Musica Lezioni private Lingue straniere Sostegno Scolastico Sport Arte e Svago
Condividi

È possibile fare pronostici sulle tracce di francese della maturità?

Scritto da Alice, pubblicato il 27/09/2017 Blog > Lingue straniere > Francese > Previsioni sulle Tracce di Francese all’Esame di Maturità!

A volte capita di rimpiangere l’esame di scuola media, di solito quando si arriva a quello di maturità!

In cortile, durante l’intervallo, ai futuri candidati piace giocare a fare gli indovini, tra chiaroveggenza e studio delle probabilità sugli argomenti delle tracce delle prove d’esame.

Chiedono il parere dei professori, dei loro genitori, dei loro amici dell’ultimo anno… in pratica, per sfidare l’angoscia, giocano a fare Nostradamus!

Tuttavia, se scommettere è divertente, non bisogna credere troppo alle voci di corridoio. I liceali cercano spesso di indovinare i probabili argomenti per alleggerire il carico di lavoro e non concentrarsi troppo su alcune parti del programma del corso di francese.

Il rischio è quello di trascurare proprio l’argomento oggetto dell’esame!

È allora possibile fare dei pronostici?

Si può sicuramente usare l’intuito, ma… è consigliabile o si rischia di essere ricordati tra le perle dell’esame di maturità?

Nel corso dell'anno gli studenti tentano di indovinare le tracce che si troveranno ad affrontare in sede d'esame e cercano la strategia migliore per individuarle. Una strategia infallibile per scoprire le tracce in anteprima?

La risposta è negativa!

Si possono invece seguire alcuni preziosi consigli per superare al meglio l’esame di francese!

Seconda prova dell’esame di maturità 2018: la data

I candidati sondano il web digitando ogni possibile chiave di ricerca:

  • «possibili tracce maturità 2018»
  • «argomenti prova di francese 2018»
  • «pronostici maturità francese 2018»

Più si avvicina il momento dell’esame più i candidati si mettono sotto con il ripasso.

Come tutti gli anni, ci saranno due tipi di studenti: quelli che si metteranno a ripassare forsennatamente all’ultimo minuto e quelli più previdenti che avranno già alle spalle diverse settimane (o mesi) di ripasso.

E voi, di quale schiera fate parte? E avete già scommesso su un possibile argomento d’esame per il 2018? Quale movimento letterario vi ispira maggiormente?

Comunque sia, per tutti i candidati che affronteranno francese alla seconda prova, la data fatidica sarà giovedì 21 giugno, mentre la terza prova avrà luogo lunedì 25 giugno.

Nell’attesa, per la vostra prova scritta e per l’orale, ecco alcune citazioni che sarà utile tenere a mente (anche per strapparsi una risata):

Una vita senza esami non vale la pena d’essere vissuta.

Socrate

Sono stato espulso dal college per aver copiato durante un esame di metafisica: leggevo nei pensieri del mio compagno vicino.

Woody Allen

Gli esami? Dopotutto, perché dovremmo risolvere noi in quindici giorni quello che altri ci hanno messo quindici anni a non capire.

Daniel Cohn-Bendit

La comprensione del testo, prima parte dell’esame

La prima parte dell’esame richiede un’analisi del testo a scelta tra le quattro tracce proposte tra questi ambiti:

  • Ambito Attualità
  • Ambito Storico Sociale
  • Ambito Letteratura
  • Ambito Artistico

In questa parte dell’esame il candidato potrà mostrare le sue conoscenze linguistiche e letterarie.

Di solito questa parte dell’esame viene ritenuta più facile dagli studenti che trovano rassicurante avere un testo a supporto.

La produzione del testo, la parte più temuta dagli studenti

La seconda parte della prova scritta richiede la stesura di un breve testo (circa 300 parole) su un tema specifico; ecco i timori più comuni:

  • La mancanza di conoscenza del soggetto che porta a una redazione scarna
  • Il rischio di andare fuori tema
  • La difficoltà di mettere a frutto le competenze acquisite durante l’anno nella redazione del testo

    L'esame scritto si divide in due parti, la prima volta ad accertare la comprensione del testo, la seconda utile per valutare la produzione scritta del candidato. Studenti alle prese con la comprensione e la produzione del testo alla seconda prova!

