Pagina iniziale
Dare lezioni

Corsi di cucina Padova

🥇 I/le migliori insegnanti di Padova
💻 4 insegnanti disponibili
🔒 Pagamenti sicuri con Superprof
💸 Nessuna commissione

Qual è il tuo livello?

Eccellente
commenti su
Lezioni private con Superprof

La nostra selezione di insegnanti privati/e di cucina a Padova

Visualizza più insegnanti

16 €/ora

Le migliori tariffe: il 100% dei/delle nostri/e insegnanti offre la prima ora di lezione. In media, le lezioni di cucina a Padova costano 16€.

7 h

Veloci come saette, i/le nostri/e insegnanti ti rispondono in 7h.

01

Trova il/la tuo/la insegnante di cucina a Padova

Dai un'occhiata ai profili di Padova e contatta un/un' insegnante secondo i tuoi criteri (tariffe, diplomi, commenti, lezioni di cucina a domicilio o via webcam)

02

Organizza le tue lezioni di cucina a Padova

Parla con l'insegnante di cucina per condividere le tue necessità e disponibilità. Programma dei corsi di cucina professionali e pagali in tutta sicurezza attraverso la chat Superprof. Impara a cucinare dei manicaretti!

03

Vivi nuove esperienze

Il "Pass Alunno" ti consente l'accesso illimitato a tutti/e gli/le insegnanti e maestri/e di Cucina a Padova, o in altre città, oppure online, per 1 mese. Un mese intero per scoprire nuove passioni.

Scopri tutti/e i/le nostri/e insegnanti di cucina a Padova

Essere seguiti dai/dalle migliori insegnanti per i corsi di cucina Padova

La tradizionale cucina della città di Padova, tra cicheti, polpi e panini

La città del Santo è frequentata da centinaia, anzi da migliaia di studenti universitari. E si sa che buona parte degli iscritti alle diverse facoltà di Padova (come i colleghi del resto d’Italia) non ha a disposizione grosse cifre per mangiare. Anche per loro, però, è possibile assaggiare alcune specialità locali, senza svuotare il portafoglio.

Il classico panino? No molto di più!

Per un pranzo rapido ma nutriente, niente di meglio che un panino; ma non uno qualsiasi, bensì un panino onto (unto, in dialetto veneto). Dalla Zita è una panineria che esiste oramai da quasi trent’anni e che ha visto varcare la propria soglia non solo studenti in cerca di un pasto economico, ma anche padovani doc.

Il motivo di questo successo? La varietà del menù, la qualità degli ingredienti, la freschezza del pane e i prezzi bassi: pensa che con soli 4 euro ti porti via un panino che saprà saziare la tua fame, facendoti sognare ad occhi aperti ad ogni morso.

Il locale è molto piccolo (ma tanto i panini, come sempre e ovunque, si possono mangiare camminando per la città), l’ambiente è piuttosto familiare e una parete intera è ricoperta di post-it scritti a mano, ognuno dei quali riporta gli ingredienti di un panino: Piccante, Mercante di Venezia, Gigi ex Taxi,… sono oltre 200 i menù disponibili, che si adattano ai gusti dei clienti sempre in aggiornamento; non più solo porchetta, formaggio, mortadella o salame, allora, ma anche panini vegetariani e vegani.

Ovviamente, Dalla Zita non è il solo locale di Padova in cui mangiare un panino economico e buono, ma è certamente quello in cui, almeno una volta, dovrai andare: lo trovi in via Gorizia, in pieno centro storico.

Street food o finger food? La folperia

Per chi non teme di sporcarsi le mani (ma nemmeno gli effetti del battuto d’aglio sulle relazioni sociali a breve e brevissima distanza), la Folperia è un banchetto che viene montato a partire da metà pomeriggio e che puoi trovare fino alle otto di sera, nella centralissima Piazza della Frutta.

