Che cosa è necessario sapere per sciogliersi quando si è uno yogi?

Che cosa è necessario sapere per sciogliersi quando si è uno yogi?

Coltiva la tua flessibilità. La vita è in continuo divenire. La flessibilità ti permette di adattarti al movimento della vita. ti permette di reagire con serenità ad un avvenimento imprevisto, ad una attitudine del prossimo che ti sorprenda - Frédéric Lenoir

Praticare yoga è spesso la garanzia di far lavorare i tre aspetti essenziali allorquando si metta in piedi una reale pratica regolare: il mentale, il corpo, e lo spirito. E tra i benefici dello yoga, il più vantaggioso: la flessibilità.  Eh sì, la pratica dello yoga permette spesso di lavorare anche sull'elasticità del corpo.

Un'elasticità che, tra la colonna vertebrale e le gambe, sviluppa sia i muscoli che le articolazioni. Ma in quest'ottica, che si sia di livello principiante o avanzato, viene da porsi parecchie domande, soprattutto sapendo che uno yogi pratica in media 1,6 sedute alla settimana.

La pratica dello yoga è quindi onnipresente nella vita di quelli e quelle che lo praticano, ed è la ragione per la quale capire ed assimilare le sfide della flessibilità può essere una buona idea. Allora, come diventare più sciolti e flessibili con lo yoga? E' forse un obiettivo in sé? Quali son le migliori posture per allungare il corpo?

Tutte queste risposte, e molto ancora, le troverete proprio qui!

 

I migliori insegnanti di Yoga disponibili
Prima lezione offerta!
Fabiola
5
5 (43 Commenti)
Fabiola
35€
/h
Prima lezione offerta!
Diana
5
5 (13 Commenti)
Diana
40€
/h
Prima lezione offerta!
Ilaria
4,9
4,9 (11 Commenti)
Ilaria
30€
/h
Prima lezione offerta!
Giorgia
5
5 (8 Commenti)
Giorgia
20€
/h
Prima lezione offerta!
Francesca
5
5 (6 Commenti)
Francesca
18€
/h
Prima lezione offerta!
Francesca
5
5 (16 Commenti)
Francesca
20€
/h
Prima lezione offerta!
Umbelina
4,9
4,9 (17 Commenti)
Umbelina
15€
/h
Prima lezione offerta!
Giada
5
5 (21 Commenti)
Giada
35€
/h
Prima lezione offerta!
Fabiola
5
5 (43 Commenti)
Fabiola
35€
/h
Prima lezione offerta!
Diana
5
5 (13 Commenti)
Diana
40€
/h
Prima lezione offerta!
Ilaria
4,9
4,9 (11 Commenti)
Ilaria
30€
/h
Prima lezione offerta!
Giorgia
5
5 (8 Commenti)
Giorgia
20€
/h
Prima lezione offerta!
Francesca
5
5 (6 Commenti)
Francesca
18€
/h
Prima lezione offerta!
Francesca
5
5 (16 Commenti)
Francesca
20€
/h
Prima lezione offerta!
Umbelina
4,9
4,9 (17 Commenti)
Umbelina
15€
/h
Prima lezione offerta!
Giada
5
5 (21 Commenti)
Giada
35€
/h
1a lezione offerta>

Bisogna necessariamente essere sciolti per praticare yoga?

Qu'est-ce qu'il faut faire pour être plus souple en yoga ?
La scioltezza e lo yoga vanne spesso molto bene insieme, ma a quale prezzo?

E' fondamentale distinguere bene  lo yoga dalla pratica del Pilates o della ginnastica. In effetti, attraverso le asana (posizioni), la pratica yogica permette di sviluppare una sensazione di "lasciar andare" ed una certa serenità. Certo, ma ci sono delle persone che prendono questo come una sfida sportiva.

In quest'ottica, ci si può chiedere se occorra necessariamente essere sciolti per fare yoga. Concretamente, la risposta è no, ma attenzione, bisogna sapere alcune cose importanti.

Innanzitutto, è importante sapere che la scioltezza non è un traguardo in sè, e non permette di approfittare "meglio" dei benefici dello yoga. Tuttavia sembra evidente che può essere un ingrediente supplementare per andare più lontano in alcune posture, alcuni movimenti.