Proprio per questo è essenziale esercitarsi durante l’anno nella stesura dei testi per capire come approcciarsi a questa prova che richiede metodo e organizzazione.

Bisogna saper individuare le parole chiave da utilizzare e anche essere in grado di portare avanti una riflessione che sia contemporaneamente personale e argomentata, mettendo in risalto le proprie conoscenze.

Un allenamento che si porta avanti in classe al corso di francese durante tutto l’anno!

Come sono scelte le tracce della seconda prova?

Le tracce vengono scelte dal Ministero dell’Istruzione tra le proposte elaborate da un gruppo di esperti tra i quali alcuni presidi, insegnanti di scuole superiori e docenti universitari.

Poiché costruirle non è un gioco da ragazzi, il lavoro comincia già mesi prima; le tracce scelte restano però blindatissime e anche chi ha lavorato per proporle non conosce tutta la rosa né la decisione finale, per evitare fughe di notizie.

Dopo la scelta da parte del Ministero delle tracce per la seconda prova, queste vengono secretate in modo che nessuno possa conoscerne in anteprima il contenuto. Nessuna fuga di notizie sulle tracce scelte che sono conservate al sicuro!

Tracce di riserva sono comunque previste nel caso in cui qualcosa dovesse trapelare, ma la sicurezza relativa a queste è impressionante. Sono in effetti conservate con livelli di protezione altissima, accesso strettamente riservato, a prova di qualsiasi hacker!

In più, i membri della commissione sono tenuti a tenere il segreto: una traccia scartata un anno può infatti diventare la prescelta l’anno successivo!

Una cosa è certa: se è vero che le tracce saranno decise con larghi mesi d’anticipo, a voi toccherà aspettare fino al 21 giugno per scoprirle… nel frattempo, meglio dare un’occhiata a tutto il programma del corso!

Le tracce della seconda prova negli anni passati

Come avrete capito, impossibile fare pronostici, a parte uno: con un buon lavoro costante durante tutto l’anno, qualche ripetizione di francese e alcuni accorgimenti otterrete ottimi risultati e senza inutile stress!

Per gli studenti il tototraccia di fa sempre più pressante man mano che si avvicina il giorno dell'esame. Si consiglia di non affidarsi completamente a questi pronostici ma di ripassare tutto il programma. Non seguite il cattivo esempio di vostra zia per il tototraccia!

Se è vero che “del doman non v’è certezza” sappiamo per certo cosa è successo negli anni passati. Se siete curiosi di scoprire le tracce della seconda prova vi consigliamo di dare un’occhiata approfondita al sito del Miur: qui potrete trovare le tracce dello scorso anno su cui esercitarvi e quelle degli anni precedenti!

Può capitare la stessa traccia per due anni di fila?

Importante precisarlo: la stessa identica traccia non capiterà mai due anni di fila. Tuttavia, può presentarsi la stessa tematica alla prova di francese.

Allo stesso modo, se un testo è stato analizzato sotto una certa angolazione, può essere riproposto da un altro punto di vista.

Per esempio, un anno i candidati possono trovarsi alle prese con la libertà nella poesia, attraverso estratti che ne evocano la percezioni, la sua assenza oppure che la contengono al loro interno, con le libertà di stile di scrittura che gli autori si prendono, come nel caso dei Fleurs du Mal di Baudelaire o i Calligrammes d’Apollinaire.

L’anno successivo, la poesia può essere oggetto di una traccia che ruota intorno all’amore, il sentimento amoroso nella giovinezza e in eta adulta, da Ronsard fino ad arrivare a Aragon.

Ad ogni modo, i professori affrontano tutti i temi nel programma delle lezioni di francese.

Anche se non pensano che uno stesso tema possa uscire due anni di fila, hanno l’obbligo di rivedere tutti gli argomenti, anche in vista dell’esame orale.

Si può tralasciare un argomento?

Tralasciare un argomento del programma rappresenta un rischio non trascurabile di ottenere un voto inferiore alla media.

Le ragioni per cui si può decidere di farlo sono diverse: mancanza di tempo, gusti letterari non proprio in linea con l’argomento, pigrizia…

Per esempio, anche se detestate l’opera di Zola e il naturalismo in generale, sarete obbligati a leggere le opere e a comprenderne i meccanismi. Lo stesso varrà per la poesia, parte fondamentale del programma.