Il nome di questo stand sui generis deriva dal suo core business: i folpi bolliti, ovvero i polpi bolliti. Arrivano dalla vicinissima (circa 40 km di distanza) Venezia tutti i giorni e si possono mangiare così, seduta stante, alternandoli a baccalà mantecato, polpette di pesce, fritture, bovoetti, masenette, sarde in saor, frittelle di seppia e moeche (ovvero, il granchio in fase di muta). Ovviamente, lo spritz è d’obbligo, in questo caso.

Una porzione di pesce misto costa circa 5 euro, una cifra sicuramente accettabile anche per uno studente.

Mangiare seduti, ad un ristorante, finalmente!

Se, dopo i folpi, ti è rimasto ancora dell’appetito e qualche soldo in tasca, per una trentina di euro trovi parecchi locali presso cui mangiare pietanze locali o importate, ma rivisitate in salsa padovana.

Presso L’osteria l’anfora, ad esempio, ritrovi tutta l’atmosfera di un tempo, quando si dava più importanza al rifocillare gli stomachi vuoti, che all’estetica sia del ristorante, sia del cibo. Per capirci, le pareti sono riempite di quadri e legno, senza magari troppa attenzione agli abbinamenti; le tovaglie sono di carta e di un colore giallino dubbio, ma i tavoli sono sempre tutti occupati: chi entra qui non lo fa perché cerca un impiattamento degno da primo posto all’ultima edizione di Masterchef, ma perché vuole mangiare bene e, possibilmente, tanto.

Ecco, allora i famosi bìgoi, una sorta di spaghetto all’uovo, grossolano e spesso, preparato in tutte le case e i ristoranti del Veneto e condito quasi sempre con sughi grassi di lepre, vitello o qualsiasi altra cosa la fantasia dello chef elabori quel giorno. Per i secondi, come non assaggiare la Gallina padovana o il fegato alla veneziana?

Fatti portare il vino della casa, che berrai in bicchieri di vetro spesso, proprio come nelle osterie di metà Novecento!

I cicheti e i bacareti

Un’altra specialità culinaria padovana è quella dei cicheti, assaggi di un po’ di tutto, con cui accompagnare un’ombra (un bicchiere di vino), fritti o su una fetta di pane. E il Bacareto San Pietro (nell’omonima via del centro cittadino) è un’istituzione, che cerca di mantenere viva una tradizione storica, che rischia altrimenti di essere soppiantata dai più moderni e lombardi apericena e lounge bar.

Il Bacareto San Pietro tenta l’azione di recupero della storia e della cultura culinarie padovane con l’arredamento interno del locale, appositamente povero ed essenziale, e con il menù: frittatine con i bruscandoli, peperoni dolci ripieni di caprino, mozzarella in carrozza, involtini di verza con patate e pancetta, sarde in saor, broccolo romano porro e stracchino, uova sode, speck e noci,…

La pizza a Padova, buona come al sud

Pur trattandosi di una tradizione nata in Campania e diffusasi soprattutto nel sud Italia, non è un mistero che anche al nord si possano mangiare delle ottime pizze.

A Padova, stando alle opinioni di cittadini doc, turisti, studenti universitari stanziali e non, la migliore pizza in assoluto è quella di Orsucci. La prova? Esiste da quasi cento anni e i clienti sono sempre in coda, ad ogni ora del giorno.

La pizza, rigorosamente da asporto, è preparata secondo la ricetta tradizionale di Renato Orsucci, il toscano che, terminato il servizio militare nella città del Santo non ne ha voluto sapere di tornare a Lucca ed ha aperto il locale: all’inizio serviva il castagnaccio, un dolce toscano a base di farina di castagne; qualche anno dopo ha proposto la pizza. In questo terzo decennio del XXI secolo la gestione del locale è arrivata alla terza generazione di Orsucci, ma si dice che la pizza cotta nel forno a legno sia ancora buona come un secolo fa!

Le domande più frequenti:

🧑‍🍳Quanti/e chef sono disposti/e a impartire lezioni private di cucina a Padova?