E siccome la flessibilità non è un dono, bisogna ricordare che non tutti hanno le stesse capacità quando si tratta di eseguire ad esempio la pinza seduta! Ed il grande vantaggio in tutto ciò è che no, non c'è bisogno di essere sciolti per praticare lo yoga, ma che la scioltezza si può lavorare

E lo yoga è uno sport che permette tutto questo, attraverso delle asana precise e di una respirazione corretta, ci si può arrivare poco a poco. Ed effettivamente saper respirare bene è fondamentale per rendere più facili alcuni movimenti, e capire ancora di più le sfide del nostro corpo. Poiché alla fine, la scioltezza nello yoga, è anche e soprattutto: sapersi ascoltare!

Il top dei 10 esercizi per lavorare la propria flessibilità con lo yoga!

Que faut-il savoir pour s'assouplir au yoga ?
Attraverso dei corsi collettivi o dei corsi online, è possibile lavorare la propria flessibilità nello yoga!

Se essere sciolti non è una necessità, ma può aiutare ad eseguire meglio alcune posture di yoga, si capisce che alcune di queste possono imporsi come esercizi perfetti a questo scopo. Eh sì, migliorarsi è anche saper adattare un esercizio, e la forma di yoga che si pratica.

Ecco perché è importante conoscere le posture per tutti i praticanti che non sanno come lavorare la propria scioltezza nello yoga. Eccone una bella selezione, tra allineamenti, allungamenti e yoga dinamico:

  • Il cobra : la posizione a terra  (su di un tappetino per yoga evidentemente!) nella quale allungati(e) sulla pancia, si solleva il busto con gli avambracci. Come migliorare la propria scioltezza delicatamente,
  • La pinza seduta : la postura nella quale, grazie a qualche accorgimento nella respirazione, bisogna sedersi a terra, ed andare a toccare le punte dei piedi  con le mani. Attenzione, l'essenziale  qui è di non forzare!
  • La candela, che certamente tutti conoscono, questa postura nella quale, distesi a terra, si allungano le gambe  verso l'alto, prendendo appoggio sulle braccia,
  • La farfalla, postura nella quale si tratta di mettersi quasi nella posizione del loto, le piante dei piedi unite, e dove si prova ad abbassare le ginocchia fino a terra. Flessibilità garantita!
  • Il cane a testa in giù: la posizione nella quale si forma una V rovesciata, sempre sul tappetino.  Ideale per rilassarsi allo stesso tempo,
  • Il cane a testa in su: dove si assume la stessa base del cobra, solo che in questo caso, si solleva il bacino. Per allungare le membra e far lavorare la forza.
  • Il muso della mucca : nella posizione del loto, si solleva la mano opposta al ginocchio più alto, la si piega, per portarla verso la schiena. Si piega quindi l'altra mano, che raggiunge la prima dietro la schiena. Senza dimenticare di respirare correttamente,
  • Il piccione, a quattro zampe, si porta il ginocchio sinistro in avanti, la gamba destra indietro, e ci si siede sopra, sempre con delicatezza!
  • Il gatto: in ginocchio, ci si china un po' in avanti, appoggiandosi sulle braccia. Si inspira, rilassando un po' il ventre. Si espira, raddrizzando la schiena,
  • L'albero: la postura nella quale ci si mantiene su una gamba, stando in piedi; per lavorare nello stesso tempo la scioltezza e l'equilibrio. La postura ideale per un principiante yogi!

Ma se tutte queste posture sono l'ideale per essere più sciolti e tonici, si può correre il rischio di essere realizzate non correttamente, con il rischio di farsi male, o semplicemente di non essere efficaci. Ecco dunque gli errori da non fare durante le vostre sedute di yoga!

 

Gli errori da evitare per lavorare la propria flessibilità nello yoga!

De quele manière devenir souple avec le yoga ?
Come per tutte le discipline sportiva, lo yoga possiede delle particolarità per lavorare al meglio l'elasticità del proprio corpo!

Eh sì, quando ci si avvicina allo yoga, si capisce rapidamente che ci sono dei passi falsi da non commettere, e degli errori da evitare per lavorare la propria scioltezza. Errori che, se vengono fatti troppo spesso o con  troppa insistenza, possono rapidamente nuocere alla vostra condizione fisica

Tra questi inconvenienti: credere che occorra essere sciolti! In effetti, lo avremo già capito, ma praticare yoga non implica necessariamente torcersi in tutti i sensi! Che si tratti di un corso di prova o meno, le asana permettono proprio di lavorare la scioltezza, e di imparare a conoscere meglio il proprio corpo

Non c'è bisogno di predisposizione!