La totalità di esso deve essere rivista e padroneggiata. Fate tesoro di tutto il materiale messo a disposizione durante le lezioni di francese, ripassa le nozioni più importanti optando per un corso di francese online; il professore distribuisce spesso schede di sintesi importanti per la comprensione.

Organizzate una seduta di ripasso con un amico che adora il ciclo Rougon-Macquart e che potra trasmettervi tutto il suo entusiasmo.

Se restate soli o tra compagni che odiano le opere quasi scientifiche di Zola, non vedrete il genio di quest’autore che tratteggiava il popolo del XIX secolo con una maestria senza eguali.

Ci sono tanti modi (alcuni anche divertenti!) per migliorare!

I corsi di francese individuali sono spesso frequentati nel corso di tutto l’anno o nell’ultimo trimestre per dare una spinta ai propri ripassi.

Tuttavia, è possibile prendere lezioni di francese una tantum.

Ad esempio, in 4 ore, un professore di francese può spiegarvi – se la lezione è individuale – tutti gli ingranaggi del naturalismo, gli autori di riferimento, le date chiave, le opere da conoscere e le conoscenze da mettere su carta al momento dell’esame.

Trovare l’argomento giusto della prova di francese: e se fosse tutta questione di preparazione?

Se cominciate a stressarvi per l’avvicinarsi delle prove d’esame e vi chiedete già quale argomento uscirà per le prove di francese, fate in modo di essere il più preparati possibile per arrivare sereni all’appuntamento.

Potete anche seguire qualche consiglio per prepararvi al meglio:

  • Preparare un programma di ripasso (realista e realizzabile) e rispettarlo
  • Non trascurare nessun argomento e non tentare di indovinare l’argomento
  • Allenarsi nei diversi stili di scrittura (commento, dissertazione, scrittura di fantasia)
  • Leggere e rileggere
  • Preparare schede di ripasso
  • Imparare a gestire il tempo a disposizione

Ricordatevi anche di rilassarvi e trovare momenti per staccare. Per assimilare efficacemente, il cervello deve anche riposarsi. Dunque, evitate il sovraccarico. Premiatevi uscendo e praticando attività fisica. Una tecnica infallibile per scaricare stress!

Per arrivare sereni e rilassati all'esame di maturità, è importante anche scaricare le ansie e lo stress attraverso la pratica dell'attività sportiva. Prima dell’esame, imparate a scaricare lo stress grazie allo sport!

E, per finire, ecco alcune astuzie che vi aiuteranno sicuramente il giorno dell’esame:

  • Tenete a mente una serie di citazioni per illustrare le vostre testi. Scrivete alcune schede per tematica/genere: conoscere bene le citazioni permette di inserirne una al momento opportuno!
  • Imparate a gestire perfettamente i differenti registri, generi, figure retoriche e procedimenti letterari con alcuni esempi di autori, all’occorrenza. La soluzione migliore per non consegnare in bianco nel caso in cui uscisse un soggetto che proprio non vi aspettavate!
  • Non trascurate le riflessioni precedenti alla stesura in bella copia nella speranza di risparmiare tempo. Ricordatevi che più la vostra mappa di idee è completa (idee, argomenti, esempi, riferimenti, definizioni…) e più punti guadagnerete. Una volta che avrete le cose ben chiare in testa, la redazione sarà facilitata.

Le prove scritte saranno a giugno, quindi tranquillizzatevi: c’è ancora tutto il tempo per organizzarsi al meglio e arrivare all’esame nelle migliori condizioni. I due mesi precedenti alla maturità saranno un periodo cruciale.

Allora, non esitate a chiedere un aiuto esterno per prepararvi… prendendo lezioni private, ad esempio!

Se continuate a preferirlo, ecco qualche consiglio per superare anche l’esame di scuola media brillantemente!

Condividi

I nostri lettori hanno apprezzato questo articolo
Hai trovato le informazioni che cercavi?

Nessuna informazione utile? Sei sicuro?Ok, cercheremo di fare meglio la prossima volta!La sufficienza, menomale! Niente di più?Grazie! Scrivici le tue domande nei commenti!É stato un piacere aiutarti! :-) (media di 5,00 su 5 per 1 voti)
Loading...

Lascia un commento su questo articolo

avatar