A Padova e dintorni ci sono 4 cuochi/e disponibili per dare lezioni di cucina.

 

I criteri che dovresti tenere in conto per scegliere l'insegnante più adatto/a a te sono:

  • La tariffa. Oltre al prezzo orario, puoi verificare se l'insegnante propone un pacchetto di più ore, o altre tariffe speciali.
  • La distanza da casa tua.
  • L'esperienza dello/a chef e la sua formazione in relazione al livello ricercato; per ogni necessità esiste l'insegnante adatto/a!
  • I commenti degli/delle ex allievi/e.

Vedrai che seguendo questi criteri, trovare il/la professore/essa ideale sarà facilissimo

💸 Quanto costa in media una formazione a domicilio di cucina a Padova?

La tariffa media di una lezione di cucina a Padova varia a seconda dell'insegnante e dipende da tre fattori:

  • Dell'esperienza dello/a chef.
  • Il luogo in cui si svolgeranno le lezioni private: a casa dell'allievo/a, a casa dell'insegnante, online o in un altro luogo, come la cucina di un ristorante.
  • La cadenza e la continuità dei corsi privati.

 

La maggior parte dei/delle nostri/e insegnanti di cucina offre gratuitamente la prima ora.

 

Scopri le tariffe degli/delle insegnanti vicino a casa tua con una semplice ricerca su Superprof.

💻 È possibile apprendere a cucinare a distanza con un/una cuoco/a trovato/a su Superprof?

Assolutamente sì! La maggior parte dei/delle nostri/e insegnanti, oltre a dispensare lezioni presenziali, propone anche corsi via webcam.

 

Le lezioni via webcam sono meno care rispetto ai corsi a domicilio perché non ci sono supplementi di trasporto e sono più flessibili con l'orario perché si risparmia il tempo del tragitto. Ovviamente, in campo culinario ci sono degli inconvenienti, dal momento che lo chef non potrà assaggiare le tue preparazioni, ma vedrai che riuscirai comunque ad ottenere risultati stupefacenti!

 

I corsi di cucina a distanza sono un'ottima opportunità per scoprire le principali tecniche culinarie e portare la propria abilità ai fornelli a un livello superiore. Ti basterà avere un computer, una connessione a internet e il necessario per preparare le pietanze dei tuoi sogni!

✍🏻 A Padova, qual è il voto medio che hanno ricevuto i/le nostri/e insegnanti di cucina?

Gli/le chef di Superprof a Padova hanno ricevuto un totale di opinioni e il voto sulla media globale è di su cinque. Non male, no?

 

Dietro Superprof c'è un'equipe disponible dal lunedì al venerdì per rispondere ai tuoi dubbi. Puoi contattarci per telefono o via mail.

 

Per ulteriori dubbi, puoi consultare le nostre domande frequenti, dove rispondiamo ai dubbi più frequenti.

 

🍝 Per quale motivo scegliere un corso di cucina a Padova?

La cucina è una delle arti più gradite dagli/dalle italiani/e. Proprio per questo, molte persone sognano di imparare i segreti dei fornelli per stupire familiari e amici.

 

Negli istituti alberghieri, la cucina rappresenta un incubo per tanti studenti. Molti ragazzi e molte ragazze non riescono a ottenere la sufficienza in questa materia. Inoltre, più si va avanti con il percorso, più le ricette si fanno complesse e le aspettative alte. Prendere lezioni di cucina extra-scolastiche permette di migliorare la propria abilità ai fornelli, spianando la via per una carriera professionale in campo gastronomico.

 

Le lezioni di cucina sono indicate non solamente per gli/le alunni/e degli istituti alberghieri con difficoltà nella materia, ma si rivolgono anche a tutti/e coloro che sognano una carriera come cuochi/e e che desiderano perfezionare le proprie doti culinarie per realizzare piatti sempre più saporiti.

 

Che cosa aspetti a metterti in contatto con i/le nostri/e chef a Padova?