Quindi, non metterti pressione, lo yoga è aperto a tutti i livelli, quale che sia il proprio potenziale! Nella stessa ottica, un altro errore , è quello di forzarsi ad essere sciolti. Eh sì, quando esegui la pinza seduta, hai più rischi a voler a tutti i costi spingere sulle gambe, piuttosto che a lasciarle sciogliersi via via durante le sedute.

Volere tutto da subito è il nemico dell'efficacità dello yoga. Ascoltati, prendi il tempo di sentire il tuo corpo ed il tuo spirito, e ne trarrai sicuramente un gran vantaggio!

Puoi anche essere tentato di fare il confronto con gli altri, soprattutto se frequenti un corso collettivo. Il tale arriva a toccarsi le punte più lontano di me nell'esercizio, l'altro arriva più lontano di me nell'esercizio... tante piccole considerazioni che possono rapidamente scoraggiarti e legarsi ai due errori precedenti.

L'importante, nella pratica dello yoga, è darsi fiducia, capire le proprie sensazioni, e soprattutto non voler raggiungere il livello di flessibiltà di qualcun altrto. La scioltezza, non è un dono, basta solo un po' di lavoro e di pazienza per arrivarci!

Infine, è fondamentale non dimenticare la respirazione, l'elemento più importante per riuscire in determinate posizioni di flessibilità. Infatti, se non si ascolta bene ciò che le nostre inspirazioni ed espirazioni ci dicono, sarà più facile farsi male, o incaponirsi su un movimento che, se fatto con la corretta respirazione, potrebbe rivelarsi più semplice

Insomma, tra gli esercizi di respirazione, l'espressione corporea e l'introspezione, la flessibilità nello yoga si può lavorare!

 

Yoga: quale routine di stretching adottare?

Quels conseils pour s'assouplir en yoga ?
Giorno dopo giorno, i muscoli del corpo si sciolgono con una buona routine!

E se questo si lavora, è opportuno ricordare che una pratica regolare è garanzia di efficacia. Con una routine stretching per esempio?

In effetti, allungarsi meglio giorno per giorno permette di essere più a propio agio durante un corso, e semplicemente di essere più sciolto. Dall'Hata Yoga, al Iyengar, passando dal Kundalini, crearsi una routine fitness attraverso lo yoga è un'ottima idea. Ma come realizzare tutto ciò? Attraverso alcuni step-chiave:

  1. Dedicare un tempo stabilito alla pratica dello stretching, per esempio 20 minuti al giorno, ma fissati unicamente per te e per te solo(a),
  2. Dare una intenzione alla tua seduta di yoga stretching: fissarsi degli obiettivi, delle riflessioni personali. Per esempio, passare una giornata migliore, riuscire a respirare meglio, ecc.. Questo permette di inquadrare la tua routine,
  3. Non dimenticare di respirare!  Il Pranayama (respirazione) è, ancora una volta, un forte sostegno per prendere sempre più piacere nel praticare la tua routine tutti i giorni,
  4. Non forzare,  dosare gli allungamenti, e sapersi ascoltare ogni giorno meglio,
  5. Diversifica le posture secondo i giorni anche se, spesso, le posture di yoga stretching si realizzano a terra, informati su tutto ciò che è possibile fare, potresti esserne sorpreso(a)!

L'abbiamo ormai capito: la scioltezza e lo yoga, vanno bene, anzi benissimo insieme. Appoggiandosi a degli elementi cruciali come la respirazione e l'ascolto di sè stessi, sarà possibile sviluppare l'elasticità del proprio corpo, approfittando dei benefici interiori dello yoga

Ormai eccoti pronto(a) ad allungarti su un tappetino e scioglierti; adesso tocca a te!

 

Bisogno di un insegnante di Yoga?

Ti è piaciuto l'articolo?

5,00/5 - 1 vote(s)
Loading...

Paola

Traduttrice, insegnante, chissà un giorno....scrittrice. Ma con un'infinita passione per le lingue straniere

Commenti