chiave dei valori tipici, in cui la lettera “K" indica il valore Kelvin: Tungsteno 2850K, Luce diurna 5150-5500K, Ombra 7000K.

Bilanciare correttamente il bianco scongiura errori cromatici dovuti a cattiva interpretazione dei colori della scena da parte del dispositivo che fotografa. Al contempo, saper usare in modo particolareggiato questa funzione, può permettere di sfruttare a fini creativi i cosiddetti “viraggi cromatici” che una foto realistica vuol rifuggire.

La fotografia è arte e come tale consiste in una rappresentazione altamente soggettiva della realtà.

Il genere di fotografia

Chi sceglie di specializzarsi nella fotografia, di solito, ha una sensibilità artistica spiccata: ama i visi, i paesaggi, gli animali o le auto. Insomma, esistono fotografi onnivori e fotografi che arrivano a questa passione partendo da altre passioni assai specifiche: le auto d’epoca, i percorsi innevati, gli sport invernali…

Ogni tipo di foto richiede bravura e dedizione in ambiti diversi dell’analisi e della pratica.

Alla base o contestualmente alla scelta del soggetto da fotografare, sta il radicamento in un genere specifico di fotografia. Il fotografo, tuttavia, ama guardare sempre e comunque il mondo con gli occhi del suo mestiere, anche quando non si trova in un luogo come fotografo professionista o artista della foto. Alcuni generi e soggetti sono “praticati” da un gran numero di fotografi: è il caso dei paesaggi, dei matrimoni, dell’architettura e della ritrattistica.

Altri generi, invece, risultano essere più elitari, di nicchia: l’astrofotografia, la fotografia subacquea, la fotografia sportiva, la fotografia fashion, …

Esistono, poi. dei settori ultra-specializzati, che di solito sono scelti congiuntamente a specializzazioni professionali: pensiamo alla macrofotografia in ambito biologico; ai reportage, alla fotografia documentaria, alla fotografia di viaggio ed alle fotografie di guerra in ambito giornalistico; alla street fotography dell’etnografia; alla fotografia glamour o alla still life photography (che ritrae oggetti inanimati casualmente disposti). Questi generi sono amati e praticati dai dilettanti, quanto da artisti di nicchia.

Scegliere un soggetto per scattare una fotografia a Catania

La scelta del soggetto da ritrarre tramite foto è operazione preliminare, più della stessa messa a fuoco.

Il soggetto può essere ripreso così come si trova nella realtà oppure composto e posizionato ad hoc. Naturalmente, le cose cambiano, se si tratta di un soggetto vivente o di un soggetto statico ed inanimato.

Il tema prescelto per una foto andrà collocato al centro dell’inquadratura o in primo piano (ovviamente, parliamo di foto scattate da principianti). In linea generale, il soggetto prescelto dovrà avere la minore distanza dalla fotocamera, rispetto a tutti gli oggetti presenti. Delle lenti focali corte consentono di esaltare l’effetto prospettico.

In seguito, si regolerà la distanza di messa a fuoco sul soggetto, riducendo la profondità di campo, tramite focali lunghe o diaframmi molto aperti, sicché il soggetto possa emergere come l’unico elemento a fuoco in tutta la foto (ciò vale particolarmente nei ritratti e nella macrofotografia).

Si può ricorrere a tecniche di sovra-esposizione o sotto-esposizione, ad esempio tramite illuminazione artificiale, facendo in modo che il soggetto principale sia illuminato correttamente, e tutto il resto resti in penombra, indefinito o addirittura “bruciato” dall’eccessiva esposizione.

Detto questo, eccoci alla scelta della tua prima fotografia catanese da vero fotografo.

Sebbene siamo certi che tu abbia già molti selfie scattati nella città dell’elefante, certamente non avrai mai riflettuto, prima d’ora, sulla predisposizione per la foto ideale.

Poniamo il caso che tu voglia davvero ritrarre il famigerato elefante, sito in Piazza del Duomo.

Devi decidere dapprima se vuoi che l’elefante sia il vero protagonista dello scatto o che esso si presenti sì, in primo piano, mettendo tuttavia a fuoco il duomo retrostante, con un effetto altamente artistico e surreale. In tal caso, l’elefante primeggerebbe, ma fluido, indefinito, a differenza della basilica, che troneggerebbe coi suoi lineamenti architettonici ben nitidi e riconoscibili.

Per cosa propendi?

Inizialmente potresti preferire una foto semplicemente corretta, col bianco ben bilanciato, l’esposizione lineare e “scolastica”. E probabilmente hai ragione: prima si cammina e poi si corre!

Se ami i paesaggi, puoi recarti nel porticciolo di Acitrezza o poco distante, sotto la torre di Acicastello. E qui potrai sbizzarrirti a provare a catturare: il mare, le onde, il blu, la schiuma bianca, i faraglioni (la pietra lavica), le costruzioni, il centro storico, la pietra con cui tutto è costruito. Naturalmente, è evidente che ritrarre il mare non è come ritrarre una torre: i parametri variano, se intendi mantenerti nell’ambito di una foto classica. Foto architettonica o paesaggistica? Scegli di che umore fotografico sei oggi, mentre visiti da artista Catania e dintorni.

Che cosa vuoi imparare?